Molestie sessuali in Ubisoft: lasciano alcuni tra i principali dirigenti

Molestie sessuali in Ubisoft: lasciano alcuni tra i principali dirigenti

In seguito all'inchiesta di Libération su sessismo e molestie nella sede principale di Ubisoft, in Francia, tre dei più noti dirigenti dell'azienda sono stati allontanati

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Videogames
Ubisoft
 

Se ne parla da diversi giorni, ma alla vigilia dell'evento Ubisoft Forward, cruciale per il futuro dell'azienda, i nodi sono venuti al pettine. Dopo l'inchiesta pubblicata da Libération, dalla quale emerge un quadro piuttosto pesante circa il clima lavorativo nelle varie sedi di Ubisoft, e non solo in quella francese di Montreuil, l'azienda ha annunciato il licenziamento di tre fra i principali dirigenti, Serge Hascoët, Yannis Mallat e Cécile Cornet.

Non se ne è parlato nel corso dell'Ubisoft Forward, anche se il CEO Yves Guillemot, in sede separata, si è espresso duramente. "Ubisoft non è stata in grado di garantire ai suoi collaboratori un ambiente di lavoro sicuro e inclusivo, e questo non è accettabile" le sue parole. "Ogni comportamento tossico è in opposizione totale con i valori sui quali non transigo".

Ubisoft Montreal

Le accuse si concentrano sulla figura di Tommy François, uno dei responsabili delle pubbliche relazioni. Istrionico e sempre sopra le righe, sia pubblicamente che privatamente, François aveva trasformato la sede storica di Ubisoft a Montreuil in un covo di battute a sfondo sessuale nei confronti delle dipendenti di sesso femminile, alternando indiscriminatamente momenti di collera a momenti di entusiasmo, spesso ingiustificati. François era solito strusciarsi dietro le colleghe donne o indugiare a lungo nei baci sul viso al momento dei saluti, secondo le accuse. L'ambiente era deteriorato a tal punto che se ne parlava anche ai colloqui di assunzione. Per i dipendenti, inoltre, c'era l'obbligo di partecipazione alle goliardiche serate organizzate da François.

Tommy François

Tommy François

Libération sostiene che il direttore creativo Serge Hascoet fosse a conoscenza dei comportamenti di François: non solo non lo ha fermato, ma incoraggiava questo tipo di clima sregolato all'interno degli uffici. Coinvolta anche la direttrice delle risorse umane Cécile Cornet, che si assicurava che tutti i dipendenti della sede di Montreuil sposassero questo clima aziendale. Fra i licenziati anche il direttore della famosa sede di Montreal, Yannis Mallat, accusato di aver importato in Canada certi atteggiamenti irrispettosi nei confronti delle dipendenti donne.

"Ubisoft annuncia diversi importanti cambiamenti nel personale che fanno parte del lavoro globale dell'azienda volto migliorare e rafforzare la propria cultura del luogo di lavoro" si legge in una nota ufficiale diramata da Ubisoft. "Queste partenze derivano dall'avvio di una revisione avviata dalla Società in risposta alle recenti accuse di cattiva condotta e comportamento inappropriato".

La posizione di Chief Creative Officer di Hascoet sarà occupata momentaneamente dal CEO Yves Guillemot. Come CCO Guillemot si preoccuperà di ripristinare un clima lavorativo più decoroso all'interno dei reparti creativi. Ubisoft Montreal avrà un nuovo CEO e ci sarà la nomina di un nuovo responsabile globale delle risorse umane in sostituzione di Cécile Cornet. La Società sta ristrutturando e rafforzando la sua divisione HR per adattarla alle nuove sfide del settore dei videogiochi. "Ubisoft è nelle fasi finali della designazione di una delle migliori società di consulenza gestionale a livello internazionale per controllare e rimodellare le sue procedure e politiche in materia di risorse umane" si legge ancora nella nota.

Ubisoft, fondata nel 1986 da Yves Guillemot insieme ai suoi quattro fratelli, è il terzo editore di videogiochi dopo Electronic Arts e Activision Blizzard, e il primo in Europa. Conta 18 mila dipendenti fra le sue sedi dislocate in varie parti del mondo, dei quali circa un quarto sono donne. Queste decisioni mirano a tenere lo scandalo il più possibile slegato dagli annunci di Ubisoft Forward, ma sicuramente l'inchiesta di Libération peserà sull'operato di Ubisoft nei prossimi mesi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

43 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
daniele86Z13 Luglio 2020, 14:13 #1
E questo è solo quello emerso pubblicamente.. che porcaio di posto.. che vergogna
canislupus13 Luglio 2020, 14:20 #2
Non so quello che succedesse realmente in Ubisoft, ma dubito che ci siano realtà in cui non vengano fatte battutine o ci siano comportamenti non troppo professionali.
Non che voglia giustificare tali comportamenti (figuriamoci io evito ogni parola che possa riportare ad un contenuto sessuale, seppur velato quando si è in presenza di donne in ufficio), però probabilmente ci sono ancora molti passi da compiere verso una certa correttezza.
L'importante però è non confondere l'evento sporadico con un qualcosa di costante... e soprattutto cercare di comprendere se chi abbiamo di fronte sia dotato/a di una sensibilità maggiore della nostra.
Per esempio dove lavoro abbiamo un collega estremamente religioso che inorridisce ogni qualvolta venga semplicemente nominato un essere divino senza alcun sproloquio (segue alla lettera uno dei dettami di non nominare invano).
Consapevoli di questo in sua presenza, evitiamo in tutti i modi di metterlo in difficoltà.
Zappz13 Luglio 2020, 14:24 #3
A certa gente piace proprio sputare nel piatto dove mangia...

Perdere un ottimo lavoro ed anche qualsiasi contratto futuro (ormai e' bollato come maniaco) per una cosa del genere e' proprio da fessi, con lo stipendio che aveva poteva farsi tutti i festini che voleva al di fuori del lavoro ed invece ha buttato tutto nel cesso.
cronos199013 Luglio 2020, 14:26 #4
Originariamente inviato da: canislupus
Non so quello che succedesse realmente in Ubisoft, ma dubito che ci siano realtà in cui non vengano fatte battutine o ci siano comportamenti non troppo professionali.
Non che voglia giustificare tali comportamenti (figuriamoci io evito ogni parola che possa riportare ad un contenuto sessuale, seppur velato quando si è in presenza di donne in ufficio), però probabilmente ci sono ancora molti passi da compiere verso una certa correttezza.
L'importante però è non confondere l'evento sporadico con un qualcosa di costante... e soprattutto cercare di comprendere se chi abbiamo di fronte sia dotato/a di una sensibilità maggiore della nostra.
Per esempio dove lavoro abbiamo un collega estremamente religioso che inorridisce ogni qualvolta venga semplicemente nominato un essere divino senza alcun sproloquio (segue alla lettera uno dei dettami di non nominare invano).
Consapevoli di questo in sua presenza, evitiamo in tutti i modi di metterlo in difficoltà.
Il problema è che qui non si tratta di un caso sporadico. Tanto meno di qualcosa di poco conto:
François era solito strusciarsi dietro le colleghe donne o indugiare a lungo nei baci sul viso al momento dei saluti, secondo le accuse. L'ambiente era deteriorato a tal punto che se ne parlava anche ai colloqui di assunzione. Per i dipendenti, inoltre, c'era l'obbligo di partecipazione alle goliardiche serate organizzate da François.
Lo stesso CEO e fondatore ha parlato duramente e (a quanto pare) pubblicamente sulla questione.

Qui hanno fatto i passi da gambero verso la correttezza.
canislupus13 Luglio 2020, 14:27 #5
Originariamente inviato da: Zappz
A certa gente piace proprio sputare nel piatto dove mangia...

Perdere un ottimo lavoro ed anche qualsiasi contratto futuro (ormai e' bollato come maniaco) per una cosa del genere e' proprio da fessi, con lo stipendio che aveva poteva farsi tutti i festini che voleva al di fuori del lavoro ed invece ha buttato tutto nel cesso.


Più che altro probabilmente si guarda solo a se stessi, pensando che un ambiente di lavoro dove si è il capo, sia un po' il proprio luna park personale.
canislupus13 Luglio 2020, 14:45 #6
Originariamente inviato da: cronos1990
Il problema è che qui non si tratta di un caso sporadico. Tanto meno di qualcosa di poco conto:
Lo stesso CEO e fondatore ha parlato duramente e (a quanto pare) pubblicamente sulla questione.

Qui hanno fatto i passi da gambero verso la correttezza.


Ma infatti parlavo più in generale.
Giustissimo quando un certo atteggiamento è frequente e così eccessivo... solo non vorrei che si arrivasse al punto di condannare un giorno anche solo una battutina velatamente "sessista" o una parola non troppo politically correct.
E' necessario avere anche un minimo di intelligenza e tolleranza e comprendere che a volte si sbaglia senza avere la reale volontà di farlo.
Faccio sempre l'esempio delle commedie anni 80 in cui si definivano gli omosessuali con termini sicuramente poco appropriati.
Oggi, ovviamente, tutti noi evitiamo in tutti i modi di usarli perchè siamo consapevoli che siano offensivi (lo erano anche allora, ma c'era per così dire più "tolleranza" o forse meno sensibilità.
Il top sarebbe che nessuno si dimenticasse mai di quanto sia sbagliato usare certe parole, però se capita per errore una singola volta... chi si sente offeso (giustamente) penso che sia tanto intelligente da passarci sopra e far notare la bestialità che si è detta piuttosto che partire per la tangente con il solito "Je accuse"...
pabloski13 Luglio 2020, 14:58 #7
C'andrei piano, perchè, come al solito

François era solito strusciarsi dietro le colleghe donne o indugiare a lungo nei baci sul viso al momento dei saluti, secondo le accuse


Siccome, ormai, l'ambiente di lavoro è dominato da un femminismo tossico, di chi spera di far carriera ( e/o estorcere denaro ) a colpi di denunce, io attenderei il verdetto del giudice.

Ci sono stati fin troppi casi inventati di sana pianta o esagerati oltre modo. Il grosso problema è che, troppo spesso, le finte vittime non vengono perseguite. Il che le incoraggia a continuare nel loro femminismo tossico. L'attitudine della società alla larga, non scoraggia questi fenomeni di pirateria di genere.

Se quanto riferito circa il CEO fosse vero, sarebbe stato il caso di spedirlo in TSO e d'urgenza. Quindi qualcuno ha mancato e di brutto. E su tutto, non solo sulla questione delle molestie. Perchè uno così, può benissimo vendere i segreti dell'azienda a delle spie industriali.

Cioè, se è vero quello di cui è accusato, questo qui è una m**** tout court.
aqua8413 Luglio 2020, 15:09 #8
Originariamente inviato da: Zappz
A certa gente piace proprio sputare nel piatto dove mangia...

Perdere un ottimo lavoro ed anche qualsiasi contratto futuro (ormai e' bollato come maniaco) per una cosa del genere e' proprio da fessi, con lo stipendio che aveva poteva farsi tutti i festini che voleva al di fuori del lavoro ed invece ha buttato tutto nel cesso.

è così, lo è sempre stato e lo sarà SEMPRE
la fi.a tira, punto.
siamo pur sempre "animali"

non lo dico per giustificare atti di violenza verbale/fisica, ma alcune persone fanno "fatica" a dominare certi istinti (se vogliamo chiamarli così, e sarà così sempre.
JuneFlower13 Luglio 2020, 15:21 #9

Tanto rumore "per nulla"

Queste cose del mobbing e del crunching senza limiti vanno certamente estirpate e c'è di tutto nella nostra società, e nelle nostre aziende, questo è certo. Queste erano canadesi ma in Italia siamo messi malissimo pure.

Una cosa importante va detta: sono coinvolte anche donne in questo BISOGNA FINIRLA DI INDICARE l'UOMO COME IL MONOPOLISTA DELLA VIOLENZA, LE PAROLE, LE ABITUDINI, OGNI COSA PUO essere tossica!
Non sono solo gli uomini a comportarsi male e bisogna finirla di essere caustici contro chi fa queste cose, queste persone vanno "recuperate" come chiunque altro. Il femminismo deve fare passi avanti e non ci si può piu nascondere dietro un "sei un anti femminista"... se parlo della palestina allora sono un atni semita.. queste boiate che il fascismo dei NEO FASCISTI è uno dei veri problemi oggi.

Lasciate che la società progredisca NELL'INTERESSE DELLA COMUNITA' non nell'interesse delle femministe, altrimenti creeremo un nuovo stato di mobbing a cui tutti dovremo sottostare. Benvenga che piu diversità e piu donne siano incluse, ce n'é davvero BISOGNO! Ma davvero bisogna finirla di pensare alla vecchia maniera femminista... E' un problema di comunità non MASCHILE.

SOno gli strascichi di vecchie educazioni CON CUI CHIUNQUE DI NOI E' in modo indiretto o diretto venuto in contatto.
JuneFlower13 Luglio 2020, 15:26 #10
Davvero interessante che sarà il CEO a reggere le redini in questa situazione: è chiaramente una situazione da "raschiamento fondo barile" per Ubisoft.. e buona fortuna visto il livello terra terra di AC Valhalla e di Odyssey (che sanno tanto di fine della saga.. almeno per quanto riguarda il mondo AAA ... non lo è affatto, certo alle masse piace giocare a quella robaccia)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^