Fallout 76 non sarà su Steam

Fallout 76 non sarà su Steam

Così come Fallout Shelter e Quake Champions, perlomeno inizialmente, l'atteso Fallout 76 sarà distribuito esclusivamente tramite la piattaforma Bethesda.net

di pubblicata il , alle 17:21 nel canale Videogames
BethesdaFallout
 

Fallout 76 non sarà distribuito tramite Steam ma, perlomeno inizialmente, sarà un'esclusiva Bethesda.net per quanto riguarda la versione PC. Lo si evince dalle Fallout 76 B.E.T.A. FAQ. Bethesda ripete dunque la strategia già adottata nei casi di Fallout Shelter e di Quake Champions, che solamente in un secondo momento sono approdati su Steam.

Si ricorda anche che ci sarà una Beta di Fallout 76 e che prima inizierà su Xbox One. Bethesda, però, non comunica ancora le date di inizio dei lavori. Ricordiamo che la versione definitiva del gioco rimane prevista per il prossimo 14 novembre.

La scelta di un servizio di distribuzione proprietario piuttosto che del leader della piattaforma, similmente a quanto sta avvenendo con Fortnite e Google Play, non va letta tanto nell'opportunità di evitare la tassa del 30% sull'introito complessivo di ciascuna vendita, che va erogata al proprietario della piattaforma, quanto nella possibilità di far emergere una piattaforma proprietaria sfruttando il traino di un brand popolare come lo sono Fallout e Fortnite. In questo momento, ad esempio, il numero di giocatori di Fortnite è sensibilmente più elevato rispetto a quello dei giochi più popolari sulla piattaforma Steam.

Fallout 76 sarà un titolo giocabile in single player, ma prevalentemente orientato al multiplayer e comunque "always online". Fa propria un'idea di Bethesda Game Studios già per il Fallout 4 originale, proposta originariamente solo in parte per quanto riguarda l'assemblaggio e la gestione degli insediamenti. All'interno di istanze di gioco che coinvolgono un massimo di 12 giocatori bisognerà combattere per la sopravvivenza collaborando o sfidando gli avversari umani e, nel frattempo, affrontando tutte le altre sfide della Zona Contaminata.

Tutti i dettagli si trovano qui.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Masamune07 Agosto 2018, 17:30 #1
Ma che cocomeri. gia c'è steam, gog, origin, uplay, twitch...
di un ennesimo servizio di distribuzione ne sentivamo veramente necessità!
vabbe, ma di che mi lamento? tanto io gioco vintage. per quando comprerò il titolo starà a 10 euro su altre piattaforme...
Nurgiachi07 Agosto 2018, 18:09 #2
Originariamente inviato da: Masamune
Ma che cocomeri. gia c'è steam, gog, origin, uplay, twitch...
di un ennesimo servizio di distribuzione ne sentivamo veramente necessità!
vabbe, ma di che mi lamento? tanto io gioco vintage. per quando comprerò il titolo starà a 10 euro su altre piattaforme...

Noi forse no ma, banalmente, Bethesda non vuol togliersi una fetta di guadagno per arricchire Valve.
Per anni STEAM è stata la vetrina per eccellenza dei videogiochi ma, adesso, quell'epoca sta volgendo al termine.
Ultravincent07 Agosto 2018, 18:32 #3
Oppure Steam deve mettersi in testa che non puo' fregarsi il 30% di titoli che non hanno nessun bisogno della sua vetrina.
thresher325307 Agosto 2018, 18:42 #4
Originariamente inviato da: Ultravincent
Oppure Steam deve mettersi in testa che non puo' fregarsi il 30% di titoli che non hanno nessun bisogno della sua vetrina.


Che dovrebbe fare, fornire marketing, hosting sui suoi server e cloud gratuitamente?
doctor who ?07 Agosto 2018, 19:13 #5
Originariamente inviato da: thresher3253
Che dovrebbe fare, fornire marketing, hosting sui suoi server e cloud gratuitamente?


Prende troppo per quello che fa.

Se sei un piccolo sviluppatore, ok, è una manna dal cielo, è più che onesto il 30% in cambio di una (potenziale) grossa vetrina, non doversi occupare dell'hosting\salvataggi in cloud\client di download\gestire i pagamenti\ecc...

tutto fantastico, ma se hai un nome vecchio e famoso come "Fallout" o "GTA", è un po' una fregatura, paghi tantissimo per un servizio che puoi fornire direttamente tu a prezzi più contenuti.

Sono il primo a non sopportare il dover gestire 32 client diversi, ma è più che comprensibile...

Tanto più concretamente arriverà su steam quando le vendite caleranno
Lo Straniero Misterioso07 Agosto 2018, 19:16 #6
Ma figurati se prendono il 30% anche dai big... hanno sicuramente accordi personalizzati, quella cifra la pagherà il piccolo che senza Steam non avrebbe visibilità, ma i titoli AAA che non hanno bisogno di visibilità sicuramente contrattano condizioni diverse.

Tant'è vero che EA ad un certo punto ha detto "no".
Max_R07 Agosto 2018, 23:40 #7
Originariamente inviato da: Ultravincent
Oppure Steam deve mettersi in testa che non puo' fregarsi il 30% di titoli che non hanno nessun bisogno della sua vetrina.


Vediamo se distribuendolo da se abbatteranno i costi
Comunque prima o poi su Steam arriva. Poco ma sicuro.
Gabro_8208 Agosto 2018, 00:00 #8
Sinceramente, se sono interessato al gioco, non mi cambia nulla, fallout è
una delle mie serie preferite, perlomeno da quando si gioca in prima persona.
Comprai all'epoca GTA 5 dal loro (rockstar) store e non mi ha disturbato.
In conclusione se vuoi giocare al titolo, ci giochi, lo completi ed amen.
marchigiano08 Agosto 2018, 00:55 #9
che significa 76?
Eress08 Agosto 2018, 02:28 #10
Secondo me sbagliano, steam è il meglio per utilizzare e controllare qualsiasi gioco.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^