Rimosso gioco da Steam perché accusato di promuovere la pedofilia

Rimosso gioco da Steam perché accusato di promuovere la pedofilia

Secondo gli autori di The Key to Home è un grosso errore da parte di Valve perché l'intento con questo titolo è piuttosto il contrario, ovvero denunciare la pedofilia

di pubblicata il , alle 18:21 nel canale Videogames
Steam
 

Valve ha deciso di rimuovere il gioco The Key to Home dalla libreria di Steam perché promuoverebbe la pedofilia. Sviluppato da Henteko Doujin, The Key to Home propone i contenuti sotto forma di graphic novel con il classico stile visivo giapponese. Per Valve non andrebbe bene per l'insistita presenza di bambini poco vestiti e in pose ammiccanti.

Henteko Doujin si descrive così nella propria pagina su Steam: "Siamo un gruppo giapponese di creatori di giochi in stile "Doujin" la cui principale priorità è presentare qualcosa di nuovo e sorprendente su Steam".

Il gioco ha fatto parte per un periodo di tempo del catalogo di Steam grazie alle meno stringenti politiche di approvazione dei giochi introdotte dal sistema Steam Direct rispetto al precedente Greenlight. Adesso, qualunque progetto può approdare su Steam in cambio di un pagamento comunque non molto oneroso.

Dopo la rimozione, gli sviluppatori di The Key to Home hanno pubblicato un lungo post su Steam con il quale affermano che Valve ha preso un grosso abbaglio con questa decisione e che il loro titolo non include alcun contenuto pedopornografico. Anzi, l'intento del gioco sarebbe la sensibilizzazione contro la pedofilia. The Key to Home, inoltre, è regolarmente in vendita in Giappone in formato fisico dopo aver superato le indagini dell'organo di certificazione locale, che lo ha giudicato idoneo a qualsiasi fascia d'età.

Quel che è certo è che la community di Steam è sempre più sul piede di guerra riguardo al nuovo Steam Direct, accusato di lasciar trapelare contenuti poco ortodossi e spesso addirittura promotore di titoli con asset rubati da altre produzioni.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
mikegemini7712 Dicembre 2017, 20:15 #1
sti jappi son depravati
r134812 Dicembre 2017, 22:20 #2
Va beh, non dico che sia giusta la censura, non voglio stare nemmeno a discutere se ci sia valore artistico o meno... ma sti lolicon a me mettono una tristezza!
nevenbridge13 Dicembre 2017, 08:38 #3

Piddinopornografia

Americani, formalmente puritani, bannano un videogioco poi un bambino di 8 anni può andare su youporn a vedersi uomini e bestie che si inculcano amore a vicenda tramite l'orifizio posteriore.
Gli americani sono per la fake moral, penosi, in realtà sono il popolo più perverso e lascivo dell'intero globo.
Nautilu$13 Dicembre 2017, 08:51 #4
...e hai dimenticato che il regalo più atteso da trovare sotto l'albero è un'arma da fuoco!.... anche per le figlie pre adolescenti!
h4xor 170113 Dicembre 2017, 10:37 #5
Non sono assolutamente daccordo ed ho gia manifestato il mio dissenso nei confronti di Valve, la finzione è finzione e la realtà ben altra cosa, molti "occidentali" dovrebbero smetterla di essere idioti ed oltretutto fare i finti moralisti. Questa è ipocrisia allo stato puro, se un qualsiasi gioco o storia di fantasia ti rendono un pervertito/molestatore, secondo lo stesso ragionamento allora giochi come GTA, Call of Duty, Counter Strike e simili dovrebbero renderti un pazzo criminale o un terrorista. Ma guarda un po' tutti quelli che vedo emettono sentenze, pensando di poter giudicare, senza conoscere un bel niente di come sia più evoluta la società e mentalità giapponese, sono i primi ad essere hardcore fan di giochi ""violenti"", e pessime persone nella vita reale.
"hypocrisy"
Nurgiachi13 Dicembre 2017, 10:52 #6
Originariamente inviato da: nevenbridge
Americani, formalmente puritani, bannano un videogioco poi un bambino di 8 anni può andare su youporn a vedersi uomini e bestie che si inculcano amore a vicenda tramite l'orifizio posteriore.
Gli americani sono per la fake moral, penosi, in realtà sono il popolo più perverso e lascivo dell'intero globo.

Ma che razza di youporn frequenti tu?
Risparmiaci il manifesto da ciabattino contro gli americani, Valve è una azienda da miliardi che supera i confini americani. La storia delle multinazionali cattive è roba da anni '70, oggi siamo oltre, siamo di fronte a entità sovranazionali.
Originariamente inviato da: h4xor 1701
Non sono assolutamente daccordo ed ho gia manifestato il mio dissenso nei confronti di Valve, la finzione è finzione e la realtà ben altra cosa, molti "occidentali" dovrebbero smetterla di essere idioti ed oltretutto fare i finti moralisti. Questa è ipocrisia allo stato puro, se un qualsiasi gioco o storia di fantasia ti rendono un pervertito/molestatore, secondo lo stesso ragionamento allora giochi come GTA, Call of Duty, Counter Strike e simili dovrebbero renderti un pazzo criminale o un terrorista. Ma guarda un po' tutti quelli che vedo emettono sentenze, pensando di poter giudicare, senza conoscere un bel niente di come sia più evoluta la società e mentalità giapponese, sono i primi ad essere hardcore fan di giochi ""violenti"", e pessime persone nella vita reale.
"hypocrisy"

Notizia di ieri. Negli scorsi giorni era stata avviata una petizione online, che ha raccolto 12mila firme, per chiedere al Metropolitan Museum of Art di New York di rimuovere il dipinto "Therese Dreaming" di Balthus ove è ritratta una ragazza in posa discinta. Storia simile ma con un quadro quindi.
Una delle due ragazze promotrici della petizione è italiana. Il museo ha fatto sapere che non avrebbe tolto il dipinto.
amd-novello13 Dicembre 2017, 11:38 #7
le nazifem sono le peggiori. ancora un po' e copriranno le poppe e i pirilli delle statue.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^