The Sims diventa medievale: ecco cosa cambia

The Sims diventa medievale: ecco cosa cambia

Primo hands-on con una build pressoché definitiva di The Sims Medieval, il nuovo capitolo della serie che promette di cambiare tutto per il franchise più amato dalle ragazze. Nuovo scenario, nuove meccaniche di gioco, eroi e missioni. Vediamo nel dettaglio. Include l'intervista a Rachel Bernstein, produttore esecutivo di The Sims Medieval.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Regno e missioni

Parlavamo di edifici. Si inizia il gioco nei panni del monarca, al quale tutto è concesso e che quindi ha grande facilità nel portare a compimento le missioni, perlomeno quelle iniziali che sono decisamente più accessibili. Come monarca possiamo accedere tranquillamente al palazzo reale, alla sala del trono e ai vari piani superiori e inferiori, dove ci sono la biblioteca, la sala da letto, la cucina, e così via. Nella sala del trono c'è anche un tavolo con un pennino in cui è possibile scrivere le leggi, bandi per la popolazione e trattati di varia natura. Svolgere queste mansioni, come in un normale The Sims, consente di accrescere le abilità personali e influisce sui tratti della personalità.

Nella mappa del Regno c'è, come detto, il porto. Qui si può interagire con diversi oggetti, tra cui le navi. Ad esempio, si può salire a bordo di una nave per compiere un'avventura. Molte avventure, come capitava nei vecchi The Sims quando si andava al lavoro, vengono svolte "fuori schermo": si sale a bordo della nave, la quale scompare all'orizzonte e dopo qualche minuto il giocatore riceve notifica su come è andata la spedizione.

Anche nella taverna ci sono diversi oggetti sensibili. Come bardo, ad esempio, si può salire sul palco e iniziare a suonare, e anche questa mansione consente di migliorare la relativa skill. Fuori dalle mura del Regno, inoltre, c'è un villaggio con negozio rifornito di ogni bene, e qui si possono comprare e vendere oggetti. Nel secondo caso si accede all'inventario e si può stabilire la quantità di beni da vendere. Una delle zone più divertenti, e torniamo al discorso humour che accennavamo prima, è la zona del giudizio.

Qui, infatti, si mandano a morte i cittadini che si sono comportati in modo scorretto e che quindi sono stati giudicati dal monarca. Come monarca, infatti, avremo la libertà di condannare qualsiasi cittadino del Regno per condotta riprovevole. Tra le tante cose che si possono fare nella zona del giudizio c'è la possibilità di raccogliere la carne umana del decapitato e lanciarla nel fosso: un mostro che riporta alla memoria la vecchia saga di Star Wars cattura la carne e inizia ad azzannarla. Si può anche decidere, con un cavaliere, di attaccare il mostro del fosso, ed ecco che simpatiche animazioni di mostro e cavaliere descrivono un improbabile duello.

Abbiamo parlato di personalizzazione, ma adesso è il momento di capire come funziona e come si evolve rispetto ai tradizionali The Sims. I giocatori di The Sims vogliono personalizzare nei minimi dettagli i personaggi e gli ambienti di gioco, e il team che si occupa dello sviluppo di The Sims si è concentrato massicciamente su questa componente per far felici i suoi fan.

Nella classica schermata di personalizzazione dei personaggi c'è molta più libertà che in passato e il tool consente di intervenire con maggiore precisione. Si possono abbigliare i sims con abiti medievali, e si va dagli abiti più umili a quelli che ostentano il lusso del monarca. Ogni parte del vestito può essere modificata indipendentemente influendo sui colori e sulle sfumature: ad esempio, si può avere la parte alta del vestito di un colore e la parte bassa di un altro colore, con relativa sfumatura nel punto in cui i due colori si incrociano.

C'è una maggiore precisione nella personalizzazione delle forme, in modo da avere sim magri o grassi, alti o bassi, scegliendo praticamente al centimetro le forme. Poi ovviamente si possono configurare i tratti del carattere del sim, con ripercussioni nella simulazione vera e propria. Non manca l'opportunità di arredare gli interni, con tantissimi oggetti a tema medievale che si possono collocare all'interno dei vari edifici. Gli oggetti inoltre cambiano a seconda se si sta arredando la sala del trono piuttosto che la taverna.

Per ogni missione c'è un contesto. All'inizio una breve descrizione infatti ci aggiorna dei fatti e del perché serve il nostro intervento. Per ogni missione, inoltre, c'è una lista di eroi che servono per portarla a compimento. Ad esempio, potrebbero servire due o tre eroi che devono collaborare tra loro. Può venirci richiesto, quindi, di uccidere un drago in una caverna: per farlo servirà un cavaliere armato delle giuste armi. Può servire una spada incantata e delle pozioni magiche. Quindi si va dal mago che preparerà ciò che serve procurandosi gli ingredienti.

Ovviamente il giocatore controlla sia il cavaliere che il mago. Una volta che le armi sono pronte, il cavaliere si reca nella caverna per uccidere il drago. Qui l'azione viene descritta con un semplice testo. Portare a compimento le missioni è relativamente semplice: basta procurarsi ciò che serve e tenere in forma il proprio sim facendolo riposare e nutrendolo all'occorrenza. Le missioni, però, si costituiscono di tanti traguardi intermedi, e non è detto che il giocatore abbia il tempo o la voglia per terminarli tutti. Quindi, ci sono diversi risultati possibili per ciascuna missione.

Le missioni sono divise in fasi. Ciò che si deve fare e il luogo in cui farlo, ovvero qualsiasi parte della mappa del Regno, vengono esplicitati chiaramente dall'interfaccia con i tradizionali baloon. Ci viene detto l'obiettivo della missione e una volta accettata la missione compare un'ulteriore icona che indica dove andrà svolta. Quindi basta schiacciare sulla nuova icona per raggiungere velocemente il posto. Ovviamente, per ridurre le tempistiche si può accelerare il tempo nel tradizionale modo.

 
^