Diablo III: perché Blizzard dovrebbe riconsiderare il DRM

Diablo III: perché Blizzard dovrebbe riconsiderare il DRM

Il DRM di Diablo III che richiede la connessione a internet permanente, a giudicare dal beta test in corso, sembra avere ancora bisogno di affinamenti.

di pubblicata il , alle 10:04 nel canale Videogames
BlizzardDiablo
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

77 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Arnoldforever23 Settembre 2011, 10:58 #11
Originariamente inviato da: Armin
Riporto che l'articolo originale parla, seppur brevemente, anche dei vantaggi:

"Blizzard’s logic at least has some elements that offer benefits to the player. Battle.net, online ranking, drop-in-drop-out co-op, the auction house, and constant live monitoring of your progress, and monitoring to prevent cheating"


Ma la moda del momento pare sia quella di andare contro il progresso che Diablo 3 porterà a tutti. Pazienza. Io mi divertirò.


Puoi dirlo forte
gildo8823 Settembre 2011, 11:05 #12
Originariamente inviato da: Armin
Una breve critica alle illazioni di questo tizio:


[B]L'autore, che sta giocando la beta di Diablo III, sostiene che si verificano interruzioni al gameplay a causa di malfunzionamenti ai server e che, nonostante si tratti ancora di una beta, questo tipo di problemi [U]potrebbe ripresentarsi[/U] anche con la versione definitiva del gioco.[/B]

Potrebbe ripresentarsi...Oppure anche no. Giochiamo a sparare a caso? Sconcertante.
Non ho ancora visto un MMO con problemi di Lag. Il più delle volte il problema riguarda la connessione propria non il servizio dei server. Personalmente in 4 anni di wow, mai un lag.



"Non puoi mettere il gioco in pausa. In molte cose, infatti, Diablo III funziona come un MMO. Ad esempio, quando chiudi il gioco devi aspettare un po' che il server sincronizzi i dati, proprio come succede nei MMO. Mentre giocavo, poi, mi è squillato il telefono, ho lasciato il personaggio in un'area che consideravo sicura e ho risposto alla telefonata. Quando sono tornato al PC, il gioco ha considerato troppo lunga la pausa al gameplay che avevo fatto e mi ha disconnesso".
"Sono stato disconnesso perché mi sono assentato per un'ora e tutti i progressi che avevo fatto dall'ultimo checkpoint sono svaniti. Perdere la connessione, che dipenda dalla propria connessione o da un down del server, implica attualmente il reset di una parte consistente del gameplay fatto. Non posso dire se questo sarà solamente un problema della beta o se si ripresenterà nella versione definitiva di Diablo III, ma è un chiaro esempio di come sia controproducente richiedere la connessione a internet per un gioco offline"."



Innanzitutto è ora di smetterla di definire Diablo 3 un gioco offline. Su che base questo tizio spara queste definizioni?
Diablo 3 è un gioco online, e va trattato come tale, che senso ha lamentarsi di essere disconnessi?

Ma questo tale da dove esce fuori? Non puoi mettere il gioco in pausa??? ma che critica è? Ma per favore che torni a giocare a wolfenstein 3d.

Seriamente, sono allibito, sembra di leggere i commenti di un qualunque ragazzino incompetente.


Bisogna distinguere, la componente online da quella offline, d'altronde Diablo 3 ha, ed avevano i suoi predecessori, sia la la componente online che quella offline. Il tizio parlava del singolo, da quanto ne ho capito io, e credo che limitazioni di questo genere per il singolo siano improponibili e assurde.
Diablo 3 è sia offline che online, se dobbiamo dirla proprio tutta, c'è chi gioca il singolo e chi gioca in multi, e chi magari gioca ad entrambi.
La tua critica all'opinione del tizio, è assolutamente priva di senso.
russel5123 Settembre 2011, 11:18 #13
online e offline devono a mio parere essere indissolubilmente legati in d3, un gioco dove l'interazione con gli altri giocatori fisici sarà la parte preponderante.
gioco a diablo dal primo capitolo, gioco su b.net da quando è disponibile e un maggior controllo sulla legittimità del personaggio e una maggiore rigidità sul codice e la gestione delle informazioni del gioco per impedire hack e dupe non può essere che ben accetta.
paragonare diablo3 con ac2 secondo me è fuori luogo, ac2 è un gioco totalmente in singolo dove il drm è ingiustificato, in d3 praticamente il singolo non esisterà ben venga un drm che protegge gli utenti dai disonesti.
detto questo hanno aggiunto la casa d'aste a soldi quindi invece di dupare si potrà comprare, ma questo è un altro discorso...
Arnoldforever23 Settembre 2011, 11:33 #14
Originariamente inviato da: Veradun
Il problema non è tutelare l'investimento, cosa giustissima, ma farlo ai danni di chi i giochi li paga.

Fortunatamente chi paga di solito lo fa anche con una certa cognizione in più di chi "mah... scarichiamo anche questo".

Loro proteggono il loro investimento ai danni di chi il gioco l'avrebbe comprato a scatola chiusa.
Chi avrebbe comprato il gioco a scatola chiusa protegge il proprio investimento comprando un altro gioco.

UBI fu una delle pioniere di StarForce, un sistema di protezione particolarmente invasivo. Quando si rese conto che con questa soluzione si era limitata le vendite tolse StarForce da tutte le nuove produzioni, prima delle quali ad uscire fu Heroes V (che comprai dopo anni a non comprare più nulla da loro). Poi ci sono ricaduti e io (che non ero informato quanto avrei dovuto e voluto) ci son caduto con AC2 (e non ho più comprato niente di UBI da quel momento, compreso AC2.5 e altri giochi che mi interessavano). Prima o poi capiranno che la strategia di punire l'innocente è sbagliata e torneranno sui loro passi, nel frattempo la migliore difesa è non comprare, come non solo io dico:


Io sinceramente non credo che sia tanto una questione di punire l'innocente. Blizzard in questo caso offre un servizio come Battlenet che è totalmente differente da quello di Ubisoft. E porta degli enormi vantaggi sopratutto. Chi lo ha sperimentato con Starcraft 2 se ne può benissimo rendere conto che è stato fatto un gran lavoro. Poi non credo che sia un grosso problema essere sempre collegati ad internet per giocare, in fin dei conti oggi giorno chi non dispone di una connessione?
!fazz23 Settembre 2011, 11:36 #15
Originariamente inviato da: Pozzame
E che problema c'è??
Basta aspettare che esca il crack di rito e il problema è risolto.
Sia per chi l'ha comprato che per chi l'ha scaricato.


Se spendessero le loro risorse per ottimizzare il codice invece che sprecarle in queste idiozie sarebbe meglio per tutti, sopratutto per loro...


7gg
Arcanon723 Settembre 2011, 11:45 #16
E perchè mai Sp e MP dovrebbero essere legati a tutti i costi? Io e molti altri non hanno il minimo interesse ad avere "intrusi" nella propria avventura personale, avrebbero dovuto aggiungere l'opzione di creare un pg offline, pausabile, moddabile etc... ma al momento non è ovviamente possibile a causa del "Cloud Gaming" (client-server come un MMO, che impedirà la creazione di crack, a meno che qualche eroe non rubi i dati dai server Blizzard e consenta agli utenti legittimi di crearsi il proprio server locale...). Pago 60€ e non ho nemmeno la proprietà dei game file??? Non ho controllo su un prodotto che ho aquistato, CHE APPARTIENE A ME??? Se devono proteggersi dalla pirateria, ok, ma che non vengano a dirmi che è unicamente nell'interesse del giocatore, che alla pirateria non ci avevano nemmeno pensato.....è bello vedere come la Blizzard tratta i propri clienti con condiscendenza
gondsman23 Settembre 2011, 11:46 #17
Starcraft 2 e' ben diverso (premetto che non lo posseggo, correggetemi se dico stupidaggini), li' il gioco gira in locale e battle.net e' richiesto per i servizi online e per l'autenticazione del gioco. La campagna offline e' effettivamente giocata offline, e il controllo sul server e' solo per la sicurezza.
In Diablo non esiste nessuna modalita' offline. Puoi giocare la campagna da solo creando una partita privata su battle.net ma il gioco continuera' a girare su server, motivo per cui non si puo' mettere in pausa ad esempio. Questo e' stato fatto si' per limitare la pirateria, ma anche per sbattere in faccia anche all'utente single player la casa d'aste con soldi veri, che sara' la vera fonte di guadagno di blizzard e che secondo me e' sbagliata per vari motivi di cui ho parlato in altri thread. E questo onestamente non lo accetto, motivo per cui non lo comprero'.
montanaro7923 Settembre 2011, 11:46 #18
Scusate dove avete letto che diablo 3 è un gioco offline ??
La scelta del metterlo online totalmente e stata fatta per eliminare i cheaters ..
Forse nessuno di voi ha mai veramente giocato a diablo 2 e non si è mai accorto di innumerevoli programmi per crearsi i piu svariati oggetti e quindi creare uno squilibrio successivo nella parte online..

E' vero la blizzard poteva permettere di creare 2Pg distinti uno per l'online e uno per l'offline ..
Ma diciamoci la verità, quante persone al mondo avrebbero scelto la creazione offline?

Poi per favore non mi paragonate AC2 con DIABLO3 sono 2 cose completamente diverse!!



Arnoldforever23 Settembre 2011, 11:49 #19
Originariamente inviato da: Arcanon7
E perchè mai Sp e MP dovrebbero essere legati a tutti i costi? Io e molti altri non hanno il minimo interesse ad avere "intrusi" nella propria avventura personale


Per questo non ci saranno problemi visto che altri personaggi possono unirsi alla tua partita solo se sarai tu ad invitarli
BlueGhost23 Settembre 2011, 11:55 #20
LOL che cagata, non credevo che anche il Single richiedesse una connessione permanente... che poi posso capire la questione del collegamento al server per la sicurezza come in SC2 , ma mettere addirittura parte del codice del gioco su server esterni impedendo, per esempio, a chi non ha internet o a chi ha problemi di connessione o connessioni cagose (e ce ne sono a sacchetti, posso garantire) di giocare in maniera decente, è una grandissima boiata. E intanto si è comprato il gioco e Blizzard ha guadagnato i suoi soldi e del resto se ne sbatte le Malle. Se rimane così, non lo comprerò MAI.


Diablo III non dev'essere un gioco SOLO online.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^