I 22 migliori videogiochi dell'E3 2016

I 22 migliori videogiochi dell'E3 2016

Abbiamo selezionato quelli che secondo noi sono i giochi presentati all'E3 che più faranno parlare di sé nei prossimi mesi. All'interno della rassegna non troverete quei titoli che sono stati solamente annunciati senza che sia stato mostrato qualcosa di concreto durante la fiera.

di Rosario Grasso, Davide Spotti pubblicato il nel canale Videogames
MicrosoftSonyNintendo
 

Call of Duty Infinite Warfare

Call of Duty Infinite Warfare
publisher: Activision
software house: Infinity Ward
piattaforme: PC, PlayStation 4, Xbox One
data di pubblicazione: 4 novembre 2016

Il nuovo Call of Duty, per quanto riguarda la campagna single player, metterà i giocatori nei panni del Capitano Nick Reyes, a cui viene affidata la Retribution, l'ultima grande nave da battaglia ancora in servizio. Come i precedenti Call of Duty, questa storia è ambientata in un contesto di fantapolitica in un ipotetico futuro dove le colonie marziane che formano la Settlement Defense Force si ribellano al dominio umano e attaccano in maniera diretta i più importanti centri di comando umani.

Approfittando della parata militare della nuova ONU terrestre a Ginevra, la UNSA, la SDF riesce a mettere fuori gioco tutta la flotta spaziale sferrando un unico attacco. Tutte le navi sono adesso inutilizzabili, tranne la Retribution e la Tigris. L'attacco manda la città nel caos e ora unità robotiche combattono furiosamente con le truppe terrestri, nel disperato tentativo di difendere i punti nevralgici.

Il ruolo del Capitano sarà ben evidente dalla prospettiva del giocatore, visto che l'equipaggio reagirà dinamicamente a Reyes. Ci saranno vari personaggi carismatici che interagiranno continuamente con il personaggio interpretato dal giocatore, in modo da dare colore alla storia e arricchirla di particolari. Il giocatore si sentirà in questo modo coinvolto e a responsabilizzarlo. Reyes, infatti, si è trovato per caso a dover ricoprire il ruolo del Capitano: questo lo metterà in crisi in certi casi, anche perché è ormai l'ultima speranza per la specie umana. Tutto questo rende Reyes una persona tangibile, con le sue certezze e le sue debolezze.

Può sembrare curioso, ma in Infinite War c'è una corposa, anche se facoltative, componente di pilotaggio di navi spaziali. Il giocatore può infatti decidere di intraprendere queste missioni facoltative al fine di sbloccare armi uniche, upgrade, informazioni o elementi cosmetici. In queste missioni bisogna solitamente avvicinare delle navi nemiche, abbordarle e recupere oggetti o importanti informazioni che si trovano al loro interno. Non si tratta di missioni "scriptate", visto che il controllo delle navi è completamente libero e capiterà di dover sfidare diverse minacce contemporaneamente.

Un Call of Duty in salsa pirateria spaziale, ma con diverse novità anche per quanto riguarda i combattimenti classici, qui declinati nella variante a gravità zero. C'è un nuovo rampino, che permetterà di raggiungere piattaforme sopraelevate e di agganciare i nemici e vari tipi di granata, da quelle a ricerca a quelle capaci di generare una bolla antigravitazionale che tiene bloccati i nemici. Durante le battaglie a terra si possono designare alcuni bersagli sensibili, in modo che vengano bombardati dall'alto, o usare dei dispositivi per fare l'hacking delle unità robotiche in mano al nemico.

 
^