È fenomeno LittleBigPlanet, ma in cosa consiste?

È fenomeno LittleBigPlanet, ma in cosa consiste?

La stagione natalizia di PlayStation 3 ruota intorno a uno dei progetti più originali e creativi, insieme a Spore, degli ultimi anni. Il gameplay si basa sulla condivisione dell'esperienza di gioco, sia nella fase di creazione che in quella videoludica vera e propria.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
PlaystationSony
 

Controllo

Tramite gli stick analogici del controller di PlayStation 3 si possono muovere i personaggi e gestire la telecamera. Ma gli stick servono anche per controllare gli arti dei pupazzi: basta premere un tasto per passare da un tipo di controllo all'altro. Infine, la testa può essere mossa agendo sulla funzionalità tilt, ovvero sul sensore di movimento, del controller.

Ci sono anche controlli avanzati. Ad esempio, tenendo premuti i tasti L2 o R2 (a seconda se si vuole agire con la mano sinistra o quella destra) e agendo su uno dei due stick, si schiaffeggerà il personaggio che si trova più vicino. Un'altra azione molto frequente in LittleBigPlanet è l'aggrapparsi, sia agli oggetti che agli altri pupazzi. Nel primo caso consente di raggiungere piattaforme distanti o afferrare al volo degli oggetti, nel secondo di creare delle vere e proprie catene di pupazzi. Se un solo personaggio è dotato di jetpack e quindi è l'unico che può volare, può afferrare gli altri e trasportarli in giro per il mondo di gioco.

Le emozioni costituiscono un'altra parte importante di Lbp. Ogni personaggio è dotato di una animazione di base, ma questa può cambiare agendo sulla croce direzionale del controller. Sono, dunque, quattro le emozioni che si possono fare esprimere ai pupazzi: felicità, rabbia, tristezza, nervosismo. Le emozioni hanno tre livelli di densità: più si preme sulla relativa freccia della croce direzionale e più intensa sarà l'espressione corrispondente. Sony ha pianificato di espandere ulteriormente il sistema di gestione delle emozioni.

Come accennato in precedenza, molti degli oggetti che costituiscono i livelli di gioco di Lbp nascondono dei pericoli più o meno reali per i pupazzi di stoffa. Alcuni, se toccati, possono sprigionare fuoco, scariche elettriche, ghiaccio. I personaggi reagiscono dinamicamente a questi pericoli, a seconda di come avviene il contatto. I pupazzi si possono danneggiare a seguito di contatti brevi, ma possono anche morire se il periodo del contatto si prolunga nel tempo o è particolarmente violento.

Se un personaggio rimane bloccato perché vittima di una scarica elettrica o ghiacciato da un blocco non può muoversi per qualche secondo. In queste situazioni gli altri lo devono aiutare: ad esempio, possono far scorrere il blocco di ghiaccio lungo la superficie cercando di infrangerlo. Si può anche tentare di rompere il ghiaccio agendo tramite la funzionalità tilt del controller o usare gli esplosivi presenti nei livelli di gioco. Ricordiamo che tutti questi movimenti, i processi di danneggiamento, i contatti dipendono dalle reali leggi della fisica calcolate dinamicamente dal motore fisico di Lbp.

Gli oggetti reagiscono a seconda del materiale di cui sono composti. Possono essere di stoffa, di legno, di metallo, di spugna e di altri materiali ancora. Pertanto, il legno può rompersi se sottoposto a sollecitazioni, mentre la spugna si allungherà o si contraerà senza rompersi. Agli oggetti i giocatori sono in grado di applicare degli adesivi che possono derivare da fotografie realizzate con PlayStation Eye. Guadagnando punti e risorse, inoltre, si ha l'opportunità di collezionare oggetti di varia natura, in modo da rendere più variegati i propri livelli di gioco.

 
^