Fortnite: bannato a vita pro player sorpreso a usare cheat

Fortnite: bannato a vita pro player sorpreso a usare cheat

Jarvis 'Jarvis' Kaye, membro FaZe Clan, uno dei più popolari nel mondo degli eSport, ha usato un aimbot, il che evidentemente contrasta con le politiche di Epic Games

di pubblicata il , alle 12:41 nel canale Videogames
EpicFortnite
 

Epic Games ha bannato da Fortnite, in via permanente, Jarvis 'Jarvis' Kaye, membro del FaZe Clan, uno dei più popolari in assoluto nella scena eSport. Jarvis è accusato di aver pubblicato dei video in cui usa degli aimbot. Epic, fra le sue azioni per eliminare il cheating da Fortnite, proibisce severamente l'uso degli aimbot, e con questa decisione ha voluto dare un segnale molto forte del livello del suo impegno in questa lotta.

"Volevo semplicemente fare dei video che potessero essere divertenti e interessanti per voi. Non mi è passato per la testa di poter essere bannato a vita da Fortnite per questo" ha detto Jarvis praticamente in lacrime in un video pubblicato sul suo canale YouTube. Numerosi giocatori di Fortnite, tra cui il famosissimo Ninja, hanno preso le difese di Jarvis, chiedendo a Epic di reintegrare il membro del clan FaZe.

Jarvis 'Jarvis' Kaye

Jarvis avrebbe usato l'aimbot su un account secondario in modalità di gioco non competitive, in modalità singola e in modalità creativa. Sarebbe dunque un peccato veniale, anche se Epic vuole usare questo episodio per sensibilizzare i giocatori di Fortnite sul problema del cheating. Gli aimbot come quelli usati da Jarvis compromettono l'esperienza di gioco dei giocatori e l'integrità della sfida, perché permettono di avere una mira infallibile truccando e vincendo molto più facilmente.

La decisione di Epic viene criticata anche perché i giocatori pensano che la software house della North Carolina applichi due pesi e due misure. Nel corso dei mondiali di Fortnite l'altro pro player XXiF è stato sorpreso mentre usava dei cheat. Il suo ban però è stato di sole due settimane e XXiF in futuro potrà riprendere a partecipare ai mondiali del celebre gioco di Battle Royale.

Il caso di Jarvis sta facendo discutere molto all'interno della community dei giocatori. Alcuni sostengono la decisione di Epic perché rappresenta un esempio e una "lezione di vita" per Jarvis allo scopo di sensibilizzare sul cheating. La lotta contro i cheat nei giochi competitivi è sempre molto accesa, con i fornitori dei programmi di cheating che tracciano costantemente il lavoro dei produttori di videogiochi. Il loro obiettivo è fornire soluzioni capaci di aggirare le più recenti tecnologie di controllo anti-cheat, che ultimamente hanno cominciato a usare delle soluzioni di machine learning per individuare i comportamenti sospetti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

119 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Axios200605 Novembre 2019, 12:49 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Jarvis praticamente in lacrime


I veri problemi della vita nel terzo millennio... Bannato da un videogioco... Spero non gli capiti mai nulla di piu' serio... Non oso immaginare la reazione...
Saturn05 Novembre 2019, 12:51 #2
Eh, ormai sono lontani i tempi del semplice IDDQD e IDKFA per non parlare poi dell'IDSPISPOPD...

PS. Concordo, è diventato un "mondo di matti" ormai...
demon7705 Novembre 2019, 12:58 #3
Originariamente inviato da: Axios2006
I veri problemi della vita nel terzo millennio... Bannato da un videogioco... Spero non gli capiti mai nulla di piu' serio... Non oso immaginare la reazione...


Originariamente inviato da: Saturn

PS. Concordo, è diventato un "mondo di matti" ormai...


Ok, non posso nascondere che la mia prima reazione è stata del tutto in linea con le vostre. E in effetti fa un po' ridere se paragonato ai veri problemi.

Ma credo sia giusto calarsi un po' nella perte e pensaare che arrivare a livello di "professionismo" in un e-sport costa la stessa fatica e sacrificio che costa diventare professionista in uno sport tradizionale.
E pensato questo mi tornano in mente scene di pianto di atleti espulsi dalle competizioni per questo o quel motivo..
Murphy05 Novembre 2019, 13:01 #4
Originariamente inviato da: Axios2006
I veri problemi della vita nel terzo millennio... Bannato da un videogioco... Spero non gli capiti mai nulla di piu' serio... Non oso immaginare la reazione...


Se non sbaglio nei tornei hanno dei premi in denaro, quindi se è bannato non potrà più partecipare.
Ormai non sono semplici videogiochi, certo testare un cheat....
Vindicator2305 Novembre 2019, 13:02 #5
ho guardato ancora per curiosita un po di stream ma come si fa a guardare giocatori che spammano a manetta barriere per proteggersi n, usano quasi tutto quello stile di gioco , sparano 3-4 volte si boxano e ripetono e cosi via ma va va è meglio il retrogaming

oppure qualche gioco multiplayer piu serio, almeno in tf2 devi scortare la bomba oppure prendere i punti ha piu un senso

che gioco del menga
canislupus05 Novembre 2019, 13:51 #6
Originariamente inviato da: demon77
Ok, non posso nascondere che la mia prima reazione è stata del tutto in linea con le vostre. E in effetti fa un po' ridere se paragonato ai veri problemi.

Ma credo sia giusto calarsi un po' nella perte e pensaare che arrivare a livello di "professionismo" in un e-sport costa la stessa fatica e sacrificio che costa diventare professionista in uno sport tradizionale.
E pensato questo mi tornano in mente scene di pianto di atleti espulsi dalle competizioni per questo o quel motivo..


Sicuramente ci vuole dedizione ed impegno e su questo sono totalmente d'accordo.
Che si debba in pratica dedicare tutto il proprio tempo ad "allenarsi" posso anche accettarlo, ma parlare di fatica proprio non ci posso stare.
Non metto in dubbio che gli e-sport sfruttino soprattutto doti di velocità, riflessi e magari anche strategia, ma la fatica nel mio concetto è quella che ti fai quando espelli fisicamente SUDORE per ottenere un risultato.
Molto spesso leggiamo di persone che fanno di mestiere gli "influencer" (faccio un esempio) e vengono idolatrati quasi fossero degli eroi moderni e magari chi salva vite umane è spesso vittima dell'oblio perchè il livello medio mentale purtroppo si sta spostando verso il basso.
Per un attimo ho cercato di immaginarmi un mondo utopico in cui non esistano scienziati, ingegneri, medici, operai, agricoltori, etc...
Popolato solo da persone che passano il loro tempo a giocare o a postare video ed immagini sui vari social.
Poi mi sono chiesto cosa succederebbe se avessero bisogno di una di quelle professionalità che non esistono più.
Ma probabilmente sono una persona arretrata che non riesce ancora ad apprezzare le immense possibilità che questi nuovi lavori possono offrire.
demon7705 Novembre 2019, 14:15 #7
Originariamente inviato da: canislupus
Sicuramente ci vuole dedizione ed impegno e su questo sono totalmente d'accordo.
Che si debba in pratica dedicare tutto il proprio tempo ad "allenarsi" posso anche accettarlo, ma parlare di fatica proprio non ci posso stare.
Non metto in dubbio che gli e-sport sfruttino soprattutto doti di velocità, riflessi e magari anche strategia, ma la fatica nel mio concetto è quella che ti fai quando espelli fisicamente SUDORE per ottenere un risultato.
Molto spesso leggiamo di persone che fanno di mestiere gli "influencer" (faccio un esempio) e vengono idolatrati quasi fossero degli eroi moderni e magari chi salva vite umane è spesso vittima dell'oblio perchè il livello medio mentale purtroppo si sta spostando verso il basso.
Per un attimo ho cercato di immaginarmi un mondo utopico in cui non esistano scienziati, ingegneri, medici, operai, agricoltori, etc...
Popolato solo da persone che passano il loro tempo a giocare o a postare video ed immagini sui vari social.
Poi mi sono chiesto cosa succederebbe se avessero bisogno di una di quelle professionalità che non esistono più.
Ma probabilmente sono una persona arretrata che non riesce ancora ad apprezzare le immense possibilità che questi nuovi lavori possono offrire.


Va beh non generalizziamo il discorso che altrimenti scoperchiamo il vaso di pandora. Stiamo parlando di passione per una determinata cosa e fermiamoci li. Perchè altrimenti potrei dire polemicamente che pure fare lo scrittore non serve a niente e non è un lavoro vero.

Comunque, solo un appunto: "FATICA" non vuol dire solo sforzo fisico.
Mantenere concentrazione al massimo e riflessi pronti in una competizione costa fatica. E parecchia.
Non è che se non corri allora non stai facendo niente.
polli07905 Novembre 2019, 14:21 #8
Originariamente inviato da: Axios2006
I veri problemi della vita nel terzo millennio... Bannato da un videogioco... Spero non gli capiti mai nulla di piu' serio... Non oso immaginare la reazione...


Bhè se il videogioco in questione ti porta soldi, è un problema eccome.
macs31105 Novembre 2019, 14:37 #9
il punto non è se ha faticato o meno ad arrivare a quel punto, e se la fatica è qualificabile come tale. questa discussione è quasi filosofia.

il punto è che ha provato a barare nel suo lavoro per ottenere risultati migliori, e ora perderà il lavoro, le sponsorizzazioni e tutto il resto. come se beccassero un atleta a doparsi, essenzialmente.
gd350turbo05 Novembre 2019, 14:38 #10
Originariamente inviato da: canislupus
Per un attimo ho cercato di immaginarmi un mondo utopico in cui non esistano scienziati, ingegneri, medici, operai, agricoltori, etc...
Popolato solo da persone che passano il loro tempo a giocare o a postare video ed immagini sui vari social.

Ne ne hai occasione, guarda il film READY PLAYER ONE, illustra proprio un mondo assai simile...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^