PEGI, arriva bollino per microtransazioni

PEGI, arriva bollino per microtransazioni

PEGI è il metodo europeo usato per classificare i videogiochi attraverso cinque categorie di età e otto descrizioni di contenuto

di pubblicata il , alle 14:01 nel canale Videogames
 

Un simbolo decisamente esplicito verrà posizionato sulle scatole dei videogiochi o in concomitanza del materiale promozionale per indicare la presenza di microtransazioni al loro interno. Si tratta di una mano con una carta di credito.

Il simbolo punta ad avvisare i genitori dei ragazzi minorenni circa la presenza di acquisti in-game, e segue iniziative simili intraprese per altri store di videogiochi come Google Play e App Store.

Zune

"Rendere i genitori consapevoli dell'esistenza di acquisti opzionali in-game in anticipo è un primo passo importante", ha dichiarato Simon Little, Managing Director di PEGI S.A. "Ora PEGI renderà queste informazioni disponibili al punto di acquisto, in modo che un genitore possa decidere se e in che modo monitorare e / o limitare la spesa di un minore. Gli strumenti di controllo parentale sono un'accortezza molto utile per assicurarsi che l'esperienza online complessiva del minore sia sicura. Puntiamo a costruire il contesto necessario per determinare ambienti di gioco in cui sia i bambini che i genitori siano a loro agio".

Un sondaggio tra i consumatori di Ipsos ha recentemente dimostrato che 2 genitori su 5 sono a conoscenza del fatto che i loro figli spendono denaro in acquisti in-game. La stragrande maggioranza di questi genitori (8 su 10) ha stipulato un accordo con il figlio per monitorare la spesa. Questo può assumere la forma della richiesta di permesso prima di ogni acquisto (60%), di un limite di spesa settimanale o mensile (31%), dell'uso di strumenti di controllo parentale (28%), della consultazione degli estratti conto delle carte di credito (25%) o dell'uso di carte con valore fisso (20%). Solo il 2% dei genitori non controlla la spesa dei propri figli.

PEGI (Pan European Game Information) è il metodo di classificazione valido su buona parte del territorio europeo che ha sostituito altre classificazioni come l'ELSPA dall'aprile 2003. Ci sono cinque categorie di età e descrizioni di contenuto come Turpiloquio, Discriminazione, Droga, Paura, Sesso/Nudità, Violenza, Gioco d'azzardo e Gioco in rete.

Altri dettagli si trovano sul sito del PEGI.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Anderaz04 Settembre 2018, 14:34 #1
Cheppalle tutte 'ste patacche sulle copertine.
ronthalas04 Settembre 2018, 15:59 #2
mi pare un po' tardiva come cosa... un po' tanto!
qboy04 Settembre 2018, 18:13 #3
Ma poi voglio dire, tu genitore xk mai dovresti collegare la tua carta di credito o darla in mano a tuo figlio? Ma io non collego manco PayPal su PlayStore.. sarò l'unico?
A un certo punto c'è le cerchiamo da soli le grane
Zenida05 Settembre 2018, 01:31 #4
Io, nella mia era pre-internet, quando vedevo teschi, pugni e siringhe sui videogiochi sapevo che stavano certificando una gran figata ed il divertimento era assicurato
Lwyrn05 Settembre 2018, 14:45 #5
Originariamente inviato da: qboy
Ma poi voglio dire, tu genitore xk mai dovresti collegare la tua carta di credito o darla in mano a tuo figlio? Ma io non collego manco PayPal su PlayStore.. sarò l'unico?
A un certo punto c'è le cerchiamo da soli le grane


Quando giocavo agli MMORPG si sentivano molte storie di denunce da parte dei genitori verso le software house che gestivano i suddetti giochi. Salvo poi scoprire che i figli all'insaputa dei genitori sfilavano le carte di credito dai portafogli per comprare crediti
qboy05 Settembre 2018, 23:43 #6
Allora forse il problema sta altrove in famiglia

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^