World War 3: quello che Battlefield V sarebbe dovuto essere

World War 3: quello che Battlefield V sarebbe dovuto essere

Sviluppato da una piccola software house polacca, World War 3 punta tutto sul realismo e l'accurata ricostruzione di eserciti e armi

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Videogames
 

Quanto mostrato finora di Battlefield V ha scontentato parte della community degli appassionati di FPS multiplayer che giudica il nuovo lavoro di DICE troppo distante dalla realtà storica. World War 3 sembra porsi proprio nel vuoto lasciato da Battlefield V: sviluppato dalla polacca The Farm 51, infatti, punta prima di ogni cosa sul realismo e l'accuratezza.

World War 3 è un FPS multiplayer ambientato in un moderno conflitto globale. Annovera teamplay, forze militari con i colori delle nazioni reali, luoghi fedelmente riprodotti rispetto alle controparti effettivamente esistenti, piena consapevolezza del corpo dei soldati e un versatile sistema di personalizzazione. A questi elementi si aggiungono un accurato sistema balistico, armature avanzate e armi reali. Prodotto in collaborazione con consulenti militari e centri di ricerca e sviluppo, World War 3 coniuga strategia militare e ritmi da sparatutto multiplayer adrenalinico.

Il gioco sarà disponibile in Early Access su Steam a partire dal prossimo autunno, ma gli screenshot sin qui rilasciati fanno ben sperare anche come dettaglio visivo. È basato su una versione modificata di Unreal Engine 4 e inizialmente è previsto solo per PC Windows e solo con componente multiplayer, anche se la software house non esclude la conversione per i formati console, qualora la controparte PC avesse successo.

Le modalità di gioco principali saranno due: Warzone offrirà combattimenti dinamici e intensi all'interno di battaglie incentrate sulla collaborazione tra le forze di fanteria e l'uso di unità corazzate su punti fortificati. Recon, invece, predilige la tattica, portando i giocatori a cooperare in piccole squadre da ricognizione che devono sopravvivere e catturare obiettivi di alto valore in un territorio ostile. "Insieme, queste modalità creano un'esperienza di gioco coerente volta a restituire la sensazione di combattere una guerra moderna" si legge sul sito ufficiale. E ancora: "World War 3 è sviluppato da giocatori competitivi che sono cresciuti giocando gli FPS. Come studio indipendente, crediamo fermamente nell'input della community. Vogliamo che sia il gioco che avete sempre desiderato giocare".

Il realismo sarà un aspetto particolarmente curato, con rappresentazioni precise di armi, uniformi ed equipaggiamenti delle forze armate nazionali. Tutte le mappe sono inoltre basate su luoghi effettivamente esistenti come le strade di Varsavia, Berlino o Mosca, "ricreati con un'attenzione senza precedenti ai dettagli".

Farmi 51 prevede anche un metagioco sotto forma di mappa di guerra interattiva in continua evoluzione che rappresenta l'intero pianeta. Ogni veicolo distrutto, ogni uccisione e ogni proiettile sparato avrà delle ripercussioni su questa mappa.

Uno degli aspetti di gioco dovrebbe essere rappresentato dall'autentico sistema di gestione degli impatti e della penetrazione dei proiettili rispetto alle armature. "La balistica, un sistema di pesi, la consapevolezza del corpo intero, la fisica del veicolo e un ampio sistema di personalizzazione influenzano il gameplay in modo significativo".

World War 3 sarà giocabile al Gamescom che si svolgerà ad agosto: non vediamo l'ora di verificare se le promesse della software house polacca corrispondono a verità.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Nayr19 Luglio 2018, 10:32 #1
Non ho capito il confronto con Battlefield V per la mancanza di fedeltà storica Da quanto si vede al massimo può essere paragonato ad un BF 3 o 4, niente di più. Mi sa un po' di marchetta
Titanox219 Luglio 2018, 10:58 #2
gia che sarà early access si capisce la serietà del progetto e la fine che farà
giovanbattista19 Luglio 2018, 12:00 #3
Originariamente inviato da: Titanox2
gia che sarà early access si capisce la serietà del progetto e la fine che farà


ciao è un pò che non bazzico videogiochi ma visto il video ieri sera mi sembra non male, non sono riuscito ad interpretare il tuo post, intendi dire che potrebbe essere un buon progetto o date le modalità di accesso (cosa che non ho mai seguito) lasciano presagire nulla di buono?
Nurgiachi19 Luglio 2018, 12:35 #4
Originariamente inviato da: giovanbattista
ciao è un pò che non bazzico videogiochi ma visto il video ieri sera mi sembra non male, non sono riuscito ad interpretare il tuo post, intendi dire che potrebbe essere un buon progetto o date le modalità di accesso (cosa che non ho mai seguito) lasciano presagire nulla di buono?

Toh, abbiamo uno uscito direttamente dal 2013.
L'early access, da strumento per finanziare piccoli capolavori di piccoli studi soffocati dalle lobby cattive del business, si è tramutato in uno specchietto per le allodole.

- Crei un video fatto per metà in cinematic e per l'altra metà di roba inesistente per ingolosire i fruitori.
- Spingi su di una campagna marketing per finire sulle pagine d'ogni sito specializzato.
- Ti accosti ad un brand blasonato e crei HYPE dicendo di aver ciò che il pubblico vuole.

Questo è il canovaccio della recita, trito e ritrito come quello di un cinepanettone.
Alla fine di questo processo, se avrai venduto bene il tuo sogno, ti ritroverai con le tasche piene di soldi dei seguaci che VOGLIONO credere in quel sogno e che lo diffonderanno e difenderanno a spada tratta sulla rete.

Oggi è così che funziona questo brutto e sporco Mondo. Adesso che lo sai preferisci la pillola rossa o la pillola blu?
giovanbattista19 Luglio 2018, 12:46 #5
Originariamente inviato da: Nurgiachi
Toh, abbiamo uno uscito direttamente dal 2013.


+/- gli ultimi giochi che ricordo sono i dead speace 1 e 2 e splinter cell....l'ultimo, avevo provato anche mgs4 ma poi lo ho abbandonato per mancana di tempo, da quel momento il vuoto cosmico, essendo in perenne girovagare per il globo e senza pc alla fine presi un notebook con un discreto hw 6700hq e 970m 6gb di Vram g-sinc e cazzi e mazzi.....rendendomi poi conto che giocare su di un 15" è troppo riduttivo + tastiera da note che come feeling x quanto buona è troppo poco.....ora che sono in base e che posso collegare il note ad uno schermo semiserio manca proprio lo stimolo non trovo + giochi che mi pigliano (ed ho solo 44anni)......per l'early access se pensano di trovare nella mia persona un pollo da spennare cadono molto male è + facile che mi lego al dito la loro politica e per questo manco lo compro e lo gioco a scrocco

quindi x le software house in ascolto sulle nostre frequenze occhio
Nurgiachi19 Luglio 2018, 12:51 #6
Originariamente inviato da: Nayr
Non ho capito il confronto con Battlefield V per la mancanza di fedeltà storica Da quanto si vede al massimo può essere paragonato ad un BF 3 o 4, niente di più. Mi sa un po' di marchetta

Anche nella campagna marketing di Kingdom Come Deliverance il focus era quello. Realismo e fedeltà storica sono concetti che ingolosiscono il fruitore in cerca di esperienze sempre più simili alla realtà.
È per questo che, per svettare, hanno usato come metro di paragone un Battlefield. Non potevano certo accostarsi ad un CoD, come si fa a confezionare un sogno se devi spiegare meccaniche di gioco e bilanciamenti astratti?
Nayr19 Luglio 2018, 14:39 #7
Originariamente inviato da: Nurgiachi
Anche nella campagna marketing di Kingdom Come Deliverance il focus era quello. Realismo e fedeltà storica sono concetti che ingolosiscono il fruitore in cerca di esperienze sempre più simili alla realtà.
È per questo che, per svettare, hanno usato come metro di paragone un Battlefield. Non potevano certo accostarsi ad un CoD, come si fa a confezionare un sogno se devi spiegare meccaniche di gioco e bilanciamenti astratti?


si ok, ma il metro di paragone fallo con un battlefield "moderno", non con uno ambientato nella seconda guerra mondiale, altrimenti lo stesso discorso si può fare con qualsiasi gioco che abbia un po' di realismo anche se non dello stesso genere
Lionking-Cyan21 Luglio 2018, 19:17 #8
Ma per giocare che bisogna fare?
Nella pagina di steam non mi da l'opzione per giocare all'accesso anticipato.
Quindi bisogna aspettare?
ilario327 Luglio 2018, 13:01 #9
Originariamente inviato da: Nurgiachi
Toh, abbiamo uno uscito direttamente dal 2013.
L'early access, da strumento per finanziare piccoli capolavori di piccoli studi soffocati dalle lobby cattive del business, si è tramutato in uno specchietto per le allodole.

- Crei un video fatto per metà in cinematic e per l'altra metà di roba inesistente per ingolosire i fruitori.
- Spingi su di una campagna marketing per finire sulle pagine d'ogni sito specializzato.
- Ti accosti ad un brand blasonato e crei HYPE dicendo di aver ciò che il pubblico vuole.

Questo è il canovaccio della recita, trito e ritrito come quello di un cinepanettone.
Alla fine di questo processo, se avrai venduto bene il tuo sogno, ti ritroverai con le tasche piene di soldi dei seguaci che VOGLIONO credere in quel sogno e che lo diffonderanno e difenderanno a spada tratta sulla rete.

Oggi è così che funziona questo brutto e sporco Mondo. Adesso che lo sai preferisci la pillola rossa o la pillola blu?



Stai parlando di Starcitizen?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^