Google Stadia Gen 2: nuovo hardware e machine learning per migliorare il servizio

Google Stadia Gen 2: nuovo hardware e machine learning per migliorare il servizio

Con l'uscita (Covid-19 permettendo) di Xbox Series X e PlayStation 5, Google dovrà aggiornare i propri server Google Stadia per competere con Sony e Microsoft. Qualche indiscrezione lascia pensare che stia lavorando a una Gen 2 di Stadia.

di pubblicata il , alle 12:41 nel canale Videogames
GoogleStadia
 

Google non molla e, nonostante il difficoltoso lancio della prima generazione, sta lavorando su un potenziamento di Google Stadia. Secondo quanto ha riferito StadiaCast, una fonte affidabile quando si tratta di indiscrezioni sul servizio di cloud gaming di Google, uno sviluppatore avrebbe rivelato di essere al lavoro, così come altri suoi colleghi, sulla Gen 2 di Stadia.

Google sembra intenzionata a fornire gli strumenti che possano consentire agli sviluppatori di sfruttare al meglio il nuovo hardware e di offrire esperienze di gioco superiori rispetto a quelle consentite dalla prima generazione, limitata da una serie di problemi tecnici e da un catalogo titoli insufficiente (oltre al business model contorto).

Google Stadia

Naturalmente c'è una sfida con gli altri proprietari di piattaforme di gioco: Microsoft e Sony stanno per lanciare le loro nuove console quest'anno, Xbox Series X e PlayStation 5, e Google dovrà assicurarsi di avere hardware altrettanto competitivo nei propri datacenter. Il suo vantaggio è ovviamente di non richiedere ai giocatori l'acquisto di nuovo hardware.

Secondo una fonte separata, Google starebbe allo stesso tempo lavorando su una piattaforma di machine learning al fine di facilitare lo sviluppo di videogiochi per Stadia. Si tratta del cosiddetto Project Chimera, una soluzione di apprendimento automatico di Google che potrebbe essere utilizzata dai piccoli team indipendenti per sviluppare enormi titoli open world senza compromessi in termini di portata e dettagli. "E se un team di 14 persone potesse creare un mondo della portata di World of Warcraft?" ha detto Erin Hoffman-John, head of creative for R&D di Stadia, a MCVUK. "Questi lavori prevedono la creazione di contenuti ripetitivi: si tratta di impiegare il 70% del lavoro nella creazione di contenuti e il 30% per il codice".

Project Chimera è una GAN (Generative Adversarial Network), funzionalmente simile a ESRGAN, una rete neurale che i modder hanno utilizzato per migliorare le texture dei vecchi giochi. Il progetto Chimera ha tuttavia applicazioni molto più ampie. Addestrando il bot di intelligenza artificiale su regole di gioco, risorse e gameplay, gli sviluppatori saranno in grado di utilizzare la rete neurale per generare spazi del mondo di gioco, NPC e missioni.

Hoffman-John ha anche detto che gli sviluppatori potrebbero sfruttare il machine learning per il debug dei loro giochi. Il sistema, infatti, potrebbe potenzialmente fornire ai piccoli team di sviluppo feedback su bug e problemi di bilanciamento, che normalmente richiedono centinaia di beta tester. Project Chimera dunque potrebbe essere un'altra importante freccia all'arco di Google per migliorare Stadia, anche se rimangono ignote le tempistiche per la disponibilità della tecnologia.

Intanto, una boccata d'ossigeno per Stadia arriva dopo l'accesso libero per due mesi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Axios200627 Aprile 2020, 13:21 #1
business model contorto


Free:
- acquisto di qualsiasi titolo che si desidera
- gioco a massimo 1080p

Abbonamento:
- 9,99 euro al mese
- risoluzione 4k e audio 5.1
- 2 o piu' giochi gratis al mese


Link ad immagine (click per visualizzarla)

https://store.google.com/it/product/stadia_learn
Dinofly27 Aprile 2020, 14:43 #2
Sono molto curioso di vedere i risultati.
Ho paura che sia difficile creare una serie di casistiche sufficienti su cui addestrare una rete neurale.

Detto ciò, sarebbe comunque uno dei game changer più importanti nella storia del videogioco, se mai l'AI riuscisse a democratizzare la produzione di contenuti di intrattenimento (non sol ogiochi), sarebbe una rivoluzione incredibile.
Vindicator2327 Aprile 2020, 16:15 #3
questo servizio è molto utile anche nelle seconde case dove non hai la fibra ed hai il 4g flat
Seph28 Aprile 2020, 03:05 #4
Non mi risulta esista una vera 4g flat, cioe magari arriva 200/300GB al mese. Sto coso consuma 20GB per hour. E in qualsiasi caso la latenza sarebbe mostruosa (600ms di media).
ramses7728 Aprile 2020, 08:08 #5
Resto in attesa che cambino il listino, come fanno i giochi al consumatore finale frega zero. Pagare servizio e giochi (questi a prezzi superiori al dettaglio) è senza senso e se non cambiano si affosseranno.
nickname8828 Aprile 2020, 10:15 #6
Originariamente inviato da: Axios2006
Free:
- acquisto di qualsiasi titolo che si desidera
- gioco a massimo 1080p

Abbonamento:
- 9,99 euro al mese
- risoluzione 4k e audio 5.1
- 2 o piu' giochi gratis al mese
Il problema è che se quasi tutti i titoli fanno schifo è inutile.
Totalmente inutile poi se quei pochissimi titoli interessanti che sono presenti in catalogo sono già posseduti dall'utente su altre piattaforme, e per giunta i loro titoli devono per forza essere acquistati dal loro store dove costano un salasso !

Senza contare che aldilà dell'HW montato il dettaglio ed il frame rate dei giochi è deciso a fronte di occupare il minor num di risorse possibili, basti vedere come gira Destiny 2, che su una Vega56 in locale si esprime molto meglio di quanto offerto da quest'ultima su Stadia.

Questo servizio è solamente patetico e l'unico motivo per cui si parla è perchè è uscito per primo.
Cosa caspita serve poi lo streaming in 4k se i titoli non solo non girano in 4k ma addirittura sono afflitti dai limiti della compressione video che li deturpa ulteriormente in termini di nitidezza ?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^