Thimbleweed Park: l'avventura in stile Monkey Island arriva su Nintendo Switch

Thimbleweed Park: l'avventura in stile Monkey Island arriva su Nintendo Switch

L'ultima avventura grafica di Rob Gilbert, colui che ha creato Monkey Island e Maniac Mansion, arriverą su Nintendo Switch il 21 settembre

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 16:01 nel canale Videogames
NintendoSwitch
 

Terrible Toybox ha confermato che la versione Nintendo Switch di Thimbleweed Park arriverą il prossimo 21 settembre al prezzo di 20 Euro circa. Dopo un mese dal rilascio del gioco su PS4, la nuova release rappresenta un'opportunitą unica per affrontare questa straordinaria avventura grafica in mobilitą, al di lą degli smartphone ovviamente.

Non solo, sarą possibile risolvere i complicati enigmi anche con l'ausilio dei Joy-Con, i controller peculiari di Nintendo Switch.

Thimbleweed Park

Non perdetevi la recensione di Thimbleweed Park
Thimbleweed Park espande la struttura di gioco di Maniac Mansion, dove il giocatore gestisce un insieme di personaggi sopra le righe nel tentativo di risolvere contorti enigmi all'interno dell'impostazione punta e clicca. Come nelle avventure Lucas classiche degli anni '90 una lista di verbi rappresenta l'unica modalitą di interazione con i fondali e gli oggetti.

Thimbleweed Park č realizzato da Ron Gilbert, l'indimenticabile autore di Monkey Island e di Maniac Mansion.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta pił interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
giuliop13 Settembre 2017, 19:46 #1
Finita di giocare proprio l'altro giorno, su PS4. Purtroppo abbastanza deludente soprattutto per problemi di design, cosa che francamente non mi aspettavo da un veterano come Ron Gilbert: giusto per esempio le liste "to do" (pure fuorvianti), la "gimmick" dei personaggi multipli, che complica inutilmente il tutto, l'incessante dover tornare sui propri passi per andare avanti, e magari diverse volte proprio per colpa dei diversi personaggi; e poi l'insopportabile quanto inutile Doug, l'abbondanza di "red herring", la fine un po' scontata e insoddisfacente.
Insomma niente di eclatante, da una parte finalmente un'avventura che non si gioca da sola, come ormai è costume, ma che sfortunatamente si porta dietro un bel po' di problemi dal passato, e ne introduce di nuovi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^