Fine della disputa legale con Zenimax: John Carmack ritira le accuse

Fine della disputa legale con Zenimax: John Carmack ritira le accuse

John Carmack ha annunciato su Twitter che la disputa legale con Zenimax è giunta a termine: era nata in seguito alla vendita della sua quota di partecipazione in id Software a Zenimax e al suo approdo a Oculus VR

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Videogames
BethesdaOculus Rift
 

Dopo il passaggio di John Carmack da Zenimax (il gruppo che controlla Bethesda) a Oculus VR, la prima citò in giudizio il guru della grafica 3D, reo di aver portato con sé parte del lavoro sulla realtà virtuale che realizzato per Zenimax. Nello specifico, Zenimax accusava Carmack di aver sottratto migliaia di file nei quali era contenuta la tecnologia VR servendosi di una chiavetta USB con l'obiettivo di portare avanti il lavoro per conto di Oculus. Il giudice decise che Oculus VR avrebbe dovuto risarcire Zenimax di 500 milioni di dollari, ma prosciolse Carmack da ogni accusa, come abbiamo già visto qui.

In seguito alla citazione in giudizio, Carmack portò a sua volta Zenimax in tribunale, sostenendo che il gruppo gli doveva ancora 22,5 milioni di dollari per l'acquisizione di id Software. Secondo quanto sostiene il programmatore su Twitter, Zenimax ha provveduto al pagamento di quanto dovuto: adesso, da ambo le parti, non ci sono più rivendicazioni giudiziarie nei confronti dei precedenti rivali.

Questo ovviamente non vuol dire che la disputa legale tra Zenimax e Oculus sia conclusa, perché la seconda ha ritenuto ingiusta la precedente decisione del giudice, procedendo in appello. La Corte federale nella scorsa estate dimezzava la richiesta di risarcimento a 250 milioni di dollari, una parte (200 milioni) per violazione del contratto di riservatezza, mentre l'altra (50 milioni) per violazione del copyright.

La battaglia giudiziaria tra Zenimax e Oculus andrà ancora avanti perché, secondo i legali di Zenimax, Oculus continua a trarre vantaggi dal furto di tecnologia. La questione è nata in seguito all'acquisizione di Oculus VR da parte di Facebook per 2 miliardi di dollari. La tecnologia al centro della disputa, secondo Zenimax, costituisce una parte cruciale di prodotti come Oculus Go e Oculus Quest, oltre che Samsung Gear VR.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
xP4Kix14 Ottobre 2018, 23:00 #1
Non solo ha fatto un casino assurdo, non solo è stato assolto, è stato lui la causa di tutto, si è intascato 22M, e si è tolto di mezzo. Un fenomeno di bravura si, ma ammazza che vigliacco, e bravo a John..
Thalon14 Ottobre 2018, 23:19 #2
E adesso Palmer Luckey resta col cerino acceso in mano.
Spero non si sia speso tutti i soldi che ha incassato dalla vendita di oculus con quella sua campagna di influencing pro Trump alle elezioni...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^