Google DeepMind ha battuto per 10-1 i giocatori professionisti di Starcraft II

Google DeepMind ha battuto per 10-1 i giocatori professionisti di Starcraft II

L'avveniristico sistema di intelligenza artificiale che ha già sconfitto i campioni di Go ha sconfitto due fra i più quotati campioni di Starcraft II, grazie all'aver acquisito una conoscenza del gioco che corrisponde a 200 anni di esperienza

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Videogames
GoogleBlizzard
 

Dopo aver sconfitto alcuni tra i più forti giocatori di Go, DeepMind si sta adesso specializzando nei videogiochi. Sviluppata da una startup ora controllata da Google, l'intelligenza artificiale ha sconfitto due fra i più quotati giocatori di Starcraft II in una serie di match che si sono svolti lo scorso 19 dicembre. Si parla di Grzegorz "MaNa" Komincz, considerato come uno dei più forti giocatori professionisti di Starcraft II in assoluto e vincitore di due major ufficiali, e di Dario “TLO” Wünsch. Entrambi militano nel Team Liquid.

L'agente IA è stato chiamato AlphaStar e riesce ad essere competitivo, anche contro i giocatori umani più forti, grazie all'aver acquisito conoscenze corrispondenti a 200 anni di gioco con Starcraft II. AlphaStar ha conseguito 10 vittorie in 2 serie separate di 5 partite, prima con TLO e poi con MaNa, perdendo per la prima volta dopo 10 match quando ha affrontato MaNa.

DeepMind

Le partite si sono svolte sulla mappa Catalyst su una versione leggermente datata di Starcraft II, usata come punto di riferimento per le ricerche nel campo dell'intelligenza artificiale. DeepMind, infatti, è stato da tempo adattato a Starcraft II, considerando come un valido campo di prova per via della sua complessità e profondità strategica. Mentre TLO, prima dei match, aveva dichiarato di sentirsi sicuro di battere l'agente AI, AlphaStar è riuscito a vincere tutti e cinque le partite contro di lui, impiegando ogni volta strategie diverse.

AlphaStar però aveva dei vantaggi nelle sue partite contro TLO. Innanzitutto, si usavano i Protoss, che non è la fazione preferita da TLO. Inoltre, e ancora più importante, l'intelligenza artificiale visualizza sull'intera mappa, che vede nella sua totalità senza 'fog of war'. Questo vuol dire che può seguire tutti i movimenti dell'avversario fin dall'iniio della partita e soprattutto non deve perdere tempo a fare zoom in e zoom out sulla mappa.

Se teoricamente AlphaStar non ha un limite fisico nel numero di azioni che può eseguire al minuto, effettivamente ha eseguito meno azioni al minuto dei suoi avversari umani e significativamente meno del normale giocatore professionista. L'intelligenza artificiale ha avuto un tempo di reazione di circa 350 millisecondi, superiore a quello della maggior parte dei professionisti. L'IA tende a prendersi il tempo necessario in modo da prendere decisioni più intelligenti ed efficienti che le possano permettere di acquisire vantaggi significativi.

DeepMind

L'esperienza di AlphaStar nel gioco deriva principalmente da un programma di formazione approfondito che DeepMind chiama AlphaStar League. DeepMind ha analizzato una moltitudine di replay di partite fra giocatori umani e ha iniziato ad allenare una rete neurale basata su quei dati. L'agente creato in questo modo è stato duplicato e due versioni sono state fatte affrontare l'una contro l'alta. Successivamente, le varie versioni sono state spinte a padroneggiare aspetti differenti del gioco.

AlphaStar League ha avuto una durata di una settimana, durante la quale le partite che venivano introdotte producevano nuove informazioni contribuendo a perfezionare la strategia dell'intelligenza artificiale. Nel corso di questa settimana, AlphaStar ha conseguito un'esperienza paragonabile all'esperienza che avrebbe potuto ottenere giocando a Starcraft II per 200 anni. Alla fine della sessione AlphaStar ha determinato quali fossero i cinque tipi di strategia più difficilmente contrastabili dai giocatori umani e li ha adottati nei match contro TLO e MaNa. Dopo che sono stati determinati gli avversari da affrontare, inoltre, AlphaStar è stato sottoposto a un'ulteriore settimana di apprendimento, durante la quale ha analizzato alcuni match di TLO con i Protoss.

DeepMind

Durante i match, come sottolineano i commentatori, l'intelligenza artificiale ha assunto un comportamento molto simile a quello di essere umano, abbandonando alcune delle sue azioni più imprevedibili e inaspettate, e dimostrando di avere messo a punto uno stile basato su un processo decisionale più articolato grazie all'aver visionato TLO.

Ha dunque vinto i cinque match contro TLO e i cinque contro MaNa, nonostante entrambi si siano impegnati pienamente per ottenere la vittoria. Dopo queste dieci partite, però, ne è stata trasmessa un'undicesima in live streaming, dove l'IA non ha più goduto del vantaggio di visualizzare l'intera mappa di gioco. In questo modo, ha dovuto concentrare delle risorse di attenzione sulle decisioni sulla parte della mappa da visionare. Questa partita è stata dunque vinta da MaNa.

DeepMind

DeepMind spiega la sconfitta con il fatto che AlphaStar non ha avuto modo di allenarsi contro un essere umano nella modalità di scontro che non prevede la visione della mappa completa. Può, infatti, velocizzare le operazioni con parte della mappa nascosta se sufficientemente allenato.

Con la restrizione al punto di vista di AlphaStar, MaNa è stato in grado di sfruttare alcune delle carenze dell'IA, infliggendo ad AlphaStar la sua prima sconfitta contro i giocatori professionisti.

Resta il fatto che AlphaStar è in grado di apprendere in maniera incredibilmente veloce: seguendo le sue azioni in match, i giocatori professionisti possono così apprendere delle strategie nuove attingendo all'enorme esperienza acquisita dall'intelligenza artificiale. Il set completo di replay di tutte le partite di AlphaStar contro TLO e MaNa è disponibile sul sito di DeepMind.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ronthalas25 Gennaio 2019, 11:27 #1
a questo punto siamo vicini a un possibile concetto di "doping informatico" per gli esport? (detto in modo volutamente un po' provocatorio)
csavoi25 Gennaio 2019, 12:29 #2
Io direi che siamo all'assurdo per cui dei giocatori umani dedicano la loro materia cerebrale (dicono la più complessa finora trovata nell'universo) per studiare delle partite fatte da una macchina, dopo che la stessa ha combattuto per un tempo relativo di 200anni contro una o più versioni versioni di se stessa (migliorandosi, quindi, sfruttando degli algoritmi di casualità e selezionando quelli che hanno portato vantaggi, tipo l'evoluzione del DNA organico per capirsi).

Io direi che è giusto sviluppare delle AI (anche usando dei goichi) per evolvere l'informatica stessa (sempre che sia a beneficio dell'umanità, ma che delle persone studino delle AI per giocare meglio ad un videogame.... Beh lo fanno per i soldi, loro non sono stupidi, stupidi sono tutti gli altri che passano le ore a vedere gente che gioca... Povera umanità.

(oggi mi sono svegliato storto, abbiate pazienza :-)

Maxt7525 Gennaio 2019, 13:03 #3
Questo è giocare ?
Okkau25 Gennaio 2019, 13:29 #4
Originariamente inviato da: csavoi
stupidi sono tutti gli altri che passano le ore a vedere gente che gioca... Povera umanità.


Quindi sono stupidi tutti quelli che guardano una partita di calcio, il ciclismo, l'automobilismo, la pallacanestro, il football...o per farne tutto un fascio ogni persona che guarda uno schermo per intrattenimento personale.
csavoi25 Gennaio 2019, 13:34 #5
Credo sia la nuova versione di "pane et circenses".

Per i più ingoranti ma benestanti ci sono le partite di calcio, dove 22 ragazzi strapagati prendono a calci una palla.

Per gli altri c'è SKy o quant'altro...

Per i più poveri ci sono, al prezzo di una flat internet da casa, infinite ore di partite giocate da altri con tanto di commentatori +o- isterici.

Tenete i vostri figli lontano il più possibile da tutto ciò, a costo di farli sembrare "diversi dagli altri": in un mondo di "dementi" non mi dispiacerebbe poi tanto essere un po' "diverso".

(ripeto: oggi mi sono svegliato storto, abbiate pazienza :-)
tommy78125 Gennaio 2019, 13:41 #6
Quindi l'unica partita giocata ad armi pari con un umano l'ha persa, questa è la vera notizia. Inutile vincerne 10 di fila quando si gode di un vantaggio strategico come la visione globale di una mappa. Se rapportato a un conflitto reale dove non sai dove il nemico ha piazzato le risorse l'uso dell'intelligenza artificiale risulta inutile se non addirittura un peggioramento rispetto all'uomo.
Rigetto25 Gennaio 2019, 14:22 #7
Originariamente inviato da: csavoi
Credo sia la nuova versione di "pane et circenses".

Per i più ingoranti ma benestanti ci sono le partite di calcio, dove 22 ragazzi strapagati prendono a calci una palla.

Per gli altri c'è SKy o quant'altro...

Per i più poveri ci sono, al prezzo di una flat internet da casa, infinite ore di partite giocate da altri con tanto di commentatori +o- isterici.

Tenete i vostri figli lontano il più possibile da tutto ciò, a costo di farli sembrare "diversi dagli altri": in un mondo di "dementi" non mi dispiacerebbe poi tanto essere un po' "diverso".

(ripeto: oggi mi sono svegliato storto, abbiate pazienza :-)


D'accordo su tutto, ma la citazione è paneM et circenses
omerook25 Gennaio 2019, 14:42 #8
Originariamente inviato da: csavoi
Io direi che siamo all'assurdo per cui dei giocatori umani dedicano la loro materia cerebrale (dicono la più complessa finora trovata nell'universo) per studiare delle partite fatte da una macchina, dopo che la stessa ha combattuto per un tempo relativo di 200anni contro una o più versioni versioni di se stessa (migliorandosi, quindi, sfruttando degli algoritmi di casualità e selezionando quelli che hanno portato vantaggi, tipo l'evoluzione del DNA organico per capirsi).

Io direi che è giusto sviluppare delle AI (anche usando dei goichi) per evolvere l'informatica stessa (sempre che sia a beneficio dell'umanità, ma che delle persone studino delle AI per giocare meglio ad un videogame.... Beh lo fanno per i soldi, loro non sono stupidi, stupidi sono tutti gli altri che passano le ore a vedere gente che gioca... Povera umanità.

(oggi mi sono svegliato storto, abbiate pazienza :-)

mi sa che io sono proprio storto perché mi ci sveglio sempre così!
Abufinzio25 Gennaio 2019, 14:43 #9
Originariamente inviato da: Okkau
o per farne tutto un fascio ogni persona che guarda uno schermo per intrattenimento personale.


wewe, moderiamo i termini eh
Cechi si, stupidi no
csavoi25 Gennaio 2019, 14:43 #10
Originariamente inviato da: Rigetto
D'accordo su tutto, ma la citazione è paneM et circenses


Pork è vero.... Ma quando andavo al liceo (scientifico ma c'era latino) i bar erano pieni di videogames e da bravo pirla ne sono rimasto contagiato (non troppo fortunatamente).

E' vero, adesso predico bene ma in passato ho razzolato male, ma in fondo in fondo... Non si dice "fare quel che il prete dice e non fare quello che il prete fa"...

Spero solo che la gente piano piano si renda conto di dove stiamo andando, e se poi comunque non lo fanno, avrò un po' la coscienza a posto per questi minuscoli, insignificanti, piccolissimi moniti che mi sento di dare.

P.S.: Grazie della correzione, sempre ben accetta

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^