Cosa succede se i server di Stadia vanno down? La risposta di Google

Cosa succede se i server di Stadia vanno down? La risposta di Google

Uno dei responsabili del progetto Google Stadia è intervenuto in una discussione pubblica su Reddit, rispondendo ad alcune perplessità dei giocatori alla vigilia dell'arrivo del cloud gaming

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Videogames
GoogleStadia
 

Google Stadia arriverà in diversi mercati nel prossimo mese di novembre, Italia inclusa. Costerà 9,99 Euro al mese per quanto riguarda l'abbonamento di base, mentre per Stadia Founder's Edition, comprensivo di Chromecast Ultra, un'edizione limitata del controller di Stadia in colore blu notte e di un abbonamento della durata di tre mesi, serviranno 129,99 Euro.

Google Stadia rappresenta un cambiamento molto importante per l'industria dei videogiochi. Innanzitutto, perché Google si propone come competitor diretto dei produttori di console Microsoft, Sony e Nintendo, e poi perché punta a trasferire il gaming sul cloud, tagliando la necessità di acquistare hardware fisico. Questo passaggio produce una serie di perplessità nei giocatori abituati all'approccio tradizionale, espresse anche in questa discussione Reddit AMA in cui gli utenti hanno posto delle domande ad Andrey Doronichev, director of product di Google Stadia.

Google Stadia

"È vero, passare al cloud fa paura", ha scritto Doronichev. "Da appassionato di musica, mi sono sentito allo stesso modo quando c'è stato il passaggio dai file allo streaming. Ho ancora tutti i vecchi CD nel mio garage, ma oggi avrei molte difficoltà a reperire un lettore CD per ascoltarli".

Nello specifico Doronichev risponde alla domanda di un giocatore che si chiede cosa succederebbe agli acquisti precedentemente effettuati nel caso di interruzione del servizio Google Stadia e chiusura dei suoi server. Nel mondo dei videogiochi, infatti, sono capitati casi di una certa serietà che hanno portato alla perdita di contenuti regolarmente acquistati per via del fatto che esistevano solo nel formato digitale.

"Lo stesso è successo a film, foto, documenti ed altri tipi di file" continua Doronichev. "Per i giochi non è diverso: saranno al sicuro sul nostro cloud. Negli ultimi anni abbiamo investito moltissimo in tecnologia, infrastrutture e partnership: nulla nella vita è certo, ma siamo impegnati a rendere Stadia un successo".

Google Stadia fin dal primo giorno permetterà di scaricare in locale diversi tipi di dati associati ai giochi, come i salvataggi. D'altronde, i giochi stessi, per una questione di sicurezza, non potranno essere scaricati: quindi, se i server di Stadia per qualunque motivo andassero down, i giochi non sarebbero più raggiungibili, momentaneamente o definitivamente.

"Certo, non possiamo fornirvi altre prove al di là delle nostre parole. Quello che possiamo fare è lanciare il servizio e continuare a investire nei prossimi anni. Così come abbiamo fatto con Gmail, Docs, Musica, Film e Foto".

Il passaggio al digitale nell'industria dei videogiochi è perentorio in questa fase, confermato tra le altre cose dai risultati finanziari Ubisoft che evidenziano come il 93% delle vendite nell'ultimo esercizio fiscale sia avvenuto proprio nel formato digitale. Google, ma non solo, crede che il prossimo passaggio preveda ancora più digitalizzazione e che dopo il supporto fisico scomparirà anche l'hardware, perlomeno per certi tipi di giochi. Microsoft ha piani molto simili e lancerà il suo Project xCloud a ottobre dopo aver effettuato le prime prove al prossimo GamesCom. Molte altre case produttrici di videogiochi stanno collaudando progetti similari in cloud.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
OptimusAl20 Luglio 2019, 09:48 #1
le infrastrutture di un colosso come google sono così ridondanti, protette e gestite che se tutta l'infrastuttura di google andasse giù per un periodo "consistente" a creare un disservizio percepibile, il problema sarebbe verosimilmente così grave che il non poter giocare sarebbe certamente l'ultimo dei nostri problemi
biometallo20 Luglio 2019, 10:25 #2
Originariamente inviato da: OptimusAl
le infrastrutture di un colosso come google sono così ridondanti, protette e gestite che se tutta l'infrastuttura di google andasse giù per un periodo "consistente" a creare un disservizio percepibile, il problema sarebbe verosimilmente così grave che il non poter giocare sarebbe certamente l'ultimo dei nostri problemi


Credo che si intenda nel caso stadia faccia la fine di Google plus e vada ad arrochire il già vasto cimitero di google


Ma per quanto sia marginale mi permetto di fare notare che questa affermazione: "Ho ancora tutti i vecchi CD nel mio garage, ma oggi avrei molte difficoltà a reperire un lettore CD per ascoltarli" è una stronzata colossale, dai, se perfino procurarsi un giradischi o un vcr e fattibilissimo non vedo che difficoltà ci sia nel trovare un lettore cd, che poi i cd li riproducono tutti i dispositivi dotati di lettori ottici... computer, console, lettori dvd, lettori bluray, ci manca solo frullatori e tostapane
OptimusAl20 Luglio 2019, 10:32 #3
Originariamente inviato da: biometallo
Credo che si intenda nel caso stadia faccia la fine di Google plus e vada ad arrochire il già vasto cimitero di google


Ma per quanto sia marginale mi permetto di fare notare che questa affermazione: "Ho ancora tutti i vecchi CD nel mio garage, ma oggi avrei molte difficoltà a reperire un lettore CD per ascoltarli" è una stronzata colossale, dai, se perfino procurarsi un giradischi o un vcr e fattibilissimo non vedo che difficoltà ci sia nel trovare un lettore cd, che poi i cd li riproducono tutti i dispositivi dotati di lettori ottici... computer, console, lettori dvd, lettori bluray, ci manca solo frullatori e tostapane


eheh si probabile, anche se "sadicamente" l'altra volta in negozio (informatica) è entrata una signora che chiedeva un giradischi, ridacchiando le ho detto "è in ritardo di una 20ina d'anni".. mi hanno chiesto un lettore mp3 ed ho rimodulato a "5 anni di ritardo"... consapevole che si trovano entrambi e che forse addirittura i giradischi vendono bene, però chiederlo in un negozio di informatica ha fatto uscire un po' di sadismo
chaosblade20 Luglio 2019, 11:18 #4
non mi interessa pagare un ulteriore servizio dei troppi che ho che magari non utilizzo regolarmente è molto diverso che comprare un gioco e giocarlo quando si ha voglia o tempo.
thresher325320 Luglio 2019, 13:20 #5
Originariamente inviato da: biometallo
Credo che si intenda nel caso stadia faccia la fine di Google plus e vada ad arrochire il già vasto cimitero di google


Ma per quanto sia marginale mi permetto di fare notare che questa affermazione: "Ho ancora tutti i vecchi CD nel mio garage, ma oggi avrei molte difficoltà a reperire un lettore CD per ascoltarli" è una stronzata colossale, dai, se perfino procurarsi un giradischi o un vcr e fattibilissimo non vedo che difficoltà ci sia nel trovare un lettore cd, che poi i cd li riproducono tutti i dispositivi dotati di lettori ottici... computer, console, lettori dvd, lettori bluray, ci manca solo frullatori e tostapane

Al limite é più probabile che quei CD siano illeggibili dopo svariati anni di umidità e polvere
Eress20 Luglio 2019, 14:24 #6
Cosa può succedere secondo voi, non giocate
biometallo20 Luglio 2019, 15:50 #7
Originariamente inviato da: Eress
Cosa può succedere secondo voi? Non giocate


La questione è un po' più complessa per quando è sempre la solita polemica vecchia quanto la distribuzione digitale:

Se io compro 1000$ in giochi stadia, e poi il servizio chiude, esattamente dove l'ho preso? (domanda retorica non serve risposta)

E la riposta che mi pare si legge qui è "vale anche per i film e la musica che compri sulle piattaforme digitali" è infatti io non ci spenderei mai troppi soldi, cioè "buttar via" 3 euro per vedere un film è un conto, ma spendere la cifra di un gioco nuovo (perché se ho capito bene i giochi su stadia non costeranno poco) beh, proprio no...
Therinai20 Luglio 2019, 16:14 #8
Penso che questa persona avrebbe fatto meglio a stare zitta
Parlare di questo tema affiancandolo a un "non so dove reprire un lettore cd" mi fa pensare al nostro ministro dei trasporti.
Poi vabbeh, di sicuro questa persona non conta un cazzo, ma spero che google lo banni dall'internet giusto per evitare altre uscite infelici
Wolland20 Luglio 2019, 16:49 #9
Originariamente inviato da: biometallo
La questione è un po' più complessa per quando è sempre la solita polemica vecchia quanto la distribuzione digitale:

Se io compro 1000$ in giochi stadia, e poi il servizio chiude, esattamente dove l'ho preso? (domanda retorica non serve risposta)

E la riposta che mi pare si legge qui è "vale anche per i film e la musica che compri sulle piattaforme digitali" è infatti io non ci spenderei mai troppi soldi, cioè "buttar via" 3 euro per vedere un film è un conto, ma spendere la cifra di un gioco nuovo (perché se ho capito bene i giochi su stadia non costeranno poco) beh, proprio no...


In effetti è un po' lo stesso per i giochi su Steam. Se domani fallisse e chiudesse, perderesti tutto ciò che hai acquistato.
Therinai20 Luglio 2019, 16:58 #10
che poi che domandona è? Chiediamoci cosa succede se fallisce la banca dove abbiamo tutti i soldi a questo punto

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^