Euro Truck Simulator 2: scopri il camionista che c'è in te

Euro Truck Simulator 2: scopri il camionista che c'è in te

Anche se è passato tanto tempo dal rilascio, vogliamo comunque tornare a parlare di questo interessantissimo gestionale sviluppato in maniera indipendente dalla software house della Repubblica Ceca SCS Software. Nel corso della recensione scopriremo, infatti, quali sono i motivi che rendono Euro Truck Simulator 2 così speciale.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

La parte gestionale

Dal punto di vista della gestione Ets 2 è un gioco particolarmente interessante, di quelli che tengono definitivamente incollati al monitor certi giocatori. Parlo ovviamente di chi ama titoli come Railroad Tycoon, Civilization o i vecchi Theme Park e Theme Hospital, tanto per fare qualche nome. Insomma, il sistema di ricompense alla pianificazione e alla dedizione che va messa per gli spostamenti (contate che non c'è alcuna opzione di tempo accelerato) è assolutamente ben strutturato. Chi ama i giochi di questo tipo, insomma, si ritroverà a impegnarsi in sessioni di gioco di ore e ore, proprio perché abituato a porsi sempre nuovi obiettivi che si ha gran voglia di adempiere il più in fretta possibile.

Il giocatore gestisce una flotta di camion e può assumere altri autisti per migliorare la resa commerciale dell'azienda. Nelle città infatti ci sono vari punti con cui è possibile interagire, come nuove concessionarie pronte a venderci i camion, agenzie del lavoro, meccanici, garage. Questi punti vanno scoperti, esplorando le relative città, prima di diventare disponibili. Le agenzie del lavoro, ad esempio, ci permettono di assumere nuovi autisti, mentre nei garage possiamo conservare nuovi mezzi. Più garage si hanno e più grande sarà la dimensione massima della flotta di camion.

Gli autisti hanno un livello di abilità differente, che migliora con il passare del tempo e con le consegne realizzate. Bisogna notare che non basta assumere un autista, ma occorre anche assegnargli un camion. Nella prima parte del gioco, quindi, occorre fare un ingente investimento, cosa possibile solamente chiedendo un paio di prestiti alla banca, sui quali ovviamente vanno versati gli interessi. In Ets 2, tuttavia, non c'è solo il lavoro autonomo, ma si possono realizzare delle consegne anche come semplici dipendenti. In questo caso si guadagnerà una quantità minore di soldi per ogni consegna, ma non serviranno camion di proprietà e quindi anche il prestito potrebbe diventare superfluo.

Il giocatore può consultare un elenco di lavori disponibili sia per gli incarichi autonomi che per quelli dipendenti. L'elenco comprende tantissimi lavori, fra i quali il giocatore può scegliere con cognizione di causa. Per esempio, se è disposto a fare lunghi tragitti potrebbe optare per il viaggio più lungo, che è naturalmente anche quello più remunerativo. Oppure potrebbe decidere di fare sempre piccoli tratti. Questo menu, infatti, permette di filtrare i lavori in base alle tempistiche che richiedono, al luogo d'origine o al tipo di merce da trasportare. Se ci troviamo in una certa città, quindi, potremo consultare tutte le offerte di lavoro la cui merce si trova in quella città. Gli altri autisti gestiti dall'intelligenza artificiale, invece, si gestiscono autonomamente, anche se è possibile stabilire quale camion della flotta devono usare.

Il giocatore deve gestire poi anche altri parametri. Innanzitutto lo stato d'usura del mezzo, visto che quest'ultimo può danneggiarsi in caso di collisione o semplicemente perdere prestazioni perché è stato usato troppo a lungo. In questi casi occorre andare da uno dei meccanici che si trovano in città e pagare per le riparazioni. Poi bisogna monitorare anche il livello di carburante che c'è sul mezzo e fare benzina in caso di necessità. Attenzione, perché fare il pieno costa moltissimo, anche mille euro per certi camion.

Infine, bisogna gestire il livello di stanchezza dell'autista interpretato dal giocatore. Questi, infatti, può rimanere sveglio per un certo numero di ore consecutive, dopo di che richiederà la sosta in un parcheggio o in un motel per riposare. Se non ci fermeremo il gioco ci avvertirà dell'inadempienza ai ritmi di gioco che stiamo praticando. Dopo due o tre avvisi comincerà a sanzionarci, prelevando automaticamente 150 euro dal conto in banca per ogni notifica ricevuta.

L'alter ego del giocatore ha anche una progressione in stile gioco di ruolo. Per ogni consegna effettuata, infatti, otterremo dei punti esperienza che verranno incanalati in una barra di progressione scandita da livelli di esperienza. Per ogni nuovo livello raggiunto, poi, bisognerà distribuire dei punti abilità nelle voci previste. Sarà così possibile rendere l'autista più avvezzo ai lunghi tragitti, migliorare l'esperienza nel consumo di risorse e quindi ridurre i consumi di carburante per ogni viaggio o guadagnare sempre più con il trasporto di merci preziose.

 
^