Abbiamo provato Assetto Corsa Competizione: ecco le nostre impressioni

Abbiamo provato Assetto Corsa Competizione: ecco le nostre impressioni

Una delle simulazioni automobilistiche più attese degli ultimi tempi è finalmente disponibile in versione Early Access su Steam. L'abbiamo provata per voi e vi raccontiamo le nostre prime considerazioni sul modello di guida e sulle novità rispetto ad Assetto Corsa

di pubblicato il nel canale Videogames
Kunos SimulazioniHalifax
 

Anteprima Assetto Corsa Competizione

Era il mese di dicembre 2014 quando Kunos Simulazioni rilasciava la prima versione finale di Assetto Corsa, un simulatore automobilistico che avrebbe rappresentato una vera e propria rottura con il passato per gli appassionati della categoria. Prima di Assetto Corsa, infatti, semplicemente non esisteva nessuna simulazione pura con un parco auto paragonabile a quello del titolo di Kunos. E Project CARS, Gran Turismo e Forza? Semplice... questi tre titoli non sono "puri" come Assetto Corsa, che vanta un sistema di guida decisamente più curato e fortemente legato alle sensazioni che realmente si potrebbero avere con ogni singola automobile riprodotta nel gioco (nei limiti del possibile, ovviamente). Se non bastasse, Assetto Corsa permette un grande livello di personalizzazione attraverso le "mod", ovvero auto e tracciati (o anche intere modalità di gioco) realizzati dalla community e perfettamente funzionanti all'interno del motore di gioco.

I ragazzi dell'azienda romana con sede al Circuito di Vallelunga sono inoltre riusciti a mantenere vivo l'interesse sul titolo rilasciando a cadenze più o meno regolari vari DLC, che hanno introdotto altri contenuti di grande interesse: basti citare Nordschleife, Laguna Seca, o automobili da sogno come La Ferrari, Lamborghini Miura, Alfa Romeo 33 Stradale, McLaren F1; o ancora leggende assolute del motorsport come l'Audi Sport Quattro, la Mazda 787B, la Ferrari 330 P4, e anche diverse auto di F1, moderne e storiche. Il tutto con tanto di licenza ufficiale e all'interno di un simulatore automobilistico non troppo diverso da quelli che utilizzano le varie scuderie per il training dei piloti o per provare il comportamento derivante dai cambiamenti apportati alle vetture. Possiamo dire che Assetto Corsa è il titolo che, con una buona approssimazione, più si avvicina alla realtà in termini di simulazione di guida, insieme ai capisaldi del settore come iRacing e rFactor 2. Ed è orgogliosamente italiano.

Dopo le dovute premesse è facile capire i motivi per cui l'intero settore sta aspettando con grande hype il nuovo titolo del team di Vallelunga: Assetto Corsa Competizione. Anche in questo caso Kunos promette un alto livello simulativo, anche se questa volta viene abbinato ad un motore grafico più avanzato e versatile (Unreal Engine 4), e ad un unico campionato ben specifico con precise regole. Con i trascorsi della software house non è difficile credere alle promesse: ricordiamo infatti che Kunos ha debuttato nel 2006 con netKar Pro, e quattro anni più tardi proponeva Ferrari Virtual Academy. E se pensiamo al lavoro svolto con Assetto Corsa, in cui per ogni vettura è stato previsto un comportamento di guida esclusivo ed estremamente coerente con quanto ci potremmo aspettare dalla realtà, rimaniamo letteralmente spiazzati quando pensiamo al livello di perfezionismo a cui possiamo ambire con un simulatore in cui è previsto un solo tipo di vettura.

Assetto Corsa Competizione è il gioco ufficiale del campionato GT3 Blancpain GT Series, ed è un titolo "completamente nuovo" rispetto a quello che potremmo considerare il suo predecessore spirituale. Oltre al motore grafico e di gioco più moderno e avanzato, Competizione viene migliorato anche per quanto riguarda il modello fisico e sonoro a tutto vantaggio di immersività e realismo nelle varie situazioni di gioco. Il gioco è già disponibile in Early Access su Steam, ovvero in beta con contenuti limitati: si tratta della stessa formula utilizzata con "Assetto Corsa 1", e che Kunos vuole sfruttare ancora una volta per "ottimizzare e migliorare le caratteristiche del gioco" anche e soprattutto sulla base dei suggerimenti ricevuti dai giocatori prima del suo arrivo sul mercato. L'Early Access costa oggi 24,99€ e consentirà di accedere anche ai contenuti del titolo finale (44,99€) senza alcun supplemento sul prezzo.

Quali sono le differenze fra Assetto Corsa Competizione e Assetto Corsa?

Secondo Kunos Assetto Corsa Competizione è un prodotto totalmente nuovo e rinnovato, non un'evoluzione del titolo precedente. Un grosso vantaggio in termini di immersività è dato dall'uso di Unreal Engine 4, che ha consentito di ottimizzare le spese in modo da avere un impatto grafico di altissimo livello con sacrifici minimi. I vantaggi della nuova soluzione sono evidenti: vi bastano guida in notturna, ora del giorno e condizioni meteo variabili? E non si tratta ovviamente di una novità solamente grafica, visto che, soprattutto il meteo, avrà delle ripercussioni sullo stile di guida e sui comportamenti dinamici della vettura in base a dove poggiamo gli pneumatici, oltre che sulla semplice visibilità del tracciato.

Vi bastano guida in notturna, ora del giorno e condizioni meteo variabili?

Parlando di fisica, Kunos sottolinea che concentrandosi su un unico tipo di vettura e di regolamento ha potuto elevare ancora di più il livello di sofisticazione del modello fisico (e ricordiamo, la base di partenza è quella di uno dei migliori simulatori disponibili oggi sul mercato). Sospensioni, pneumatici, aerodinamica, sono elementi su cui il team di sviluppo si è potuto concentrare in maniera più capillare, rendendo il sistema di guida più prevedibile, e la vettura più maneggevole. Come spesso ha tenuto a precisare Kunos "più la simulazione è vicina alla realtà, più è facile capire le reazioni dell'auto e reagire di conseguenza". Lo sviluppo del gioco è stato seguito da team e piloti del Campionato Blancpain GT, che hanno contribuito ad aumentare il realismo e migliorare il comportamento delle auto. Anche il sonoro ha ricevuto un miglioramento rispetto ad Assetto Corsa (e qui i margini di miglioramento non erano pochi), soprattutto in termini di "informazioni" ricevute dal pilota: grazie agli elementi in più offerti al giocatore, infatti, aumenta anche la capacità di immergersi nell'esperienza di guida e sentirsi parte della simulazione.

Oltre al mero sistema di guida, Assetto Corsa Competizione si completa con tutta una serie di elementi aggiuntivi che rendono il titolo giocabile da una platea di giocatori il più ampia possibile, e non solo composta da appassionati cresciuti a pane e benzina digitale. Una fra le richieste più pressanti degli utenti di Assetto Corsa era quella relativa ad un sistema di rating per il multiplayer, che potesse disciplinare i piloti più aggressivi. Il sistema di rating ci sarà su Assetto Corsa Competizione, insieme a un sistema di matchmaking che consentirà di trovare piloti con la stessa esperienza e con un livello di professionalità ben bilanciato. In questo modo verranno premiati i giocatori più virtuosi, e svantaggiati quelli che preferiscono cercare il tutto e per tutto alla prima curva scaraventandosi su chi si trova davanti. Nel titolo completo ci sarà anche la Carriera, di cui però non sono stati rilasciati molti dettagli, e anche una modalità dedicata che simula il Campionato Blancpain GT Series con date e regolamenti ufficiali della manifestazione reale.

Assetto Corsa Competizione è già disponibile su PC in modalità Early Access al prezzo di 24,99€, con i contenuti presenti che non sono moltissimi: in questo momento abbiamo a disposizione la Lamborghini Huracàn GT3 e il Nurburgring GP, che potranno essere sfruttati nelle modalità Special Events, Hot-Stint e Quick Race con l'Intelligenza Artificiale. Non mancano le condizioni di pioggia e gli orari variabili, così come una parte del Rating System che misura la cononoscenza del tracciato, la consistenza nei tempi sul giro, e il controllo della vettura nelle condizioni più estreme. Il secondo rilascio è atteso per il 10 Ottobre, con cui si ottengono la Bentley Continental GT3 e il Circuito di Misano, insieme alle modalità Super Pole, i Pit-Stop e il supporto alla VR. Verrà perfezionato anche il Rating System con la valutazione delle prestazioni su pista e quelle sulla sicurezza.

Il terzo rilascio è previsto per il 14 Novembre, quando il titolo verrà proposto a 34,99€: con questa versione si ricevono la BMW M6 GT3 e il Circuit de Paul Ricard, insieme alle modalità Endurance, al multiplayer e al Pit-Stop più evoluto. Il 12 Dicembre invece ci saranno Spectator Mode, varie evoluzioni sul sistema di Rating e la Ferrari 488 GT3 insieme all'Hungaroring. A gennaio il gioco costerà 44,99€, quindi il prezzo pieno, e otterrà l'Emil Frey Jaguar G3 con il circuito di Zolder, insieme alla modalità Multiplayer completa e una modalità per il Rating. Il 13 Febbraio arriveranno invece la Honda Acura NSX GT3 con il Circuito di Monza, e i Live Special Events. Il rilascio del gioco è atteso invece per la fine del primo trimestre del 2018, con tutte le auto e i circuiti del Blancpain GT Series dei campionati 2018 e 2019. Arriveranno anche tutte le modalità, fra cui Carriera, Campionato, Single e Multiplayer, insieme al rating completo e al sistema di matchmaking. Il costo della versione finale sarà di 44,99€.

Assetto Corsa Competizione: la nostra prima esperienza di gioco

Abbiamo avuto modo di provare la prima Early Access di Assetto Corsa Competizione e possiamo dare un primo parere su quanto abbiamo visto, sentito e percepito. C'è da sottolineare che la mia esperienza con autovetture GT3 corrisponde ad un singolo giro al Circuito Tazio Nuvolari di Cervesina, in provincia di Pavia, con una Ferrari 430 GT3 con qualche anno sulle spalle, in cui non mi è stato permesso di superare i 4500 giri al minuto e in cui l'andamento in curva non era proprio adrenalinico. Ciò nonostante, non serve una carriera da Pro sulle spalle per percepire che rispetto ad Assetto Corsa l'aria è cambiata, e che i Kunos stanno cercando di aggredire un bacino di utenti ben più ampio. Si capisce già dai menu, ben distanti da quelli pensati per i nerd delle simulazioni automobilistiche di solamente qualche anno fa.

I Kunos stanno cercando di aggredire un bacino di utenti ben più ampio

Il menu principale è comparabile a quello delle produzioni Tripla A su console, ben organizzato e sufficientemente profondo in termini di configurazione del volante (che poi è quello che serve in una simulazione), ma che con poche selezioni offre già un'esperienza già ben calibrata (abbiamo usato un Logitech G27 nelle nostre prove, che non è proprio l'ultimissimo modello). Anche le impostazioni sugli aiuti in pista consentono una buona personalizzazione dello stile di guida: ci si può affidare al cambio automatico, alla riproduzione della traiettoria ideale, al controllo di stabilità e ai vari assist alla guida per chi usa il gamepad (ma è consigliabile l'uso di un buon volante), con anche il giocatore meno esperto che può sperare di scendere in pista su Assetto Corsa Competizione senza farsi male. Per quanto riguarda la guida vera e propria, possiamo assolutamente confermare quello che dicono da settimane i ragazzi di Kunos: il primo impatto per chi è abituato con il primo "capitolo" della serie è quasi sconfortante, tanta è la differenza in termini di sistema di guida.

Anche il giocatore meno esperto può sperare di scendere in pista su Assetto Corsa Competizione senza farsi male

Le sensazioni in frenata e percorrenza di curva sono totalmente differenti, anche se in fondo le prestazioni sul giro rimangono simili. Si sente sin da subito la precisione nella simulazione delle GT3 del Blancpain GT Series (o almeno di come possiamo immaginarle vedendole sfrecciare dal vivo), con Kunos che si è potuta concentrare in maniera quasi maniacale sui vari aspetti della guida della vettura. Rispetto alle GT3 di Assetto Corsa l'auto è in effetti molto più prevedibile ad andature normali, ma diventa aggressiva quando si sfiora il limite. È difficile stabilire con pochi giri sulle spalle dove Assetto Corsa Competizione è stato migliorato, visto che l'esperienza di guida è totalmente diversa rispetto al suo predecessore. L'auto, e in questo i Kunos sono sempre stati magistrali, dà una grande sensazione di matericità e la distribuzione dei pesi si sente tutta in ogni manovra. Forse le GT3 dal vivo sono più nervose nell'erogazione della potenza a livello percettivo, ma i Kunos ci offrono - ancora una volta - una sublime sensazione dell'inerzia nei cambi di traiettoria e in curva.

Siamo rimasti particolarmente colpiti (anche qui è difficile fare considerazioni sulla guida di una GT3 vera e propria) anche dalla guida sulle varie condizioni di pioggia. Su Assetto Corsa Competizione la pioggia non è killer come su molte altre simulazioni, ma richiede semplicemente una maggiore accortezza nei cambi di direzione più bruschi e in frenata, con l'abituarsi alle nuove condizioni che diventa più naturale, e non forzato come sulla concorrenza diretta. Ad un primo acchito quando piove sembra che non sia cambiato nulla, ma poi ti accorgi che stai perdendo qualche secondo sul tempo sul giro e non puoi farci molto. Nella prima Early Access ci sono diverse condizioni di pioggia, con le difficoltà che vanno man mano aumentando anche sul piano della visibilità reale della pista, così come i tempi sul giro aumentano in base alla quantità di pioggia accumulata sul manto stradale. Ci sono inoltre punti della pista in cui si formano pozzanghere, che diventano più insidiosi rispetto agli altri in cui il passaggio delle auto pulisce progressivamente il circuito.

Su Assetto Corsa Competizione la pioggia non è killer... e ci sono anche i marbles

E, nell'asciutto, ci sono anche i marbles - pezzi di gomma lasciati dalle auto fuori traiettoria - che vanno a compromettere il grip. In Assetto Corsa Competizione diventa indispensabile mantenersi in traiettoria sempre e comunque se non si vogliono avere effetti devastanti sulle prestazioni sul giro, e questo già dalla Early Access. Il sistema di guida è non solo migliore rispetto ad Assetto Corsa, ma anche più "articolato". È più articolata la sensazione di guida, così come è più articolata la simulazione delle gomme nelle varie condizioni, così come è più imprevedibile la sensazione dell'auto sui cordoli e al contatto con i dissuasori e nei fuori pista. Forse diventa un po' più artificioso in alcune circostanze (a volte l'auto si comporta in maniera talmente realistica che viene difficile da pensare che sia tutto svolto in tempo reale), ma queste sono le prime sensazioni di una beta non ancora completa e per niente rifinita.

Ci sono bug grafici, ovviamente, e la fisica riceverà probabilmente alcune migliorie che arriveranno sulla base dei feedback dei primi giocatori (anche se Kunos afferma che il modello fisico è pronto al 90%). Ci sono sembrati sufficientemente realistici i contatti con le altre vetture e come queste si scompongono in seguito alle "toccatine", tuttavia gli scontri a velocità contro i guard rail sono a nostro avviso ancora perfezionabili (ma bisognerà vedere quando arriveranno i danni). Un ultimo appunto sui requisiti minimi e di sistema: Kunos dichiara molto ottimisticamente una GeForce GTX 460 o una Radeon HD 7770 per giocare al minimo con ACC, e per goderselo al meglio è consigliata una GeForce GTX 1070 o una Radeon RX 580. Con il nostro sistema di prova, dotato di GeForce GTX 1060, siamo riusciti a giocare al livello di dettaglio Alto alla risoluzione Full HD, senza AA, con un frame rate oscillante fra minimi di 50 fps in game (durante le partenze più concitate), e massimi di circa 90 fps. C'è una leggera differenza con Assetto Corsa in termini di frame rate, ma a nostro avviso trascurabile se consideriamo la maggiore qualità e complessità grafica.

Di carne al fuoco ce n'è davvero tanta, per un gioco che probabilmente non intende rendere obsoleto il suo predecessore. Assetto Corsa rimane ancora un punto di riferimento per quanto riguarda i contenuti presenti abbinati ad un sistema di guida realistico, laddove Competizione offre un solo campionato, un numero di circuiti più limitato e una sola tipologia di vetture. Questo potrebbe stancare alla lunga alcuni tipi di utenti, ma gli consente di avere diversi vantaggi: oltre al più alto livello nella simulazione e nella maniacale follia per quanto riguarda setup, comportamento di gomme e sospensioni e fisica di guida in generale, pare che Kunos stia facendo l'occhiolino in maniera molto più evidente al mondo degli eSport. E la speranza rimane sempre quella: vedere, prima o poi, un titolo F1 firmato Kunos Simulazioni.

26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
UltimateBou17 Settembre 2018, 16:55 #1
il primo impatto per chi è abituato con il primo "capitolo" della serie è quasi sconfortante, tanta è la differenza in termini di sistema di guida.


non è propriamente una critica ma qualcuno mi spiega questo:

assetto corsa 1: "uno dei simulatori più veri, forse come simulazione il migliore"

assetto corsa 2: "uno dei simulatori più veri, forse come simulazione il migliore, non c'entra un caxxo con il primo"

è un pò come la storia del dentifricio Omino Bianco che è da 60 anni che ci dice che più bianco non si può per ogni dentifricio che ha prodotto in questi 60 anni, a quest'ora i nostri denti dovrebbero riflettere i peli del cxxo di un marziano su marte che il raytracing spostati.
TheMonzOne17 Settembre 2018, 17:38 #2
A parte che l'Omino Bianco è un detersivo per lavatrice e, quindi, spero tu non ti stia lavando i denti con quello...che ci azzecca? Oltre ad essere una réclame pubblicitaria dove possono dire quello che gli pare tecnicamente parlando non è nemmeno così sbagliata: ad ogni nuova versione puliva come meglio non si poteva....in quel momento.
Quelli che fanno l'altra cosa ben più famosa che ogni volta è sempre la migliore di sempre allora cosa dovrebbero dire?
Tornado alla notizia l'articolista considera Assetto Corsa "uno dei simulatori più veri, forse come simulazione il migliore" e così sarà, probabilmente, fino all'uscita della versione definitiva di questa versione "particolare".
UltimateBou17 Settembre 2018, 17:45 #3
Originariamente inviato da: TheMonzOne
A parte che l'Omino Bianco è un detersivo per lavatrice e, quindi, spero tu non ti stia lavando i denti con quello...che ci azzecca? Oltre ad essere una réclame pubblicitaria dove possono dire quello che gli pare tecnicamente parlando non è nemmeno così sbagliata: ad ogni nuova versione puliva come meglio non si poteva....in quel momento.
Quelli che fanno l'altra cosa ben più famosa che ogni volta è sempre la migliore di sempre allora cosa dovrebbero dire?
Tornado alla notizia l'articolista considera Assetto Corsa "uno dei simulatori più veri, forse come simulazione il migliore" e così sarà, probabilmente, fino all'uscita della versione definitiva di questa versione "particolare".


lasciando stare il renfuso tra dentifricio (anche li denti sempre più bianchi) e detersivo, il succo non cambia. Se un gioco è profondamente diverso da quello dell'anno prima e quello dell'anno prima era una simulazione con i controcaxxi, qualcosa non quadra, non stiamo parlando di 60 anni fa (dove invece il bianco di 60 anni fa è assolutamente uguale a quello di oggi)
Erian Algard17 Settembre 2018, 18:02 #4
Originariamente inviato da: UltimateBou
lasciando stare il renfuso tra dentifricio (anche li denti sempre più bianchi) e detersivo, il succo non cambia. Se un gioco è profondamente diverso da quello dell'anno prima e quello dell'anno prima era una simulazione con i controcaxxi, qualcosa non quadra, non stiamo parlando di 60 anni fa (dove invece il bianco di 60 anni fa è assolutamente uguale a quello di oggi)


"L'anno prima" di cui parli sono 4 anni intanto, ed in termini di videogiochi è un abisso. Punto primo. Punto secondo in Assetto Corsa il modello simulativo doveva dare vita a più generi di auto, tutte differenti e con le loro peculiarità, qui invece si parla di una sola tipologia di auto, appunto quelle della classe GT3. Viene da sé che per quanto riguarda le GT3 il modello simulativo, essendo del tutto dedicato, è migliore di quello del titolo di 4 anni fa.
il_joe17 Settembre 2018, 18:02 #5
io lo sto provando e sinceramente lo trovo parecchio diverso da AC come feeling.
Prendendo la Huracan GT3 di AC e questa di ACC sulla stessa pista, il feeling è molto diverso (le auto non sono identiche, ma è proprio il feeling che è diverso). Non so dire quale è più simulativo , ma su ACC mi sento molto meno "impiccato" e l'auto meno scivolosa.
Però è tutto da testare, con una versione più vicina alla 1.0 per dire qcosa di concreto.
A livello visivo invece ho trovato ACC meno bello (soprattutto l'illuminazione) e più pesante: spero verrà ottimizzato e molto.....
Erian Algard17 Settembre 2018, 18:05 #6
Originariamente inviato da: il_joe
io lo sto provando e sinceramente lo trovo parecchio diverso da AC come feeling.
Prendendo la Huracan GT3 di AC e questa di ACC sulla stessa pista, il feeling è molto diverso (le auto non sono identiche, ma è proprio il feeling che è diverso). Non so dire quale è più simulativo , ma su ACC mi sento molto meno "impiccato" e l'auto meno scivolosa.
Però è tutto da testare, con una versione più vicina alla 1.0 per dire qcosa di concreto.
A livello visivo invece ho trovato ACC meno bello (soprattutto l'illuminazione) e più pesante: spero verrà ottimizzato e molto.....


Sei meno impiccato perchè le GT3 sono effettivamente "semplici" da guidare. Non stiamo parlando di mostri senza elettronica che come tocchi l'acceleratore schizzano via e ti ammazzano. Sono auto ben incollate al terreno e abbastanza prevedibili. Chiaramente dal vivo è una cosa, ma in un videogioco possono risultare noiose, motivo per cui secondo me questo Assetto Corsa Competizione sarà una delusione per chi non lo giocherà in maniera competitiva.
il_joe17 Settembre 2018, 18:37 #7
Originariamente inviato da: Erian Algard
Sei meno impiccato perchè le GT3 sono effettivamente "semplici" da guidare. Non stiamo parlando di mostri senza elettronica che come tocchi l'acceleratore schizzano via e ti ammazzano. Sono auto ben incollate al terreno e abbastanza prevedibili. Chiaramente dal vivo è una cosa, ma in un videogioco possono risultare noiose, motivo per cui secondo me questo Assetto Corsa Competizione sarà una delusione per chi non lo giocherà in maniera competitiva.


va che sto dicendo che ho provato la GT3 di AC e quella di ACC e il feeling era diverso tra le 2....
ovviamente tutto senza aiuti sia su uno che su l'altro
tsem00617 Settembre 2018, 19:18 #8

Prealfa

Ben detto "promette" ma al momento non ci siamo grafica interni e specchietti da migliorare e se nonfrontato a PC2 nie te di innovativo anzi le pozze non rendono la perdita di aderenza come dovrebbe. FFB io preferisco quasi quello del vecchio AC... Chiaramente tutto secondo il mio parere...
Erian Algard17 Settembre 2018, 20:49 #9
Originariamente inviato da: il_joe
va che sto dicendo che ho provato la GT3 di AC e quella di ACC e il feeling era diverso tra le 2....
ovviamente tutto senza aiuti sia su uno che su l'altro


E che voleva essere uguale? È un gioco nuovo non hanno fatto copia e incolla. E per quanto riguarda la simulazione delle gt3 sicuramente questo Competizione è più accurando dovendo simulare solo quelle.
nezebyfe17 Settembre 2018, 23:50 #10
Originariamente inviato da: UltimateBou
non è propriamente una critica ma qualcuno mi spiega questo:

assetto corsa 1: "uno dei simulatori più veri, forse come simulazione il migliore"

assetto corsa 2: "uno dei simulatori più veri, forse come simulazione il migliore, non c'entra un caxxo con il primo"

è un pò come la storia del dentifricio Omino Bianco che è da 60 anni che ci dice che più bianco non si può per ogni dentifricio che ha prodotto in questi 60 anni, a quest'ora i nostri denti dovrebbero riflettere i peli del cxxo di un marziano su marte che il raytracing spostati.


E' abbastanza semplice la cosa.
In quanto italiani si è deciso che AC sarebbe stato il meglio del nostro meglio ancora prima dell'uscita.
Tutto il resto sarebbe stato o vecchio (rFactor2), o costoso (iRacing) o simcade (PC2).
Nessuno ha mai ammesso che dal punto di vista fisico AC, simulando 4 dati in croce, era una mezza ciofega.
Ora finalmente abbiamo un ACC che si è messo in pari ed è già dalla prima versione in EA al TOP.
Ovviamente da buoni italiani ci si dividerà tra chi rinnegherà se stesso (55AMG e altri millantatori simili) e chi pur di voler avere ragione troverà un motivo futile per restare a collezionare auto con fisica di fantasia in AC.

Io invece, dato che non mi paga nessuno e non tifo nessuna SH, mi permetto di abbandonare iR e PC2 con cui ho corso 100 campionati e passo ad ACC appena stabile. E buonanotte a tutti!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^