I simboli nazisti (e i baffi di Hitler) possono apparire nei videogiochi: la Germania ci ripensa sul ban

I simboli nazisti (e i baffi di Hitler) possono apparire nei videogiochi: la Germania ci ripensa sul ban

Importanti novità per il mercato tedesco dei videogiochi, in cui è stato alleviato il ban sulle iconografie naziste nei videogiochi. Fino ad oggi anche i baffi di Hitler potevano rappresentare un problema

di pubblicata il , alle 14:41 nel canale Videogames
 

Fino ad oggi, prima che un videogioco potesse mostrare iconografie e simboli del nazismo, come le svastiche o addirittura i baffi di Hitler (censurati in Wolfenstein II), in Germania era necessario sottoporre il gioco al vaglio di un organo apposito per l'eventuale censura. La situazione è appena cambiata, con le autorità tedesche che hanno abolito il precedente ban sui simboli nazisti nei videogiochi: a partire da oggi ogni titolo verrà comunque valutato caso per caso dall'Entertainment Software Self-Regulation Body (USK), e verrà giudicato nella stessa maniera di libri o film.

Quando un gioco viene sottoposto al vaglio della USK per la certificazione dell'età, l'organo di regolamentazione determinerà anche se soddisfa la "clausola di adeguatezza sociale" del codice penale tedesco. Spiegato in breve, è sufficiente che i simboli e le immagini considerati anti-costituzionali siano necessari per le finalità artistiche o per la correttezza scientifica della narrazione perché possano apparire nei videogiochi, così come su film e libri. Si tratta di una vittoria anche per la German Games Industry Association, che si batte da anni per la rimozione del ban.

I videogiochi, secondo vari esperti, possono avere un ruolo importante nei dibattiti storici, sociali e politici relativi al passato oscuro tedesco, e degli effetti del periodo storico relativo al nazismo sui giovani di oggi: "Noi dell'industria dei videogiochi siamo preoccupati sulle tendenze che vediamo verso il razzismo, l'antisemitismo e la discriminazione", ha dichiarato Felix Falk, dirigente dell'associazione tedesca. "Rimaniamo fortemente impegnati verso una società aperta e inclusiva, verso i valori che risiedono nella costituzione tedesca e nella responsabilità storica della Germania".

Il dirigente ha poi continuato: "Molti videogiochi attenti all'analisi storica affrontano argomenti delicati come l'era nazista in Germania, e lo fanno in modo responsabile al fine di incoraggiare il pensiero critico. La natura interattiva dei giochi li rende inoltre unicamente qualificati per lanciare un dibattito, e raggiungono le generazioni più giovani come nessun altro strumento può fare oggi". La USK sta inoltre progettando ulteriori metodi per la valutazione dei videogiochi, in modo da applicare le novità in maniera progressiva nel corso dei prossimi anni.

"La legge dice ancora, e lo dirà ancora per molti anni, che riempire il mercato con simboli nazisti non è quello che vogliamo, è vietato", ha inoltre concluso Falk rivolto a Gameindustry. "Ci sarà sempre un dibattito, e un dibattito nella società, su dove le limitazioni debbano essere poste".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
aqua8413 Agosto 2018, 14:46 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: https://gaming.hwupgrade.it/news/vi...-ban_77510.html

Importanti novità per il mercato tedesco dei videogiochi, in cui è stato alleviato il ban sulle iconografie naziste nei videogiochi. Fino ad oggi anche i baffi di Hitler potevano rappresentare un problema

Click sul link per visualizzare la notizia.

eh si...
perchè il problema vero erano la svastica, i baffi di hitler o hitler stesso...
mica le decine e decine di uomini accanto a lui che gli davano ascolto e facevano anche peggio.
hitler era solo UN uomo, non un essere invincibile arrivato dallo spazio.
Maxt7513 Agosto 2018, 15:34 #2
Era comunque un ban idiota figlio dei benpensanti di questo tempo.
Se dovessimo bannare ogni simbolo, legato a nefandezze commesse o meno, ci metteremmo sullo stesso piano dei talebani o dei nazisti stessi, oltre al fatto che dovremmo impiegare anni per cancellare almeno metà storia, viste le atrocità commesse in ogni era.
Ormai prima di pubblicare qualcosa c'è da farsi il segno della croce perchè si rischia di offendere chiunque. C'è sempre qualcuno che si offende.
cecofuli213 Agosto 2018, 15:53 #3
Segno della Croce... mmm... croce... andrebbe bannata pure quella. Perchè in nome di quel simbolo, in tuttala storie dell'uomo sono state uccise molte più persone che non in tutta la seconda guerra mondiale.
Spawn758613 Agosto 2018, 15:56 #4
Originariamente inviato da: Maxt75
Era comunque un ban idiota figlio dei benpensanti di questo tempo.
Se dovessimo bannare ogni simbolo, legato a nefandezze commesse o meno, ci metteremmo sullo stesso piano dei talebani o dei nazisti stessi, oltre al fatto che dovremmo impiegare anni per cancellare almeno metà storia, viste le atrocità commesse in ogni era.
Ormai prima di pubblicare qualcosa c'è da farsi il segno della croce perchè si rischia di offendere chiunque. C'è sempre qualcuno che si offende.


Ehm, no. E' un ban risalente almeno al 1952. Considerando l'età adulta di quel periodo direi che i benpensanti di quel tempo adesso sarebbero un pochino vecchi.

E' una legge figlia della guerra fredda, della guerra appena persa e di vari altri fattori che di certo non erano atti a "non offendere" qualcuno...
kamon13 Agosto 2018, 16:04 #5
Nascondere i simbili non serve a cancellare un modo di pensare, semmai serve a unire nel segno del vittimismo chi si riconosce in quel simbolo... Insomma al giorno d'oggi, un controllo del genere è ridicolo e controproducente, anche se ne approvo al 100% la ragione originale.
s12a13 Agosto 2018, 16:14 #6
Originariamente inviato da: Maxt75
Ormai prima di pubblicare qualcosa c'è da farsi il segno della croce perchè si rischia di offendere chiunque.

Attenzione: non in pubblico che più di qualcuno potrebbe offendersi per il gesto.
Hiei360013 Agosto 2018, 20:06 #7
"Siamo così migliori dei Nazisti,che lo dimostriamo censurando o direttamente arrestando chiunque professi le loro ideologie,perché noi si,che siamo un popolo libero"

Stessa cosa con il fascismo in Italia,se era tanto brutto e cattivo,perché si ha così tanta paura da renderlo illegale per legge? (alla faccia della democrazia).
kamon13 Agosto 2018, 20:31 #8
Originariamente inviato da: Hiei3600
"Siamo così migliori dei Nazisti,che lo dimostriamo censurando o direttamente arrestando chiunque professi le loro ideologie,perché noi si,che siamo un popolo libero"

Stessa cosa con il fascismo in Italia,se era tanto brutto e cattivo,perché si ha così tanta paura da renderlo illegale per legge? (alla faccia della democrazia).


La paura si ha per una buona ragione, dato quanto successo alcuni decenni or sono in europa e la certezza che sentimenti e ideologie xenofobe sono forti oggi come allora, è il metodo per tenere tutto sotto controllo che è sbagliato... Anche se molto è facile dirlo, più difficile è proporre soluzioni alternative...

Quello che è allarmante è che sempre più spesso chi si lagna (non ce l'ho con nessuno in particolare, sia chiaro) per la mancanza di libertà di espressione quando questa è tesa a limitare certe ideologie razziste e xenofobe, è il genere di persona che vede di buon occhio leggi e regimi che dei limiti alle libertà personali fanno vessillo... Insomma, se una legge limita me NO, ma se limita chi mi sta antipatico allora SI, questo non è molto democratico.
Hiei360013 Agosto 2018, 20:44 #9
Originariamente inviato da: kamon
La paura si ha per una buona ragione, dato quanto successo alcuni decenni or sono in europa e la certezza che sentimenti e ideologie xenofobe sono forti oggi come allora, è il metodo per tenere tutto sotto controllo che è sbagliato... Anche se molto è facile dirlo, più difficile è proporre soluzioni alternative...


Il metodo alternativo c'è,ma non è né semplice né veloce: educazione e cultura.

In un paese con un funzionante sistema di istruzione,con una cultura liberale e con delle tensioni sociali "sotto controllo" (non eccessive), certi movimenti / ideologie di ultra-destra semplicemente non emergono(o se emergono,riguardano una parte molto ridotta della popolazione,non certo la maggioranza).

La gente non si sveglia la mattina con delle tendenze xenofobe / violente o illiberali,di solito queste ideologie sono coltivate in anni da tensioni sociali di vario tipo(dalla povertà fino alla criminalità,unite a scarsa istruzione e senso di abbandono dello stato.

Ma ovviamente creare una società funzionante sia dal punto di vista economico,che sociale e culturale era una cosa troppo complicata...quindi hanno preso la scorciatoia ed hanno preferito rendere illegale certe ideologie, geni

Ricordiamoci che per quanto possiamo NON essere d'accordo con queste ideologie,quelle persone sono pur sempre esseri umani,cresciuti nella nostra società,e se sono arrivati a questo magari dovremmo farci un esame di coscienza tutti quanti.
roccia123413 Agosto 2018, 21:05 #10
**

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^