Un brevetto conferma l'esistenza del Momentum in Fifa?

Un brevetto conferma l'esistenza del Momentum in Fifa?

Secondo alcuni questo brevetto equivarrebbe alla tacita ammissione da parte di Electronic Arts di sistemi simili al Momentum nei suoi giochi multiplayer

di pubblicata il , alle 08:41 nel canale Videogames
 

Con la parola "Momentum" i giocatori di Fifa fanno riferimento a un presunto meccanismo di gioco che modificherebbe in tempo reale le performance degli atleti digitali in modo da produrre un esito dei match differente rispetto a quello naturale. Sistemi di questo tipo verrebbero utilizzati per consentire anche ai giocatori meno bravi di vincere le partite, in modo da non scoraggiarli oltremodo al primo approccio con l'ecosistema multiplayer popolato da altri giocatori molto più assidui.

Secondo alcuni questo brevetto rappresenterebbe la tacita ammissione dell'esistenza del "Momentum" nei giochi sportivi come Fifa da parte di Electronic Arts, anche se gli esponenti del noto produttore americano hanno fin qui smentito nella maniera più categorica l'esistenza di tale meccanica.

Fifa 18

Il brevetto fa appunto riferimento ad "adeguamenti dinamici della difficoltà di gioco" al fine di favorire la fidelizzazione dei giocatori, il tutto in maniera silente rispetto alle impostazioni visibili a disposizione dei giocatori.

"Il modello della predizione sulla retention a un gioco può essere sommato ai dati sulle attività del giocatore per determinare un'indicazione su quanto tempo quel giocatore dedicherà al gioco", si legge nel brevetto. "Questo valore, infine, può essere usato per aggiustare automaticamente la difficoltà di gioco".

"Altri elementi di gioco che possono essere modificati, individuabili dal giocatore o meno, sono la velocità dei personaggi di gioco, la precisione nei lanci, la distanza o l'altezza a cui può saltare il personaggio, e ciò si ottiene con la regolazione dei comandi. Queste modifiche possono aumentare o ridurre le capacità dei personaggi di gioco: ad esempio piò diventare più veloce ma meno preciso nel tiro", si legge ancora in un estratto del brevetto in cui sembra si stia parlando proprio di un gioco di calcio.

Molti giocatori di Fifa 18 ritengono che procedure come quella appena descritta stiano diventando sempre più preponderanti, e i match dell'ultimo titolo di calcio di EA Sports ancora più guidati rispetto a quelli dei titoli della nota serie usciti negli anni passati.

La modifica del livello di difficoltà a sessione di gioco in corso sembra sposarsi molto bene con il concetto di "Momentum" così come lo intende la community. Allo stesso tempo, però, bisogna aggiungere che il brevetto in questione sembra riferirsi più ai titoli single player che a quelli multiplayer e che comunque non esiste alcuna prova scientifica dell'esistenza del Momentum.

Non è l'unico brevetto sotto la lente d'ingrandimento degli utenti di Reddit e degli altri forum di discussione dedicati ai videogiochi. Un altro fa riferimento al matchmaking, con il sospetto che i giochi moderni stabiliscano gli avversari da affrontare sulla base del livello di fidelizzazione dei giocatori. Chi gioca titoli come Clash Royale sa di cosa si sta parlando: c'è, insomma, la sensazione che il gioco associ ad avversari più deboli se ritiene che nel recente periodo si sia giocato troppo poco e quindi vuole incentivare a riprendere a giocare, ad avversari con prerogative migliori se invece vuole interrompere una striscia per lui troppo prolungata di vittorie.

"Algoritmi di machine learning determinano l'impatto che la pianificazione di un match può avere sulla retention del giocatore", si legge in questo secondo brevetto EA. "L'algoritmo cerca di determinare se gruppi di due o più giocatori hanno più probabilità di smettere di giocare. I sistemi qui presentati possono utilizzare una funzione parametrica o un modello di predizione per prevedere o stimare un tasso di abbandono o di retention in dipendenza dalle modalità di matchmaking".

Se siete interessati al tema non perdetevi il contenuto in cui abbiamo parlato del matchmaking brevettato da Activison per favorire gli acquisti in-game, oltretutto depositato all'indomani dell'acquisizione di King, una software house che con Candy Crush Saga ha aperto le porte alla progressione guidata all'interno del gioco volta a invogliare i giocatori a fare acquisti in-app.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Veradun12 Gennaio 2018, 08:59 #1
In pratica è la teoria del complotto continuo applicata anche al calcio nei videogiochi oltre a quello vero. L'ennesimo alibi inventato da chi perde per far finta che non sia colpa sua
Titanox212 Gennaio 2018, 09:19 #2
non è che ci voleva il brevetto per capirlo.
E basta averci giocato un po per accorgersene altro che alibi per chi perde
Shertes12 Gennaio 2018, 09:46 #3
Io l'ho sempre detto, non solo su FIFA, che è evidentissimo, pure su altri giochi EA, tipo BF1. Fai una partita da fenomeno e la partita dopo incontri avversari mostruosi, ma questo è normale, dato che il matchmaking di tutti i giochi online si basano sul livello/abilità di chi gioca. Il vero scandalo è il momentum che è dinamico, nel senso che da un secondo all'altro la tua squadra (soprattutto i giocatori che controlla la IA) da mostri di bravura diventano dei nabbi colossali. Mi è successo più volte che un 4-0 si sia trasformato in meno di due minuti di gioco in un 4-3 o 4-5 solo verso fine partita. L'unica maniera per evitare ciò è giocare a titoli online dove non ci sia possibilità alla IA di interferire nella partita
lucusta12 Gennaio 2018, 09:54 #4
primo, un brevetto non implica che sia usato, ma che la tecnologia è riservata (anche per difendere il proprio lavoro dalla concorrenza, mettendo dei paletti o un freno).
secondo, questa tecnologia potrebbe intervenire non solo sulla IA, ma anche sulla dinomica di gioco tra giocatori reali; comandi un avatar, ma lui esegue i tuoi comandi seguendo delle regole; cambiate le regole da seguire diventerà piu' facile o difficile comandarlo.
terzo, erano cose che credo che abbiano applicato anche a pacman.
jepessen12 Gennaio 2018, 10:34 #5
Originariamente inviato da: Shertes
L'unica maniera per evitare ciò è giocare a titoli online dove non ci sia possibilità alla IA di interferire nella partita


Ma possono interferire sulle statistiche del giocatore.. Ora, non so come funziona in FIFA perche' non gioco a titoli calcistici, ma se un calciatore ha, che so, un punteggio di tiro pari a 9, durante la partita online questo valore potrebbe scendere, che so, a 7. L'abilita' del player non cambia, ma e' come se durante la partita passasse da giocare con la Juve a giocare col Palermo...
Bivvoz12 Gennaio 2018, 12:33 #6
Che le statistiche dei giocatori abbiano delle modifiche casuali ci sta anche, un calciatore non è mica sempre al 100% della forma e può avere una giornata no anche per motivi psicologici (magari una distrazione che lo rende meno concentrato).
La cosa che fa storcere il naso è se veramente non sono casuali ma atte a fidelizzare il giocatore.
mashiro.tamigi12 Gennaio 2018, 14:38 #7
Negli ultimi FIFA che ho giocato era evidente che il gioco aumentasse la probabilità di segnare una rete nei minuti di recupero rispetto ai minuti precedenti (soprattutto nelle azioni immediatamente successive ad un gol altro gol).
La cosa mi ha sempre dato immensamente fastidio, sia nei giochi di guida (con gli avversari gestiti dalla IA che si adeguano al tuo ritmo) che con i giochi di sportivi a squadre (dove il gioco favorisce il rientro della squadra in inferiorità invece di lasciare che si apra il divario "in modo onesto".
andreamit12 Gennaio 2018, 16:49 #8
Originariamente inviato da: Bivvoz
Che le statistiche dei giocatori abbiano delle modifiche casuali ci sta anche, un calciatore non è mica sempre al 100% della forma e può avere una giornata no anche per motivi psicologici (magari una distrazione che lo rende meno concentrato).
La cosa che fa storcere il naso è se veramente non sono casuali ma atte a fidelizzare il giocatore.


sì ma qualsiasi gioco di ruolo insegna che i "debuff" vanno riportati in rosso . Se è una modifica che avviene a partita in corso e soprattutto senza che essa venga segnalata da nessuna parte (ovvero i valori dei giocatori sono sempre gli stessi nei menu), allora è un cheat del gioco bello e buono.

Cmq è da quando giocavo a fifa 15 che è risaputa sta cosa, o meglio io sapevo di gente che giocava due primi tempi perchè l'IA nel secondo tempo soprattutto nei minuti finali diventava imbattibile a livelli di difficoltà più bassi e i tuoi giocatori dei brocchi clamorosi. Ripeto, tutta roba già risaputa da anni.
PretorianoHD14 Gennaio 2018, 14:50 #9

sempre peggio

Capirai che novità. Io quest'anno dopo svariate partite sono tornato a giocare al 17 (che gia faceva ridere anche esso), lo reputo un titolo a dir poco imbarazzante. I problemi di fifa hanno inizio anche dall'inserimento della difesa tattica. La bravura o meno di un utente non c'entra niente, non a caso si perdono partite in maniera imbarazzante contro utenti con uno storico di partite perse infinito, rimpalli tutti a loro favore, fenomeni come CR7 che iniziano ad andare piu' lenti di giocatori come mascherano, pali e traverse a non finire a porta vuota. Mai come quest'anno mi sento di aver buttato nel cesso 50 euro. Gioco alla serie fifa dal 1996 per essere chiari.
Marckus8714 Gennaio 2018, 16:40 #10
non è una novità, su fifa è straevidente, se domini il primo tempo stai sicuro che nel secondo i giocatori diventeranno praticamente handicappati

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^