Epic Games ha acquisito il motore grafico via cloud Cloudgine

Epic Games ha acquisito il motore grafico via cloud Cloudgine

Cloudgine è stata fondata dal veterano dell'industria dei videogiochi Dave Jones, insieme a due italiani, Maurizio Sciglio e Marco Anastasi. L'acquisizione consentirà a Epic di demandare parte del lavoro del motore grafico al cloud

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 12:21 nel canale Videogames
EpicCloudgine
 

Questo annuncio è particolarmente significativo nel mondo dei motori grafici e dell'elaborazione da remoto. Epic Games, la nota software house responsabile di Unreal Engine 4, ha acquisito Cloudgine, una software house fondata nel 2012 da Dave Jones, responsabile di grandi classici del passato come Lemmings e Grand Theft Auto, e dagli sviluppatori italiani Maurizio Sciglio e Marco Anastasi, di cui abbiamo diffusamente parlato in questo speciale.

They Came from Space

Cloudgine ha sede in Scozia ed è stata fondata da David Jones, il famosissimo autore di Grand Theft Auto e di Lemmings, ma che ha profonde radici italiane come abbiamo visto in questo speciale
Cloudgine è artefice di una tecnologia in grado di gestire parte dell'elaborazione necessaria a un videogioco tramite il cloud. Fra le altre applicazioni verrà integrata da Microsoft all'interno di Crackdown 3, il che consentirà ai giocatori di distruggere enormi edifici con effetti fisici precisi e su larga scala, elaborati proprio da remoto. Dato che Xbox One non è in grado di occuparsi contemporaneamente della grafica particolareggiata e di questo tipo di fisica, Cloudgine demanda parte dei calcoli ai server online.

Si tratta di tecnologie molto importanti che permetteranno agli sviluppatori di concentrarsi sulla qualità visiva degli altri elementi, peraltro utilizzabili in contesti mobile oltre che su console e PC. Affidare al cloud solo una parte della computazione consente di ridurre la latenza che invece può avere un costo importante sulle prestazioni nel caso del cloud gaming tradizionale, dove vengono eseguiti degli screenshot in relazione agli input del giocatore e poi inoltrati al client locale.

Altri giochi fanno già uso del cloud per la gestione di alcune componenti, nello specifico dell'intelligenza artificiale. Si tratta ancora una volta di titoli Xbox: ovvero Titanfall e Forza Motorsport.

"Fin dalla sua nascita, Cloudgine ha basato ricerca e sviluppo su Unreal Engine 4", ha commentato Dana Cowley, direttrice del marketing in Epic. "Il cloud computing e le tecnologie online di Cloudgine miglioreranno il set di funzionalità UE4 nell'obiettivo di spingere in avanti i limiti tecnici e creativi nella realizzazione di videogiochi, film e animazioni sfruttando i recenti progressi delle tecnologie di simulazione della fisica e di rete".

Dopo l'annuncio è intervenuta la stessa Microsoft, ribadendo che l'accordo fra Epic e Cloudgine non ha un impatto sullo sviluppo di Crackdown 3. Il gioco d'azione free roaming ha subito una serie di posticipi, ma Redmond fa sapere che i lavori proseguono e che presto rilascerà dettagli sul progetto.

Epic avrà dunque modo di integrare le funzionalità di calcolo da remoto di Cloudgine all'interno di Unreal Engine 4, il che rappresenta un passo in avanti fondamentale per la tecnologia. Gli sviluppatori che useranno il motore grafico di Epic potranno implementare sistemi di fisica e di intelligenza artificiale avanzati all'interno dei propri giochi. Allo stesso tempo, la tecnologia di Cloudgine permette di avere grafica avanzata su hardware di precedente generazione o non particolarmente performante, sulle console ad esempio e sulla stessa Nintendo Switch.

"L'obiettivo ambizioso che ci siamo posti con Cloudgine è quello di costruire una piattaforma basata su grid computing per giochi, in grado di fornire una potenza di calcolo virtualmente illimitata, necessaria per creare esperienze di gioco mai viste fino ad ora", ci ha detto Maurizio Sciglio, co-fondatore di Cloudgine, in questa intervista.

Un altro esempio di come funziona Cloudgine si trova qui.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Vul23 Gennaio 2018, 16:27 #1
"demanda".

Santo cielo, spero vivamente che le persone che scrivono questi articoli non siano pagate e lo facciano per passione, cose simili non sono minimamente accettabili.
Cunctator8623 Gennaio 2018, 21:43 #2
Vul temo di non aver colto il senso della tua critica all'uso del termine "demanda", puoi essere più chiaro in merito?
nickname8824 Gennaio 2018, 09:49 #3
Cloudgine è artefice di una tecnologia in grado di gestire parte dell'elaborazione necessaria a un videogioco tramite il cloud. Fra le altre applicazioni verrà integrata da Microsoft all'interno di Crackdown 3, il che consentirà ai giocatori di distruggere enormi edifici con effetti fisici precisi e su larga scala, elaborati proprio da remoto. Dato che Xbox One non è in grado di occuparsi contemporaneamente della grafica particolareggiata e di questo tipo di fisica, Cloudgine demanda parte dei calcoli ai server online.
E il ping in MP come farà a non aumentare ?
chaosblade24 Gennaio 2018, 10:44 #4
Dipendere da un server online per giocare? Questo tipo di prodotti non fanno per me, in particolare sono giochi che dovrebbero essere free to play e micro transazioni al massimo e non essere pagati per la fruizione visto che non sono virtualmente di proprietà del giocatore ma dipendono da un servizio che necessita del supporto a lungo periodo senza contare le seccanti manutenzioni dei server e non si sa per quanto siano supportate e obbliga ad avere un servizio attivo ed efficente da un provider con problematiche di sorta, passaggio ad altro operatore, familiari che consumano banda, disservizi momentanei del provider ecc
LordPBA24 Gennaio 2018, 14:01 #5
Originariamente inviato da: chaosblade
Dipendere da un server online per giocare? Questo tipo di prodotti non fanno per me, in particolare sono giochi che dovrebbero essere free to play e micro transazioni al massimo e non essere pagati per la fruizione visto che non sono virtualmente di proprietà del giocatore ma dipendono da un servizio che necessita del supporto a lungo periodo senza contare le seccanti manutenzioni dei server e non si sa per quanto siano supportate e obbliga ad avere un servizio attivo ed efficente da un provider con problematiche di sorta, passaggio ad altro operatore, familiari che consumano banda, disservizi momentanei del provider ecc


perche' esistono utenti (ovvero usufruitori) proprietari di qualche software?
reggiolas24 Gennaio 2018, 22:15 #6
Non lo vedo molto utile sto cloudengine, sa quasi come "server hub multiplayer", invece si pone il fine di fare le veci di piattaforme come la nvidia grid e via discorrendo.
Proprio non me li voglio far spendere quei 3000€ di postazione gamining
Al contrario spendo 3000€ di postazione gaming per avere 400ms di input lag
Qui server un esempio pratico per capire le potenzialità

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^