Madden NFL 17: in attesa di Fifa, ecco il football americano

Madden NFL 17: in attesa di Fifa, ecco il football americano

Per quanto in Italia la serie Madden non goda di grande attenzione, essa è uno dei principali fiori all’occhiello della line-up di EA. Negli States, infatti, il football sposta gli equilibri come la Serie A di calcio fa dalle nostre parti: con la sua stagione breve e intensa - che fa di ogni partita una finale - lo sport della palla ovale tiene incollati ai teleschermi milioni di Americani.

di Stefano Carnevali pubblicato il nel canale Videogames
Electronic Arts
 

Quando il monopolio non indebolisce

Electronic Arts è perfettamente consapevole del peso specifico della licenza NFL: non è un caso che abbia fatto carte false - e che abbia sborsato fior di quattrini - per agire in condizioni di monopolio.

Electronic Arts è perfettamente consapevole del peso specifico della licenza NFL
Essere gli unici sviluppatori di un titolo dedicato al football e dotato della licenza ufficiale NFL avrebbe potuto far sedere il team di programmatori.

Fortunatamente per tutti gli appassionati, però, EA Tiburon (con un atteggiamento non comune a tanti altri team che si occupano di videogames sportivi) si è sempre data da fare per rendere ogni capitolo della saga qualcosa di più rispetto a un mero update di statistiche e roster.

Soprattutto nelle ultime 4-5 stagioni, infatti, il gameplay di Madden ha avuto miglioramenti sostanziali in ogni uscita, riuscendo pian pianino a raggiungere un ottimo mix di realismo, equilibrio e divertimento.

Se il capitolo più rivoluzionario della saga è stato certamente Madden 15 (grazie allo stravolgimento del sistema difensivo, infatti, anche la fase di non possesso palla era diventata estremamente godibile), dobbiamo ammettere che, quest’anno abbiamo tra le mani l’edizione più completa e ben bilanciata del titolo EA.

Se negli scorsi anni si correva con troppa facilità il rischio di vedere posta eccessiva enfasi nelle modifiche più nuove, quest’anno - pur essendoci implementazioni tutt’altro che secondarie - sarà facile capire che nessuna fase di gioco potrà essere considerata ‘privilegiata’ o ‘dominante’.

 
^