Resident Evil 7 è ciò che serviva alla VR

Resident Evil 7 è ciò che serviva alla VR

Dopo 5 anni dall’uscita Resident Evil 6 Capcom torna alle radici del genere survival horror proponendo un ottimo titolo in prima persona, tecnicamente solido e di elevata difficoltà seppur non particolarmente longevo.

di Marco Fiore pubblicato il nel canale Videogames
HalifaxCapcomResident Evil
 

Conclusioni

Resident Evil 7 rappresenta senza alcun dubbio uno dei migliori titoli Capcom da qualche anno a questa parte: il cambio radicale di ambientazione, che non lasciava trasparire alcun indizio o collegamento al mondo di Resident Evil ci aveva inizialmente spaesati e portato a credere che Capcom stesse per snaturare la serie. E in effetti ciò traspare anche nelle prime ore di gioco, fino a quando non si inizia ad intravedere qualche informazione tra i documenti raccoglibili che lentamente lascia comprendere i legami tra l’universo di Resident Evil e la famiglia Baker. Di fronte quindi alla domanda di un qualsiasi fan della saga se questo possa essere effettivamente annoverato come un vero Resident Evil o se semplicemente rappresenti un buon survival horror che avrebbe però potuto assumere qualsiasi altro nome, ci sentiamo di rassicurare con forza che sì, questo è un Resident Evil, diverso per certi aspetti da quanto visto in passato ma che non avrebbe comunque potuto chiamarsi altrimenti per come i creatori hanno costruito e narrato l’intera vicenda.

La versione in realtà virtuale di RE7, al momento apprezzabile unicamente su PS4, rappresenta uno tra i migliori giochi mai realizzati per VR
Avremmo gradito che la lunghezza della storia fosse stata superiore almeno di quelle 4-5 ore che avrebbero potuto giustificare un prezzo che, soprattutto su console, appare veramente alto. Siamo comunque di fronte ad un piccolo gioiellino in cui tutto funziona quasi alla perfezione, e riteniamo sia un titolo consigliato non solo ad i fan della serie o del genere (magari ad un prezzo leggermente inferiore a quello pieno). La versione in realtà virtuale di RE7, al momento apprezzabile unicamente su PS4, rappresenta uno tra i migliori giochi mai realizzati per VR per cui se siete già possessori di un visore PS VR dovreste mettere questo titolo in cima alla lista dei prossimi acquisti da fare.

Soprattutto perché si tratta, finalmente, di un'esperienza VR completa, coinvolgente in tutta le parti e profonda, ben diversa quindi dalle demo, fin troppo immediate e prive di mordente, a cui la VR ci ha abituato nella prima fase della sua esistenza. Resident Evil 7 è un gioco vero, interamente godibile in realtà virtuale e questo, come vi assicurerà chiunque abbia provato i nuovi tipi di esperienza con i visori di ultima generazione, semplicemente vi consegnerà un tipo di immersione nella storia e nel gameplay differente rispetto al passato.

  • Articoli Correlati
  • Resident Evil 7 hands-on: ecco com'è dopo il passaggio alla prima persona Resident Evil 7 hands-on: ecco com'è dopo il passaggio alla prima persona Abbiamo giocato per circa 4 ore a una versione pressoché definitiva dell'attesissimo survival horror che segna l'epocale passaggio alla prima persona per la serie Resident Evil. Angosciante, raccapricciante e intenso, oltre che incredibilmente difficile, sono le caratteristiche principali del nuovo capitolo della serie.
14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
bagnino8913 Febbraio 2017, 17:32 #1
Gioco da 7, niente di che. Longevità ridicola e alcune texture veramente oscene, che non giustificano l'enorme richiesta di VRAM. The Witcher 3 riesce a fare incredibilmente meglio con molta meno VRAM...
ramses7713 Febbraio 2017, 18:39 #2

Effetto wow assicurato

In un'epoca in cui i giochi escono prima ancora di essere finiti, in attesa che patch su patch dalle dimensioni spesso paragonabili al gioco iniziale stesso, correggano errori pacchiani o effettivamebte li terminino (mentre il prezzo l'hai versato per intero), benvengano titoli ben fatti come RE7. Un pc ben al di sotto dei requisiti minimi lo spinge a tutto vapore e dettaglio in un'atmosfera che più horror non si può. Magari è corto, magari è diverso dai predecessori, magar può non piacere, ma se tutti i giochi venissero realizzati così, i produttori non conoscerebbero crisi.
jepessen13 Febbraio 2017, 18:46 #3
Mi ispira, ma credo che aspettero' ancora un po' prima di provarlo, voglio giocarci con un visore ma comprarlo solo per un gioco mi sembra eccessivo...
ciocia13 Febbraio 2017, 19:33 #4
Esclusive del piffero. L'avrei preso volentieri per il Vive. Senza VR manco ci penso. Uscirà tra 1 anno su pc? No grazie, troppo tardi, i miei soldi non li vedono.
docv6413 Febbraio 2017, 20:19 #5
Da possessore della PS VR posso dire soltanto che a mio parere questo e' il Gioco (con la G maiuscola) per cui vale la pena acquistare il visore (probabilmente insieme a Robinson the Journey, che comunque rimane staccato di parecchie lunghezze).
Gioco dai tempi del Supernes e mi sono passate tra le mani quasi tutte le console, ma l'esperienza di RE in vr e' sconvolgente. Basti dire che ho provato anche qualche spezzone di gioco in modalita' "normale" (su PS Pro) e non mi pareva neanche lo stesso gioco per quanto perdeva in atmosfera.
Se continueranno su questa strada mi sa proprio che stiamo assistendo alla nascita di un nuovo modo di giocare, anzi meglio di vivere il gioco che si sta giocando.
alexbands13 Febbraio 2017, 21:23 #6
Ma possibile che tutte, ma proprio TUTTE le recensioni, titolano che resident evil è tornato alle origini? Cos'è capcom ha imposto questo titolo? No perché è più un outlast con le armi che un tornare alle origini di resident evil. Con chiunque mi confronti che l'abbia provato siamo d'accordo su questa cosa.

Chiariamo il gioco è molto bello, ma sono stanco di leggere questa castroneria in ogni review
Bivvoz13 Febbraio 2017, 21:53 #7
Così adesso qualche nerd con visore VR fa infartare la nonna e la VR sarà bollata come il nuovo male.
bagnino8913 Febbraio 2017, 23:31 #8
Originariamente inviato da: alexbands
Ma possibile che tutte, ma proprio TUTTE le recensioni, titolano che resident evil è tornato alle origini? Cos'è capcom ha imposto questo titolo? No perché è più un outlast con le armi che un tornare alle origini di resident evil. Con chiunque mi confronti che l'abbia provato siamo d'accordo su questa cosa.

Chiariamo il gioco è molto bello, ma sono stanco di leggere questa castroneria in ogni review


Niente a che spartire coi primi RE, specie il primo. Gioco inutilmente esaltato.

Originariamente inviato da: Bivvoz
Così adesso qualche nerd con visore VR fa infartare la nonna e la VR sarà bollata come il nuovo male.


Buahahahah, tanto è ovvio che succederà
Riccardo8214 Febbraio 2017, 09:21 #9
esatto e preparatevi ad ore di servizi su studio aperto e rete 4 "dalla vostra parte".

muhauhauhauhaauh
Zappz14 Febbraio 2017, 09:45 #10
Originariamente inviato da: docv64
Da possessore della PS VR posso dire soltanto che a mio parere questo e' il Gioco (con la G maiuscola) per cui vale la pena acquistare il visore (probabilmente insieme a Robinson the Journey, che comunque rimane staccato di parecchie lunghezze).
Gioco dai tempi del Supernes e mi sono passate tra le mani quasi tutte le console, ma l'esperienza di RE in vr e' sconvolgente. Basti dire che ho provato anche qualche spezzone di gioco in modalita' "normale" (su PS Pro) e non mi pareva neanche lo stesso gioco per quanto perdeva in atmosfera.
Se continueranno su questa strada mi sa proprio che stiamo assistendo alla nascita di un nuovo modo di giocare, anzi meglio di vivere il gioco che si sta giocando.


Quoto, in VR e' veramente esagerato, un signor gioco!!!

P.s. io ho comprato il visore solo per questo gioco e ne sono piu' che contento.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^