I 13 indie all'evento Microsoft ID@Xbox

I 13 indie all'evento Microsoft ID@Xbox

Microsoft conferma il proprio impegno verso gli studi di sviluppo indipendenti presentando a Milano 13 nuovi titoli per Xbox One e Windows 10, con la presenza di 7 studi di sviluppo italiani

di pubblicata il , alle 11:31 nel canale Videogames
MicrosoftXbox
 

In occasione del quarto showcase annuale ID@Xbox, tenutosi nella Microsoft House di Milano, Microsoft ha presentato i risultati del proprio programma dedicato agli sviluppatori indipendenti, confermando il proprio impegno nell’aiutare gli studi di sviluppo a dar vita alle proprie idee e realizzare il proprio potenziale, permettendo loro di trasformare la propria passione in un lavoro.

ID@Xbox è una piattaforma annunciata da Microsoft in occasione del GamesCom 2013 con il principale scopo di favorire e sostenere lo sviluppo di giochi indipendenti per i formati Xbox One e Windows 10 e il self-publishing tramite il social network Xbox Live. Scendendo più in profondità, l'obiettivo ultimo del programma è insegnare a chiunque, a partire dei bambini, a programmare, fornendo gli strumenti e trasmettendo la passione per il mondo dei videogiochi e dello sviluppo. Ancora oggi ci sono troppe barriere all'ingresso per il mondo della programmazione, ma allo stesso tempo serve che chiunque, e da ogni territorio, possa esprimersi con un media, quello dei videogiochi, che diventa sempre più importante nelle vite di ciascuno di noi.

ID@Xbox

Lo showcase è partito proprio nel 2016 da Milano ma, visto il successo del format, è stato poi esportato presso altre città europee, diventando un punto di riferimento all'interno dell'impegno di supporto ai team indipendenti. Grazie ai nuovi sistemi di abbonamento come Xbox Game Pass, ora disponibile anche su PC come annunciato da Microsoft nella sua Conferenza E3, gli indie acquisiscono rinnovata visibilità. Un servizio ad abbonamento come questo, infatti, rompe le barriere all'ingresso per giochi di questo tipo, e porta molti più giocatori a provarli perché hanno già speso per accedere al pacchetto completo messo a disposizione dal Game Pass. Molto spesso si tratta di prodotti coraggiosi e innovativi, che presentano il gaming da una prospettiva differente rispetto a quella consueta. Si consideri inoltre che questi titoli sono in tutti i casi presenti nei formati Xbox One e Windows 10, ma non solo su questi. Molti di loro sono reperibili anche su Steam, GOG e su altre piattaforme.

Dalla sua nascita, oltre 3.000 studi di sviluppo sono entrati a far parte di ID@Xbox, 500 dei quali solamente nell’ultimo anno. Ottenendo accesso alle tecnologie e al supporto Microsoft per sviluppare su Xbox One e Windows 10, questi studi hanno già creato oltre 1.000 titoli, 400 dei quali sono stati rilasciati nel 2018, e hanno generato ricavi per un valore di 1,2 miliardi di dollari.

“Siamo entusiasti di tornare anno dopo anno in Italia per raccontare come Xbox sia impegnata a supportare gli sviluppatori indipendenti e, in particolare, come anche gli studi nostrani riescano a sfruttare questa opportunità per realizzare i propri sogni e trasformare una passione in un vero lavoro”, ha commentato Agostino Simonetta, ID@Xbox Regional Lead EMEA. “I risultati del programma ID@Xbox sono sorprendenti e ci aspettiamo una crescita ancora più forte nei prossimi anni. Basti pensare che in questo momento ben 1.600 titoli sono in fase di sviluppo. Ma il nostro supporto non termina con la creazione di un gioco: siamo infatti impegnati ad aiutare gli sviluppatori indipendenti anche nella fase di lancio, per far scoprire il titolo a più giocatori possibili. Sono molti gli studi che hanno già scelto di far pubblicare i propri giochi su Xbox Game Pass al day one, come nel caso di Afterparty e The Good Life, raggiungendo così una base di utenti molto ampia e diversificata e permettendo di provare il titolo anche a chi altrimenti non avrebbe scelto di effettuare l’acquisto”.

After Party

After Party di Night School Studio (Oxenfree) prevede una gara di bevute addirittura con Satana. Si tratta di un'avventura basata su scelte che portano a conseguenze dove i giocatori controllano i due protagonisti Milo e Lola in un tipo di azione a scorrimento orizzontale. Milo e Lola sono morti, assetati e vagano per le strade di Nowhere, l'isola più remota dell'Inferno. Per poter sfuggire dalle grinfie di Satana devono sfidarlo proprio a una gara di bevute: di giorno vengono torturati dai demoni degli inferi, mentre di notte possono recarsi alle discoteche e ai locali notturni che si trovano all'Inferno. Il cuore del gameplay prevede l'esplorazione di varie aree dell'Inferno per imbattersi in una serie di personaggi con cui si può interagire: le opzioni di dialogo sono più ricche se la sera si è bevuto un cocktail speciale molto alcoolico. Un particolare drink, infatti, può dare ai personaggi il coraggio e la sfacciataggine per rispondere per le rime. Durante le serate ai bar, inoltre, si possono affrontare vari tipi di mini-giochi che prevedono sfide di abilità, come karaoke, balli e gare a braccio di ferro. After Party è un'avventura permeata da humor nero, con una parte artistica accattivante e con un gameplay innovativo.

Children of Morta

Children of Morta, creato da Dead Mage e prodotto da 11Bit Studios (This War of Mine, Frostpunk), è un action rpg in stile Diablo, con un tipo di grafica molto particolare, che all'interno dello scenario indie ha già saputo ritagliarsi una fetta importante. La versione definitiva di questo promettente gioco arriverà (anche su Steam) a settembre, mentre un evento esclusivo a tempo limitato ha consentito di provarlo a metà giugno. Il personaggio interpretato dal giocatore deve affrontare ondate di avversari in combattimenti ravvicinati e con abilità potenziabili all'interno di una cornice in grafica pixel art. Gli autori parlano di una forte presenza della storia: sebbene il gioco abbia uno scenario fantasy, si tratta di temi a noi vicini che riguardano la perdita e il sacrificio. Con la Corruzione che si diffonde attraverso la terra, i guardiani della Montagna Morta devono resistere contro un male antico. Ma non è una storia sul salvataggio dell'universo; piuttosto, riguarda una famiglia valorosa che rimane insieme mentre il mondo intorno viene divorato dall'oscurità.

Star Renegades

Star Renegades, ideato da Massive Damage e prodotto da Raw Fury, rogue-lite RPG tattico che segue un'interminabile ribellione interplanetaria contro un impero autoritario malvagio. Il giocatore guida una squadra di ribelli nella loro lotta disperata contro avversari in soprannumero e in costante evoluzione. Il gioco è realizzato dal team che si è occupato di Halcyon 6 e prevede la gestione di una squadra di combattenti all'interno di un sistema a turni con grafica in pixel art. Il mondo di gioco è generato proceduralmente per favorire la rigiocabilità e rendere ogni playthrough e conferirgli un alto livello di sfida. Il sistema di combattimento, inoltre, è studiato in modo da offrire le risorse per contenere e controbattere ogni attacco, mentre un avversario intelligente schiera dei nemici che si evolvono mentre i personaggi controllati dal giocatore si potenziano con l'esperienza. Inoltre, il giocatore è in grado di sbloccare altri personaggi man mano che i membri della sua squadra creano legami e creano progenie.

Atomicrops

Sempre da Raw Fury, e sviluppato da Bird Bath, arriva questo curioso e originalissimo simulatore agricolo, definito come "roguelite farming simulator". I giocatori devono coltivare delle piantagioni mutanti e difenderle sparando dalla prospettiva isometrica in stile Diablo dall'attacco di mostri famelici. Il gioco è stato annunciato nel 2017 e ora è finalmente giocabile. Bisogna esplorare la terra desolata, alla ricerca di nuovi microscopi atomici per produrre nuovi tipi di piantagione e assicurarsi che i campi non vengano distrutti dai fastidiosi invasori. Alcune unità morfo-funzionali sono più remunerative di altre e nutrirle con gli insetti permette di farle crescere in maniera più rigogliosa, aumentando la qualità del raccolto. Il personaggio interpretato dal giocatore può anche sposarsi per assicurarsi un'alleata preziosa per la protezione del campo, agendo come una guardia del corpo. Maiali, polli e mucche arricchiranno ulteriormente la tenuta agricola, dando la possibilità di entrare nel business degli hamburger e altri ancora.

Crosscode

Crosscode, sviluppato da Radical Fish Games e prodotto da Deck13, assomiglia a un jrpg degli anni '80 con la sua grafica in stile SNES a 16 bit e i suoi caratteristici personaggi. Si tratta di uno shooter con prospettiva isometrica in cui il giocatore deve sfruttare la capacità di rimbalzare dei proiettili delle sue armi per risolvere degli enigmi e proseguire nei livelli di gioco. Il giocatore può disegnare delle traiettorie in stile biliardo per raggiungere interruttori nascosti e sbloccare degli ostacoli e saltare da una piattaforma all'altra per raggiungere livelli apparentemente troppo alti. Il tutto con fisica dinamica e una storia avvincente di genere fantascientifico. Gli sviluppatori promettono fino a 80 ore di azione all'interno di 7 differenti aree di gioco con aree segrete e oggetti collezionabili. Si possono esplorare i dungeon, affrontare delle quest e padroneggiare 90 arti marziali con molte abilità passive. L'esplorazione del giocatore verrà ricompensata con equipaggiamento sempre più prezioso, utile per affrontare le insidie più minacciose all'interno di una struttura di gioco che ricorda i Zelda. Nelle frenetiche battaglie bisognerà userai gli strumenti raccolti durante il viaggio per rivelare e sfruttare le debolezze dei nemici mentre le abilità si evolveranno assecondando lo stile di gioco del giocatore.

The Good Life

The Good Life di White Owls e SWERY (Deadly Premonitions, D4: Dark Dreams Don't Die) è un'avventura che segue la storia di Naomi, una fotografa nell'apparentemente tranquilla cittadina di Rainy Woods. Il giocatore può raccogliere delle quest e portarle a compimento utilizzando la macchina fotografica all'interno della cornice da avventura grafica. Ad esempio Naomi potrebbe dover fotografare una persona popolare di Rainy Woods mentre si dà all'alcool: se entra nel pub la vittima si accorgerà della macchina fotografica e smetterà di bere, mentre se la si fotografa dalla finestra che dà sulla strada si otterrà una fotografica migliore e maggiormente esplicativa. La cittadina è ottimamente ricostruita, con il team che ha fatto dei sopralluoghi nel Regno Unito per trovare le giuste ispirazioni da infondere nella costruzione del mondo di gioco. Lo stile di The Good Life è piacevole, così come le animazioni della protagonista e i buffi personaggi con cui si troverà a interagire. Il vero obiettivo di Naomi è risolvere un'indagine a proposito di un omicidio e per farlo potrà esplorare la cittadina di giorno e di notte, sfruttando anche dei cani e dei gatti per delle indagini notturne. Il gioco è stato sviluppato in Giappone e finanziato tramite Kickstarter.

Alaloth

Numerosa la rappresentanza di realtà italiane che, grazie a Microsoft, sono riuscite a realizzare i propri progetti ed entrare in un mercato altamente competitivo. Sono stati infatti presentati ben 7 titoli nati dalla creatività di studi di sviluppo della penisola: Alaloth di Gamera Interactive è un articolato gioco di ruolo realizzato con il supporto del veterano Chris Avellone (Planescape: Torment, Icewind Dale, Fallout, Dying Light 2). Il gioco porta le dinamiche aRPG ad un nuovo livello con un gameplay basato sull'abilità ispirato a grandi classici come Diablo e Dark Souls. Gli sviluppatori promettono un sistema di combattimento hardcore con un grande livello di sfida per il giocatore definendo il gioco come il primo Soulslike con visuale isometrica. I giocatori possono esplorare liberamente un vasto mondo di gioco alla ricerca di risorse preziose. Il mondo è poi affrontabile insieme agli amici all'interno di un sistema di tipo co-op per 4 giocatori. Si può decidere di collaborare con loro per affrontare i nemici più forti o di sfidarli per ottenere le preziose risorse che hanno ritrovato durante la loro esplorazione. I giocatori si imbattono in più di 40 fra fazioni e clan con la propria storia e i propri intrighi e dopo aver completato il gioco lo si potrà rigiocare gestendo il proprio clan personale. Ci sono anche 12 companion da poter inserire nel party di combattimento, ognuno di loro con la propria storia personale e le proprie predisposizioni. La leggenda degli rpg Chris Avellone ha fornito il suo supporto proprio per la scrittura delle storie di questi personaggi e di altri aspetti del vasto mondo di gioco.

The Suicide of Rachel Foster

The Suicide of Rachel Foster, creato da 101% e Reddoll games e prodotto da Daedalic, è un'avventura investigativa e psicologica ambientata nel Montana degli anni '90. Si tratta di un gioco tecnicamente molto avanzato ambientato in un articolato hotel con interni ricostruiti minuziosamente grazie a Unreal Engine 4 e sistema audio bineurale, che esalterà al meglio ogni possibile e flebile rumore. La storia riguarda due donne, Rachel Foster e Nicole Wilson. Rachel ha avuto una relazione con il padre di Nicole da cui è rimasta incinta. In circostanze misteriose Rachel si è suicidata con in grembo il figlio mai dato alla luce. A distanza di 10 anni Nicole fa ritorno all'hotel dove si è consumata la storia d'amore, ufficialmente per eseguire una perizia sul rimborso da versare alla famiglia di Rachel Foster. Una tormenta di neve la blocca nell'edificio e questo le dà modo di imbattersi in una serie di indizi che le danno il sospetto che la storia non sia andata come si crede, anzi la stessa morte di Rachel ora è in dubbio. Sono gli scenari di gioco liberamente esplorabili che fanno la differenza in The Suicide of Rachel Foster, anche perché ricostruiti in maniera del tutto fedele alla realtà storica degli anni '90.

Follia - Dear Father

Follia - Dear Father, sviluppato da Real Game Machine e prodotto da Destructive Creations, è un altro interessante thriller psicologico sviluppato in Italia con motore grafico Unity. Anche in questo caso grande attenzione è stata riposta nella ricostruzione degli ambienti del campus universitario in cui il gioco è ambientato, all'interno di meccaniche di gioco che ricordano Silent Hill e Resident Evil 7. Il giocatore deve esplorare gli ambienti per ricercare indizi e ottenere risorse utili alla sopravvivenza, mentre lo scontro contro i nemici è sempre sconsigliato e altamente pericoloso. Follia è un gioco d'azione di genere stealth che segue una storia piuttosto articolata in cui il protagonista Marcus deve cercare i suoi genitori, ma si ritroverà a lottare per la sua vita. Esplorando si imbatterà in una serie di indizi che lo condurranno a scoprire il motivo per cui un'università è diventata un vero e proprio mattatoio. Disporrà di un accendino e di una torcia per farsi luce, ma entrambi hanno un funzionamento limitato. Il primo gli consentirà di vedere meglio intorno a lui ma la fiamma si spegnerà se correrà o si muoverà velocemente. La torcia, invece, emette un cono di luce ma le sue batterie si esauriscono in fretta. Gli sviluppatori garantiscono un alto livello di rigiocabilità con tre livelli di difficoltà, da principiante a hardcore-gamer. Si potranno sbloccare parti aggiuntive della mappa: l'esplorazione verrà premiata se si sarà in grado di osservare bene gli ambienti; mentre i nemici avranno caratteristiche diverse e bisognerà affrontarli in maniera strategica. Il gioco è compatibile anche con HTC Vive e giocabile in VR.

Daymare: 1998

Daymare: 1998 è anch'esso prodotto da Destructive Creations, mentre il team di sviluppo è Invader Studios. Per certi versi simile al gioco precedente, e anch'esso ispirato da Resident Evil, Daymare: 1998 è più action oriented. Grazie a Unreal Engine 4, offre una grafica molto dettagliata con ambienti fotorealistici e riflessi accattivanti all'interno degli scenari notturni. Daymare: 1998 è un survival horror in terza persona con meccaniche survival hardcore e nemici difficili da affrontare. Il gioco richiede un approccio strategico sia ai combattimenti che alla risoluzione dei puzzle, mentre la storia, vissuta da tre punti di vista diversi, è completamente inedita. Tutto ha inizio con un centro di ricerca segreto, un’arma chimica letale ed un team di agenti speciali inviato ad investigare su un incidente che potrebbe rivelarsi molto più di una semplice violazione della sicurezza. Le vicende si seguono dalla prospettiva di un soldato di élite, di un pilota di elicotteri e di un forest ranger. I nemici sono terrificanti con animazioni e smembramenti realistici, mentre il giocatore dovrà affrontare anche una serie di puzzle ambientali. Il rilascio di Daymare: 1998 è atteso ormai da molto tempo e dovrebbe finalmente avvenire nell'estate.

Close to the Sun

Come BioShock, Close to the Sun trae ispirazione dagli elementi di Art Deco e Art Nouveau per la ricostruzione dei suoi ambienti di gioco. Ideato da Storm in a Teacup e prodotto da Wired Productions, è ambientato sulla Helios, una grande nave specializzata nella ricerca scientifica. Ci troviamo in una versione alternativa del diciannovesimo secolo dove il famoso inventore Nikola Tesla è stato in grado di realizzare il suo potenziale e cambiare il mondo per sempre. Impersonando Rose, i giocatori devono andare alla ricerca della sorella Ada dispersa a bordo della misteriosa nave creata da Tesla. Le grandi sale sono vuote e il fetore di carne in decomposizione si disperde nell'aria. Silenzio. Una singola parola è scritta all'ingresso della nave: è "quarantena". Il gioco usa Unreal Engine 4 per la riproduzione di ambienti realistici e storicamente accurati. Parliamo di un titolo che ha già attirato molte attenzioni per la sua grafica e le sue meccaniche di gioco, che indugiano più sull'esplorazione e l'indagine che sui combattimenti. Close to the Sun è ora disponibile su Epic Games Store e uscirà nel corso del 2019 sulle console Xbox One, PS4 e Switch.

Active Soccer 2019

Come già Sensible Soccer ci sono tantissime leghe da poter affrontare con squadre e giocatori che storpiano i nomi reali (ad esempio la Juventus diventa Torino Bianconeri) per ovvie problematiche di licenza. Ma se avete amato il mitico Sensible Soccer questo potrebbe essere il gioco che fa per voi, anche perché è disponibile su Steam oltre che su Google Play e App Store, ma anche Xbox One e Nintendo Switch.

Dry Drowning

Dry Drowning, sviluppata da Studio V e prodotto dal publisher italiano Vigamus Leonardo Games, è un'avventura testuale realizzata e prodotta interamente in Italia. Dry Drowning è una visual novel investigativa ambientata in un universo futuristico e distopico dove i giocatori impersonano Mordred Foley, un detective privato tormentato dal suo oscuro passato. Devono affrontare una serie di location di gioco alla ricerca di enigmi mentre un corposo sistema di dialogo consente di portare avanti indagini e di interagire con una serie di personaggi. Gli autori promettono una storia sempre diversa grazie a più di 150 percorsi da seguire e 3 finali diversi da sbloccare con scelte difficili da prendere e drammi morali da affrontare. Interessanti i dialoghi con i sospetti: alla vista di Mordred loro si proteggono con delle maschere, ma con le domande giuste il detective sarà in grado di far cadere le maschere della menzogna e di scoprire la verità.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^