Iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, attiva le notifiche e rimani aggiornato su tutti i nuovi video

Unity Software licenzia quasi il 4% dei dipendenti e chiude uffici: parola d'ordine 'reset'

Unity Software licenzia quasi il 4% dei dipendenti e chiude uffici: parola d'ordine 'reset'

Unity Software, dopo il caos legato alla "tassa sulle installazioni" e l'addio di Riccitiello, ha annunciato la fine di un accordo con Weta FX di Peter Jackson e il licenziamento di oltre 250 persone. Chiusi anche 14 uffici. Il nuovo CEO Whitehurst parla di "reset" e della necessità di rifocalizzare la società.

di pubblicata il , alle 08:01 nel canale Videogames
Unity
 

Unity Software, nota software house che realizza motori grafici, licenzierà il 3,8% della sua forza lavoro - pari a 256 persone su un totale vicino ai 7000. I dipendenti licenziati sono vittime della risoluzione di un accordo siglato nel 2021 tra Unity e Weta FX, la società del regista Peter Jackson e di cui Unity aveva acquistato la divisione "technology and engineering".

Unity ha annunciato questa decisione definendola una sorta di "reset", dopo un periodo movimentato legato all'annuncio della "tassa sulle installazioni", che ha causato una rivolta tra gli sviluppatori e che è stata ampiamente ritrattata. Nel mese di ottobre, le strade del precedente CEO John Riccitiello e di Unity si sono divise, e ora la società è guidata a interim da James Whitehurst.

Oltre ai licenziamenti, Unity chiuderà uffici in 14 città, da Berlino a Singapore e ridurrà significativamente la dimensione degli uffici restanti, inclusi quelli a San Francisco e Bellevue, Washington. Per la società si tratta di "valutare la propria impronta immobiliare".

Unity non imporrà più che i dipendenti lavorino in ufficio tre giorni alla settimana e ridurrà i "servizi completi in ufficio" a tre giorni alla settimana nella maggior parte dei Paesi. Insomma, chi non ha un ruolo specificatamente legato agli uffici potrà lavorare completamente da remoto.

Whitehurst ha spiegato a Reuters che ulteriori cambiamenti sono in programma con l'obiettivo di "rifocalizzare" il business di Unity. "Anche se nessuna ulteriore decisione è stata finalizzata, è chiaro che ridurremo il numero di cose che stiamo facendo in generale".

Nelle scorse settimane Unity ha anticipato l'arrivo di Unity 6, una nuova iterazione del motore di gioco con funzionalità basate sull'IA generativa.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Gringo [ITF]29 Novembre 2023, 08:34 #1
- una sorta di "reset"
- ulteriori cambiamenti sono in programma
- l'obiettivo di "rifocalizzare" il business di Unity

Ma un Andatevene a quel paese ci starebbe... "Muoiono di Fame" questi...
Sperano che Epic decida di "Fare una Offertina"....e poi andare alle Caiman questi.

MENTALITA DA PARASSITI DELLA SOCIETA
Cari CEO quando volete andare in pensione, dovete farlo e basta non distruggere il lavoro di anni fatto da altri con paroloni che significano solo, abbiamo guadagnato, continuiamo a guadagnare, però prima di andar via ne vorrei due di FERRARI.

F1r3st0rm29 Novembre 2023, 08:35 #2
spiegatemi come fate a scrivere che ridurrà sensibilmente la dimensione degi rimanenti uffici...

sempre 256 persone in meno sono, a meno che non siano 3500 ufffici da 2 persone in cui 200 arriveranno ad essere da 1 persona non vedo come possa essere una frase corretta, e anche in quel caso 3300 uffici rimarrebbero uguali.

Marci29 Novembre 2023, 10:53 #3
Originariamente inviato da: Gringo [ITF]
- una sorta di "reset"
- ulteriori cambiamenti sono in programma
- l'obiettivo di "rifocalizzare" il business di Unity

Ma un Andatevene a quel paese ci starebbe... "Muoiono di Fame" questi...
Sperano che Epic decida di "Fare una Offertina"....e poi andare alle Caiman questi.

MENTALITA DA PARASSITI DELLA SOCIETA
Cari CEO quando volete andare in pensione, dovete farlo e basta non distruggere il lavoro di anni fatto da altri con paroloni che significano solo, abbiamo guadagnato, continuiamo a guadagnare, però prima di andar via ne vorrei due di FERRARI.


Aspetta, il problema più che i ceo è il sistema malato basato sulla metodologia introdotta ormai decenni fa da McKinsey & company, sono anni ormai che hanno e stanno distruggendo aziende per fa guadagnare i fondi e funziona così:

- Azienda che va abbastanza bene ma ha un fatturato stabile chiama McKinsey o similare
- Consulenti McKinsey arrivano imbellettati e si mettono a dettare legge facendo da professorini dicendo che no, bisogna crescere, così non funziona, è tutto gestito male etc....

- azienda inizia così a:
- tagliare costi in risorse umane, tanto un impiegato può lavorare almeno un paio di ore in più al giorno, magari allestiamo una stanza con un ping pong, un biliardino e altre cavolate così da dargli l'idea che può avere del tempo libero al lavoro, rimarrà più di buon grado e coprire il tempo lasciato vuoto da chi è stato mandato a casa
- tagliare costi in benefit vari come impoverire coperture per assicurazioni sanitarie (dove non è possibile eliminarle), togliere coperture scuola figli (almeno fino ai manager di primo livello, abbassano quelle ai manager più alti in grado), ridurre all'osso parco auto aziendali, togliere auto ai manager, abbassare budget hotel e voli per viaggi di lavoro (e vabé direte, peccato che se lavori e voli in Economy diventa un disastro, soprattutto se hai call o altro da fare in volo)
- introdurre il sistema malato delle KPI, report settimanali e mensili sulla redditività del lavoratore che così è indotto ad essere sempre stressato e lavorare come un matto con la costante spada di Damocle del licenziamento per mancati target raggiunti (che peraltro diventano man mano più difficili più va avanti, tipo, hai fatto 100/100 questo mese, bene, il prossimo il traget diventa 110 e così via).
- revisionare tutti i contratti rendendoli molto meno vantaggiosi per i dipendenti e forzando quelli più "costosi" a dare le dimissioni così da non ottenere nessuna liquidazione
- sostituzione degli esuberi le cui mansioni erano necessarie con forza lavoro economica e molto meno qualificata (pay peanuts, get monkeys)
- taglio generale costi aziendali di manutenzione, facilities e quant'altro
- al contrario, spese per eventi di "team building" e sociali vari incrementate sempre per il discorso iniziale, fai credere i pochi rimasti di essere i prescelti
- target annuali su livelli impossibili


tutto questo per rendere, sulla carta, l'azienda super efficiente con profitti molto più alti e redditività ottima.

Bene, adesso che tutto sembra perfetto, i signori consulenti se ne tornano a casa col lauto malloppo (perché i costi di consulenza no, quelli non si tagliano, anzi) e con l'ennesima tacca da segnare sul loro muro dei successi, gli investitori sguazzano nell'oro dei dividendi, il consiglio di amministrazione tesse le lodi del CEO, le azioni sono alle stelle, magari si riesce anche a vendere l'azienda che adesso vale fantastilioni e così via; tutto perfetto direte voi.... beh ecco..

La povera azienda adesso si ritrova con:

- personale sottodimensionato per le reali necessità
- qualità dell'ambiente di lavoro notevolmente peggiorata
- redditività del singolo lavoratore peggiorata (eh si, lavorano di più però son meno efficienti)
- personale nuovo e poco qualificato da istruire daccapo su tutte le policy, il workflow e la mansione specifica
- perdita di tempo prezioso e risorse economiche per l'istruzione dei suddetti new comers
- impoverimento generale del prodotto fornito (sia esso un prodotto fisico od un servizio) a causa delle motivazioni precedenti
- clienti scontenti che, probabilmente, inizieranno a rivolgersi alla concorrenza
- azioni che di conseguenza perdono valore
- esuberi di personale che, visto l'andazzo, è diventato veramente di troppo

Questo innesca tutta una spirale discendente che porta quasi sempre a questi possibili scenari:

- smembramento dell'azienda con cessione dei rami più redditizi
- fallimento dell'azienda
- svendita per pochi soldi da chi l'aveva acquistata in precedenza.
- giochetto coi consulenti che ricomincia in una spirale infinita.

Come risultato finale quindi abbiamo:

- Società di consulenza che continua ad arricchirsi sempre più ed a farsi la nomea di risolutore di tutti i mali aziendali
- membri dei consigli di amministrazione ed investitori felici e sempre più ricchi
- Ceo vari come quelli sopra (a meno di non trovarsi ad essere usati come capri espiatori)
- centinaia, se non migliaia, di lavoratori qualificati che si ritrovano periodicamente senza lavoro e devono cambiare, col rischio di rimanere disoccupati anche a lungo con tutti i risvolti negativi che questo può avere sulla società e sull'economia
- clienti con servizi che peggiorano costantemente.

Quindi, i consulenti alla fine ne escono sempre puliti perché quando le cose iniziano ad andare veramente male son passati almeno un paio di anni e si può incolpare la nuova gestione, a rimetterci invece sono sempre i lavoratori.

Questo è quello che penso, finché non si capirà e non si accetterà che la crescita infinita non esiste saremo purtroppo in balia di questi venditori di fumo e sedicenti pifferai magici purtroppo.
ningen29 Novembre 2023, 13:59 #4
Non vorrei rovinare la vostra indignazione, ma la situazione di Unity è anomala, in quanto ha un numero spropositato di dipendenti rispetto ad altri competitor come epic games. Cercando i dati, ammesso siano corretti, Epic games ha 3700 circa dipendenti, mentre unity ne ha oltre 7000, il che è spropositato rispetto a quanto fattura.
Il management ha preso decisioni scellerate assumendo troppo personale, rispetto a quanto produce e può supportare l'azienda, quindi ora deve per forza muoversi in questa direzione, non che sia una cosa assolutamente piacevole da fare.
Gringo [ITF]30 Novembre 2023, 08:41 #5
Non vorrei rovinare la vostra indignazione, ma la situazione di Unity è anomala, in quanto ha un numero spropositato di dipendenti rispetto ad altri competitor come epic games. Cercando i dati, ammesso siano corretti, Epic games ha 3700 circa dipendenti, mentre unity ne ha oltre 7000, il che è spropositato rispetto a quanto fattura.


Piccolo Link con un ulteriore articolo, tanto per ampliare lo stesso..... e si... in Unity sono allo sfacielo.... :3
https://www.nextplayer.it/unity-lic...cessi-del-2022/

Quindi, riassumendo Epic in Precedenza ha licenziato 900 dipendenti, si sà epic era fallimentare, tanto che si permette di Regalare giochi a tutti grazie alle differenze spropositate tra guadagno e forza lavoro.

Quì giustifichiamo sempre tutto con i calcoli del "Fantastico Imprenditore" diciamo che pure io con queste metodiche potrei portare in attivo qualunque azienda, visto che in alcuni stati del mondo la Schiavitù e Normale Abitudine, vedi l'azienda nel veneto che aveva acquistato dei cinesi.

Quì si parla di Etica e Sostenibilità, stiamo a guardare per esempio i 50c su tutto ormai, in italia produco pompe per frigo le vendo a 100$ e la mia azienda è tranquillamente in pareggio, però poi vedo che tenendo il prezzo a 100$ ma delocalizzando a XiufujosZifu posso sempre essere in attivo ma guadagnare il doppio e mandare a fare in C**O quei menefreghisti che mi lavoravano 10h al giorno 7/7 con metà ferie lavorate in nero.
Cavolo.....

Il problema in tutto questo è solo la "BORSA" dove se sei in pareggio di bilancio sei fuori, sicuramente se EPIC sostituisse il 75% di forza lavoro con una AI sarebbe ancora più competitiva.

E questo il BARATRO dove stiamo andando, non UNA DITTA E PIU EFFICIENTE, guarda come stà la sanità italiana grazie ai GENI dell'ottimizzazione.

Pure io se non dò da mangiare ai figli miglioro il guadagno famigliare.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^