The Elder Scrolls Online: Tamriel adesso in un MMORPG

The Elder Scrolls Online: Tamriel adesso in un MMORPG

In occasione del Bethesda for Gamers svoltosi a Londra qualche giorno fa, abbiamo avuto modo di provare una beta di The Elder Scrolls Online, il nuovo atteso MMORPG che permetterà ai fan della storica serie ambientata a Tamriel di godere di scenari, storie e personaggi in un modo completamente diverso rispetto alla tradizione. All'interno trovate anche l'intervista a Matt Firor, game designer di The Elder Scrolls Online.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Wamasu, Ogrim e Dreugh

Tornando al nostro giocato, abbiamo avuto a che fare con diverse creature avversarie. Nella parte che circodava Daggerfall, infatti, poteva capitare di dover affrontare degli Imp o degli Spriggan. Ma il lore di Elder Scrolls aiuterà anche in questo aspetto, visto che ci saranno "mobs" di tutti i tipi, alcuni dei quali prelevati dai precedenti giochi della serie.

Ad esempio, i Wamasu sono dei rettili molto potenti che infestano le Black Marsh e che saranno presenti sia in versione normale che epica. Coloro che hanno giocato Morrowind, invece, riconosceranno gli Ogrim. Una terribile creatura che si trova nelle grotte e che somiglia a un orco sormontato da tantissimi spuntoni. Non poteva mancare, poi, il Dreugh, già visto in Morrowind e in Oblivion. In Teso lo troveremo in forma acquatica, nella fattispecie nelle aree costiere di Tamriel: e nella forma terrestre, riscontrabile nelle foreste di Cyrodill.

Come dicevamo, i combattimenti contro queste bestie saranno estremamente frenetici e bisognerà muoversi molto per ridurre il numero di HP persi. Mentre è molto interessante la profondità del mondo di gioco con tanti edifici esplorabili in città e tante storie da apprendere. Che il lore di Elder Scrolls sia sfruttato pienamente, dunque, non è questione da mettere in discussione. Piuttosto, rimane la sensazione è che Teso sia un MMORPG piuttosto tradizionale come meccaniche di gioco e struttura e, in considerazione dell'insuccesso di altri suoi rivali come Star Wars The Old Republic, potrebbe non sfondare come si aspetta Bethesda.

Alla fine della missione sul complotto ai danni del re, ci troviamo nel palazzo reale di Daggerfall e dobbiamo sventare proprio un attentato nei confronti del governatore. È un combattimento leggermente più difficile rispetto agli altri, che ci impone movimenti rapidi con la necessità di schivare i colpi del regicida. Le missioni successive, invece, si svolgono fuori dalla città, nelle campagne limitrofe. Qui si ha a che fare con i "mobs" che abbiamo prima descritto, oltre che con villaggi incendiati ed eserciti di guarnigione.

Il gioco è attualmente in fase di beta test chiuso, ma già diverse ondate di inviti sono state spedite ai richiedenti, e altri inviti verranno mandati prossimamente. La versione definitiva del gioco arriverà nel corso del 2013 nei formati PC e Mac, mentre in funzione del livello di successo del gioco, una versione console potrebbe arrivare in futuro.

Zenimax e Bethesda hanno lavorato per molti anni su un loro MMORPG, ma hanno annunciato The Elder Scrolls Online solamente il 31 maggio 2012. L'attesa di chi non resiste al fascino di Tamriel sta ormai per finire...

 
^