Blizzard ha bannato un pro player di Hearthstone per aver supportato le proteste di Hong Kong

Blizzard ha bannato un pro player di Hearthstone per aver supportato le proteste di Hong Kong

Secondo alcuni, per via delle pressioni della Cina (Tencent possiede il 4,9% di Activision), coinvolta nell'ondata di proteste pro-democrazia in atto a Hong Kong

di pubblicata il , alle 16:41 nel canale Videogames
Blizzard
 

Blizzard è nell'occhio del ciclone sui social dopo aver coinvolto il mondo degli eSport nella politica. Ha, infatti, bannato per un anno il pro player di Hearthstone Ng Wai Chung (aka Blitzchung) per aver palesato il suo supporto rispetto agli insorti nella crisi di Hong Kong, in cui si chiede maggiore autonomia rispetto alla Cina.

Dopo la sua partita nel torneo Hearthstone Grandmasters, Ng "Blitzchung" Wai Chung è apparso sullo stream ufficiale taiwanese di Hearthstone per rilasciare l'intervista di rito. Solo che lo ha fatto indossando una maschera antigas e degli occhiali, pronunciando, in cinese, le parole: "Liberate Hong Kong, è la rivoluzione della nostra epoca!" I due conduttori del programma si sono nascosti dietro la scrivania e subito dopo, quando il team di produzione ha realizzato cosa era accaduto, lo stream si è interrotto ed è stata mostrata la pubblicità. Successivamente, lo stream è stato rimosso e non è più disponibile online.

Le proteste a Hong Kong sono iniziate a giugno dopo che è stata proposta l'estradizione dei sospetti criminali nella Cina continentale per il processo. Parte della popolazione ha ritenuto che la legge avrebbe minato l'indipendenza giudiziaria dell'ex colonia britannica. Il disegno di legge è stato infine sospeso, ma le proteste sono proseguite e la popolazione ha iniziato a inoltre richieste di maggiore autonomia e democrazia. Maschera antigas e occhiali sono alla base dell'abbigliamento tipico degli insorti di Hong Kong, probabilmente come sfida simbolica alla legge che vieta l'uso delle maschere nei luoghi pubblici.

Quanto a Blitzchung, parliamo di uno dei Grandmaster di Hearthstone: è quindi uno dei migliori giocatori in assoluto per quanto riguarda il gioco di carte collezionabili di Blizzard oltre che rappresentante della software house californiana. "Come sapete, ci sono serie proteste nel mio paese negli ultimi giorni. Il mio intervento in diretta è solo un modo per partecipare alla protesta. Mi sono dedicato a tal punto al movimento sociale negli ultimi mesi, che a volte non riuscivo a concentrarmi sulla preparazione per il Grandmaster. So che cosa significa aver fatto quell'intervento in streaming: potrebbe causarmi dei problemi e mettere a repentaglio la mia sicurezza personale. Ma penso che sia mio dovere dire pubblicamente qualcosa in merito".

Non solo il video con l'intervista è stato rimosso, ma la stessa sorte è toccata alla partita di Blitzchung contro Dawn antecedente all'intervista . Tutte le altre partite dei Grandmaster del territorio Asia-Pacifico, inclusa la prima di Blitzchung contro Alutemu, sono visualizzabili su Twitch e possono essere visualizzate sul sito Web di Hearthstone, ma la partita di Blitzchung contro Dawn è assente. Non è chiaro chi abbia provveduto a queste cancellazioni: Hearthstone e gli altri giochi Blizzard in Cina sono gestiti da Netease.

Secondo un comunicato di Blizzard, le dichiarazioni in diretta di Blitzchung hanno violato le regole che vietano ai giocatori di "offendere una porzione o un gruppo del pubblico" o "danneggiare l'immagine di Blizzard". La software house di Irvine si dice sostenitrice del "diritto a esprimere pensieri o opinioni personali", ma ha anche affermato che i giocatori devono "attenersi alle regole ufficiali della competizione".

Sui social in molti la pensano diversamente. Blizzard dà l'impressione di non voler compromettere i rapporti con le autorità cinesi, visto che la Cina è uno dei principali mercati per i suoi videogiochi. Inoltre, il fatto che il gigante tecnologico cinese Tencent detenga una partecipazione di minoranza in Activision Blizzard (4,9%) non aiuta la stessa Blizzard a fugare i timori. È la software house che decide arbitrariamente cosa offende il pubblico e cosa danneggia l'immagine di sé stessa, in assenza di regole chiare.

Il Daily Beast ha riferito che alcuni impiegati di Blizzard si sono dissociati dalla decisione e hanno organizzato uno sciopero per protesta. Hanno partecipato circa 30 impiegati, che erano visibili dagli uffici dei dirigenti. Nella discussione è intervenuto anche Tim Sweeney, CEO di Epic Games, scrivendo su Twitter: "Epic supporta il diritto dei giocatori e dei creatori di Fortnite di esprimere la propria idea sulla politica e sui diritti umani". Anche in Epic Tencent detiene una partecipazione di minoranza, in questo caso del 40%.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

34 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
canislupus10 Ottobre 2019, 16:51 #1
Brutto dirlo, ma quando si parla di interessi economici (e quindi mercati) diritti inalienabili come la libertà di pensiero ed espressione diventano solo belle parole su un pezzo di carta.
Ci vorrebbe un po' meno di ipocrisia nel mondo e non avere paura di affermare che siamo governati dal denaro e quindi solo questo è il metro di giudizio e il valore sul quale poi aziende e governi costruiscono la libertà dei singoli.
Mparlav10 Ottobre 2019, 17:10 #2
Le regole della piattaforma di streaming lo vietano.
Sarebbe accaduta la stessa cosa su Twitch o Mixer.

Se avessero lasciato la "libertà d'espressione" per quel player, avrebbero dovuto consentire di fare altrettanto a tutti gli altri che avrebbero voluto appoggiarlo o replicargli, scatenando il caos.
canislupus10 Ottobre 2019, 17:19 #3
Originariamente inviato da: Mparlav
Le regole della piattaforma di streaming lo vietano.
Sarebbe accaduta la stessa cosa su Twitch o Mixer.

Se avessero lasciato la "libertà d'espressione" per quel player, avrebbero dovuto consentire di fare altrettanto a tutti gli altri che avrebbero voluto appoggiarlo o replicargli, scatenando il caos.


Il problema è sapere il limite di queste regole.
Se per esempio non si può parlare esclusivamente se non del gioco, allora QUALSIASI argomento diverso dovrebbe portare al ban immediato.
Non sono molto convinto che sia sempre così e che spesso alcune regole in realtà siano create ad hoc solo per avere una scusa per zittire le persone.
BVS10 Ottobre 2019, 17:25 #4
Originariamente inviato da: Mparlav
Le regole della piattaforma di streaming lo vietano.
Sarebbe accaduta la stessa cosa su Twitch o Mixer.

Se avessero lasciato la "libertà d'espressione" per quel player, avrebbero dovuto consentire di fare altrettanto a tutti gli altri che avrebbero voluto appoggiarlo o replicargli, scatenando il caos.

Non basta l' EULA per pararsi il culo sempre, quello che hanno fatto al giocatore di heartstone: squalificarlo, bandirlo per dieci mesi, licenziare i due host dello streamer e ritirargli i premi che aveva accumulato nell ultimo torneo o chissà che cavolo era è un accanimento vero e proprio per non inimicarsi il governo cinese.

Non c'entra neanche trecent in questo, il partito ci mette UN ATTIMO a bandirli da tutto il suolo cinese e loro marchettari come sono non se lo possono permettere, quel mercato vale troppi soldi, molti di più dei diritti della gente di HK
E diablo per cellulari? Quel gioco nasce esclusivamente per il mercato cinese, hanno provato a proporlo in america e sono stati cazziati

Sono indifendibili, neanche i developer della blizzard hanno sopportato questo atteggiamento, uno degli sviluppatori di wow classic ex cittadino di HK ha vuotato su twitter tutto quello che sapeva della scena corrotta tra software house e partito.
Altri manifestanti stanno anche adoperando il personaggio di Mei e altri simboli della blizzard come icone nelle manifestazioni

Va bene che negli ultimi anni la Blizzard ha fatto l'avara in una maniera inconcepibile tirandosi dietro LGTB, minoranze, facendo giochi pietosi, ristrutturando il personale per pagare gli azionisti ma stavolta ha veramente cagato fuori dal vaso
Mparlav10 Ottobre 2019, 17:43 #5
Quindi avrebbero dovuto lasciar perdere come se non fosse successo nulla, aspettare che gli altri player replicassero, pro o contro di lui, e trasformare un canale di gaming in un canale di discussione politica, come se non ce ne fossero già abbastanza.

Se Blizzard non vuole inimicarsi il governo cinese è sicuramente per preservare i propri interessi economici, ma d'altro canto, chi è che non lo sta' facendo?

Vogliamo parlare di quanto sta' accadendo agli Houston Rockets?
Vogliamo parlare delle scuse ufficiali dell'NBA?

Ti piace la libertà d'espressione?
Basta assumersi le responsabilità di tutte le conseguenze, e dubito che quel pro-player c'abbia pensato su 2 volte prima di aprir bocca.
doctor who ?10 Ottobre 2019, 18:01 #6
Originariamente inviato da: Mparlav
Quindi avrebbero dovuto lasciar perdere come se non fosse successo nulla, aspettare che gli altri player replicassero, pro o contro di lui, e trasformare un canale di gaming in un canale di discussione politica, come se non ce ne fossero già abbastanza.

Se Blizzard non vuole inimicarsi il governo cinese è sicuramente per preservare i propri interessi economici, ma d'altro canto, chi è che non lo sta' facendo?

Vogliamo parlare di quanto sta' accadendo agli Houston Rockets?
Vogliamo parlare delle scuse ufficiali dell'NBA?

Ti piace la libertà d'espressione?
Basta assumersi le responsabilità di tutte le conseguenze, e dubito che quel pro-player c'abbia pensato su 2 volte prima di aprir bocca.


Quindi avrebbero dovuto sospenderlo per una settimana e trattarla come una cosa da niente.

E se qualcuno diceva qualcosa se ne uscivano con faccia da culo e "ahah, ma LOL ! no, ma manco sapevamo cosa avesse detto, ha semplicemente violato l'eula ed è stato temporaneamente sospeso, niente di serio, volemose bene"

La scelta del ban lungo è stata una pessima scelta ed un palese occhiolino a Winnie The Pooh

Oh, per incisio, HK non è politica, non è il nostro "popolo sovranoh abbasso la ka$tah", non è "decidiamo che fascia di popolazione andiamo a tassare", è più un "bah, auguriamoci che non gli passano da sopra con i carri armati come a tiananmen"
Gio2210 Ottobre 2019, 18:17 #7
No ma a parte la questione in se fa impressione come su hwu l'utenza abbia già appurato che i cittadini di hk lottano per la libbbertà contro il cattivo e tiranno regime cinese.

Non so io sono sempre stato contro una certa corrente politica che guarda caso è la stessa che governa la cina ,eppure quando c'era il muro ed ero piccino ricordo che dicevano che dall'altra parte c'erano gli orchi che facevano cose brutte,indicibili...poi è caduto e si è visto che non era proprio cosi bello di là ma non era neanche come lo descrivevano, e di qua non era tutto sto paradiso che decantavano...

c'è da dire che sono dovuto arrivare ad una certa età per capirlo,magari gli altri sono ancora giovani. Speriamo sia cosi. Speriamo...
doctor who ?10 Ottobre 2019, 18:38 #8
Originariamente inviato da: Gio22
No ma a parte la questione in se fa impressione come su hwu l'utenza abbia già appurato che i cittadini di hk lottano per la libbbertà contro il cattivo e tiranno regime cinese.

Non so io sono sempre stato contro una certa corrente politica che guarda caso è la stessa che governa la cina ,eppure quando c'era il muro ed ero piccino ricordo che dicevano che dall'altra parte c'erano gli orchi che facevano cose brutte,indicibili...poi è caduto e si è visto che non era proprio cosi bello di là ma non era neanche come lo descrivevano, e di qua non era tutto sto paradiso che decantavano...

c'è da dire che sono dovuto arrivare ad una certa età per capirlo,magari gli altri sono ancora giovani. Speriamo sia cosi. Speriamo...




Chiaro che doveva arrivare l'uomo di mondo con le controverità supposte, che in quanto supposte sono buone solo ad una cosa


D'altronde una dittatura mette voce su quante volte puoi figliare fa anche cose buone™

Magari anche questa sarà una fake news dei poteri forti e ci sono più maschi a causa del profumo del fiore di loto, non perchè potendo avere un solo figlio le femminucce finiscono abbandonate o abortite.



Stay tuned, nella prossima puntata: Siamo davvero stati sulla luna ? L'olocausto è avvenuto per davvero ? Secondo un video su youtube i video di Auschwitz sono stati girati a Bollywood !
canislupus10 Ottobre 2019, 18:53 #9
Originariamente inviato da: Mparlav
Quindi avrebbero dovuto lasciar perdere come se non fosse successo nulla, aspettare che gli altri player replicassero, pro o contro di lui, e trasformare un canale di gaming in un canale di discussione politica, come se non ce ne fossero già abbastanza.


Se dovessimo bannare tutti quelli che parlano di politica o di cose annesse su canali non inerenti, potremmo chiudere mezzo internet.
Non è tanto un problema parlarne, quanto i toni che vengono utilizzati.

Se Blizzard non vuole inimicarsi il governo cinese è sicuramente per preservare i propri interessi economici, ma d'altro canto, chi è che non lo sta' facendo?

Vogliamo parlare di quanto sta' accadendo agli Houston Rockets?
Vogliamo parlare delle scuse ufficiali dell'NBA?


E allora visto che sono aziende americane, smettessero di parlare di libertà quando poi sono i primi a negarla se ciò può rappresentare un danno economico.
Coerenza e ipocrisia non vanno mai molto d'accordo.

Ti piace la libertà d'espressione?
Basta assumersi le responsabilità di tutte le conseguenze, e dubito che quel pro-player c'abbia pensato su 2 volte prima di aprir bocca.


L'espressione di un pensiero non implica automaticamente che tutto il mondo lo voglia ascoltare o lo condivida.
Il fatto stesso che se ne voglia negare la libertà è indice di una paura recondita che si stia dicendo qualcosa di scomodo che potrebbe far riflettere.
Gio2210 Ottobre 2019, 18:54 #10
Originariamente inviato da: doctor who ?
Chiaro che doveva arrivare l'uomo di mondo con le controverità supposte, che in quanto supposte sono buone solo ad una cosa


D'altronde una dittatura mette voce su quante volte puoi figliare fa anche cose buone™

Magari anche questa sarà una fake news dei poteri forti e ci sono più maschi a causa del profumo del fiore di loto, non perchè potendo avere un solo figlio le femminucce finiscono abbandonate o abortite.



Stay tuned, nella prossima puntata: Siamo davvero stati sulla luna ? L'olocausto è avvenuto per davvero ? Secondo un video su youtube i video di Auschwitz sono stati girati a Bollywood !



Quindi nel tuo mondo ideale volevi che i cinesi non avessero pianificato la loro demografia,cioè che si fossero comportati come stanno facendo gli africani ,che figliano senza nessun criterio.
Avremmo avuto, spannometricamente , 500 milioni di cinesi in più. Tu però saresti più contento perché almeno non si sarebbe trattato di una dittatura.

Ovviamente è una cazzata a cui non crede nessuno,perché saresti stato il primo a lamentarsi che lo Xin di turno ti ha inculato il posto di lavoro,direttamente o indirettamente,non ha importanza.

Che poi la disparità di genere e l'aborto selettivo c'è anche in india,che è una democrazia! Ed il problema da loro è anche più grave.
Ma sei tu che canzoni gli altri ,o ci provi almeno, che devi spiegare perché in una democrazia esistono gli stessi problemi di una dittatura. E manco sono in grado di risolverlo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^