Recensione Assassin's Creed Unity: la Rivoluzione conservatrice

Recensione Assassin's Creed Unity: la Rivoluzione conservatrice

Il lancio di questo ennesimo capitolo della saga di Assassin’s Creed è stato particolarmente travagliato, soprattutto per le reiterate problematiche di natura tecnica. Nei panni di Arno Dorian veniamo catapultati nella delicata epoca rivoluzionaria, in una Parigi minuziosamente ricreata. Le fasi stealth sono state riviste rispetto a Black Flag, così come il sistema di combattimento, sebbene l’impressione generale trasmessa dal gioco ci sia sembrata fin troppo simile alle esperienze già vissute in passato.

di Davide Spotti pubblicato il nel canale Videogames
Assassin's Creed
 

Conclusioni

Abbiamo aperto questa recensione parlando di Rivoluzione conservatrice, un ossimoro che rende perfettamente l’idea di cosa ci si può aspettare da questo Assassin’s Creed Unity.

La cura nella creazione artistica delle ambientazioni è, come da tradizione, uno dei punti forti della serie, ed era da anni che aspettavamo di poter veder rappresentata la città di Parigi in un’epoca di grandi cambiamenti come quella della Rivoluzione francese. Al di là dell’ambientazione, le altre valutazioni di segno positivo riguardano soprattutto l’introduzione della modalità cooperativa e la presenza di un personaggio convincente come Elise, sebbene gli eventi siano fin troppo concentrati sulla sua figura.

Nondimeno, sono numerosi i dettagli che si rivelano, ad un’attenta analisi, in tutto o in parte fallimentari. Le aggiunte introdotte per la parte stealth erano doverose ma non funzionano come ci si sarebbe potuti aspettare, mentre su questo fronte sono state eliminate altre opportunità di azione che in Black Flag funzionavano piuttosto bene e avrebbero meritato una conferma.

Arno è un personaggio di discreto interesse ma le sue similitudini con Ezio Auditore lo mettono in ombra e danno quella sensazione di deja vu su cui gli sviluppatori avrebbero dovuto lavorare, proprio per evitare una deriva, che si percepisce anche nella trama, peraltro a tratti fumosa e non appagante come ci si sarebbe potuti aspettare.

Ci sono poi le note dolenti inerenti il sistema di combattimento e, soprattutto, l’inaccettabile carenza dimostrata dall’IA nemica, anche in questo caso all’insegna della conservazione, per non dire della regressione, visto che in Black Flag le impressioni da parte nostra erano state sensibilmente migliori. Tutti questi appunti si aggiungono alle già citate difficoltà dal punto di vista tecnico, che hanno contribuito a gettare ulteriore benzina sul fuoco e alimentare le critiche.

L’annuncio di Victory lascia presagire l’intenzione di Ubisoft di proseguire imperterrita sulla sua strada, forte delle vendite che continuano ad essere ottime e incurante dei problemi e delle chiare involuzioni alle quali abbiamo assistito con questo primo capitolo di nuova generazione. Al di là delle pecche grafiche, l’impressione è che siano finite le idee. Sarebbe quindi il caso di fermarsi, pensare a nuove strategie, riporre i cappucci in un angolo, per qualche tempo. Oppure chissà, lasciare che questo brand faccia la stessa fine di un Guitar Hero, dopo aver esagerato ancora, e ancora. Staremo a vedere.

  • Articoli Correlati
  • Assassin's Creed Unity: ecco com'è la grafica su PC Assassin's Creed Unity: ecco com'è la grafica su PC In questo articolo ci concentriamo sugli aspetti tecnici della grafica della versione PC di Assassin's Creed Unity e, in particolare, valutiamo l'apporto della suite NVIDIA GameWorks. Purtroppo Assassin's Creed Unity ha avuto molte problematiche tecniche nella fase di lancio, ma allo stato attuale delle cose, benché ci siano problemi ancora con le texture e con lo streaming del mondo di gioco, è perlomeno giocabile.
5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
okorop10 Dicembre 2014, 11:42 #1
fate sempre dei begli articoli sui giochi tuttavia se ci metteste anche dei benchmark di cpu e vga sarebbero piu' completi, chissa se un giorno li testerete in tal modo
hek10 Dicembre 2014, 15:58 #2
ma a che serve fare recensioni un mese dopo l'uscita del gioco?
quando ormai anche il mio cane ha finito il gioco e sbloccato tutti i trofei
un mese per testare un gioco...bel record
gildo8810 Dicembre 2014, 18:18 #3
A parte la tempestica della recensione, finalmente si ha il coraggio di affossare questa pagliacciata di gioco che fanno ogni anno che prende il nome di AC e che è sempre la stessa solfa, per giunta questa volta peggiorata. Il giorno in cui la gente smetterà di comprare questa roba sarà un gran giorno.
Therock270910 Dicembre 2014, 18:53 #4
Originariamente inviato da: hek
ma a che serve fare recensioni un mese dopo l'uscita del gioco?
quando ormai anche il mio cane ha finito il gioco e sbloccato tutti i trofei
un mese per testare un gioco...bel record


Immagino perché hanno aspettato che il gioco diventasse minimamente giocabile, visto che al d1 era una beta, anzi una pre-alpha
bobby1010 Dicembre 2014, 20:42 #5
Originariamente inviato da: hek
ma a che serve fare recensioni un mese dopo l'uscita del gioco?
quando ormai anche il mio cane ha finito il gioco e sbloccato tutti i trofei
un mese per testare un gioco...bel record


magari anche la redazione si è rifiutata di acquistare sta schifezza prima che diventasse un minimo giocabile

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^