Overwatch League: pro player sospeso per razzismo

Overwatch League: pro player sospeso per razzismo

Félix “xQc” Lengyel dei Dallas Fuel è stato sanzionato con una multa di 4 mila dollari e sospeso per quattro match per aver usato emote e meme razzisti. La Overwatch League si rivela severa perché non è l'unico pro player sotto la lente d'ingrandimento

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Videogames
BlizzardOverwatch
 

La Overwatch League ha preso provvedimenti disciplinari che vanno da un ammonimento formale a consistenti multe e sospensioni nei confronti di quattro giocatori. Tra questi, Félix "xQc" Lengyel dei Dallas Fuel, sospeso per aver pubblicato sui social e sullo stream ufficiale della lega contenuti offensivi, razzisti e che inneggiano all'omofobia.

Félix

Félix "xQc" Lengyel

xQc ha ripetutamente inviato un emote in senso razzista e usato linguaggio denigratorio nei confronti dei responsabili della Overwatch League. Si tratta del controverso emote di Twitch TriHard 7, che xQc ha inviato mentre il reporter di colore Malik Forte era sullo schermo. Il pro player si è difeso dicendo che TriHard 7 è un emote internazionalmente accettato e che Forte è un suo "buon amico". Si sente quindi bersagliato da Blizzard e dalla lega, anche perché ha usato in passato questo stesso emote senza incorrere in niente di simile.

TriHard Twitch emote

TriHard, emote di Twitch

D'altra parte la lega osserva i comportamenti di xQc da diverso tempo. Il pro player twitta spesso delle offese nei confronti dei responsabili della lega e, tra le altre cose, ha scritto "mi fa venire il cancro". A gennaio, inoltre, aveva indirizzato un insulto omofobico ad Austin "Muma" Wilmot degli Houston Outlaws, rimediando una prima sospensione. Il team dei Dallas Fuel si è schierato dalla parte della lega, sottolineando che è inaccettabile un comportamento di questo tipo.

"È importante che tutti i membri siano consapevoli dell'impatto che il proprio comportamento può avere sugli altri. La stragrande maggioranza dei membri della Overwatch League e lo staff sono felici di far parte della prima lega di esport basata sulle città con risonanza a livello globale. Devono tenere conto delle ripercussioni delle loro azioni come figure pubbliche", si legge nel comunicato in cui la lega annuncia la sospensione di xQc.

Félix

"Vogliamo che una community accogliente e inclusiva circondi la Overwatch League", prosegue. "Speriamo che queste azioni disciplinari evidenzino quanto siamo determinati a raggiungere questo scopo". I Dallas Fuel non hanno ancora comunicato se manterranno o meno xQc fra le proprie fila, ma hanno al tempo stesso ingaggiato Son "OGE" Min-Seok che, come xQc, è specializzato nei personaggi di tipo "tank".

Félix "xQc" Lengyel è stato sanzionato con una multa di 4 mila dollari e una sospensione di quattro match, ma non è l'unico giocatore contro cui Blizzard ha puntato il dito. Tae-yeong “TaiRong” Kim degli Houston Outlaws ha ricevuto un avvertimento formale per aver postato un meme offensivo sui social. In questo caso non si è andati oltre rispetto al richiamo perché TaiRong si è scusato pubblicamente e ha fatto una donazione alla Fondazione per la cultura della pace di Hiroshima. Timo “Taimou” Kettunen dei Dallas Fuel invece dovrà pagare una multa di mille dollari per aver usato delle espressioni anti-gay nel suo stream personale. In questo caso le scuse sono arrivate solo dopo la segnalazione della ESPN e per questo la lega non ha previsto uno sconto della pena. Ted “Silkthread” Wang dei Los Angeles Valiant invece ha condiviso pubblicamente il proprio account di gioco e per questo è stato sanzionato con una multa di mille dollari. Non si tratta di una violazione rispetto al regolamento della Overwatch League, ma contro il contratto di licenza con l'utente finale di Blizzard.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Gnubbolo13 Marzo 2018, 11:43 #2
se la fiat avesse boicottato i lavoratori di sx non avrebbe venduto le vetture alle persone di sx. semplice e veloce da capire.
si può dire la stessa cosa dello sport, del calcio. se la FIGC avesse espulso dal campionato il Livorno perchè pubblico ed alcuni calciatori erano definibili come stalinisti ? avrebbero perso tutto il pubblico di sx.

se queste compagnie nate durante l'obamismo non tengono conto che gli USA su molti temi si sono spaccati rischiano di perdere metà dell'audience e dei consumatori giovani.
ma per vedere finire questa guerra bisogna solo aspettare che gli elementi del nuovo corso entrino nei posti chiave: finanza, magistratura, media, e ovviamente nel bureau. quando una azienda è sjw allora la finanza staccherà la spina, il magistrato evidenzierà un reato contro la libera opinione, il media non gonfierà la questione per catturare click, tutto rientrerà nell'ordinario.
turcone13 Marzo 2018, 15:20 #3
ormai tutto questo politicaly correct sta rompendo le p@lle ....
carlone8813 Marzo 2018, 18:56 #4
Originariamente inviato da: turcone
ormai tutto questo politicaly correct sta rompendo le p@lle ....


Curioso il fatto che tu abbia criticato il politicaly correct scrivendo: "p@lle" e non "palle" ...
turcone14 Marzo 2018, 15:19 #5
Originariamente inviato da: carlone88
Curioso il fatto che tu abbia criticato il politicaly correct scrivendo: "p@lle" e non "palle" ...


pensavo fosse blacklistato palle su disquis è sempre bloccato

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^