Studio Assetto Corsa acquisito da Digital Bros: la posizione ufficiale di Kunos

Studio Assetto Corsa acquisito da Digital Bros: la posizione ufficiale di Kunos

Abbiamo sentito Marco Massarutto, co-fondatore di Kunos Simulazioni, a proposito della notizia dell'acquisizione della sua software house da parte di Digital Bros, diffusa nel fine settimana.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 09:06 nel canale Videogames
HalifaxKunos Simulazioni
 

Il Cda di Digital Bros ha approvato la sottoscrizione di un accordo di investimento per l’acquisizione del 100% delle quote di Kunos Simulazioni, detenute dai due soci fondatori Stefano Casillo e Marco Massarutto in via paritetica. L’operazione ha un prezzo nominale complessivo pari a 4.341.500 euro.

Assetto Corsa

Digital Bros deteneva già i diritti di edizione di Assetto Corsa per le versione console, quindi il nuovo accordo le consentirà di realizzare delle nuove sinergie in tema di posizionamento del marchio ed ottimizzazione degli investimenti pubblicitari. Digital Bros è una società quotata al segmento Star di Borsa Italiana e attiva nel settore del digital entertainment. Si tratta di uno dei principali publisher italiani, controllando l'etichetta di distribuzione Halifax e il produttore di videogiochi 505 Games.

Come noto, Assetto Corsa è uno dei videogiochi italiani di maggior successo, con 1,4 milioni di copie vendute nei formati in cui è disponibile, PC Steam, PS4 e Xbox One. Abbiamo pertanto chiesto a Marco Massarutto un punto di vista sull'acquisizione: ecco la sua risposta.

Assetto Corsa è andato ben oltre gli obiettivi che ci eravamo prefissi nel 2011, quando Stefano Casillo ed io abbiamo avviato il progetto con quattro collaboratori e un budget di 70.000 Euro. Ad Assetto Corsa hanno lavorato a vario titolo oltre 30 persone, con un costo complessivo di quasi 3 milioni di Euro. Ciò nonostante, restiamo la più piccola azienda del settore ad aver prodotto una simulazione come Assetto Corsa su PC e console, basata su licenze ufficiali di altissimo livello, e ad essere così apprezzata e tenuta in considerazione. E' un piccolo miracolo italiano di cui non potremmo essere più orgogliosi. Nel corso del 2016 abbiamo fatto valutazioni approfondite relative ai progetti futuri, e proprio perché desideriamo confermare il nostro DNA con simulazioni realistiche, abbiamo scelto una direzione che garantisse la massima stabilità. Lavoriamo con Digital Bros/505Games dal 2014, e da allora il Publisher ha mantenuto gli impegni presi, consentendoci di portare su console una simulazione di alto livello, pur nella consapevolezza che non sia un racing game "per tutti". Digital Bros ha scommesso su di noi, e con questa acquisizione, ha rilanciato, dimostrando ancora di più di credere nel modello di business che la KUNOS ha ideato: questo porterà quella stabilità e risorse indispensabili, in un settore estremamente competitivo come il nostro, per continuare a fare ciò che abbiamo dimostrato di saper fare: simulazioni di guida che appaghino i simracer e che sappiano coinvolgere anche le nuove generazioni, con l'obiettivo di rendere Assetto Corsa un brand ancora più importante. Stefano Casillo ed io abbiamo ceduto la proprietà di KUNOS Simulazioni, ma manteniamo i nostri rispettivi ruoli, come pure il resto del team di sviluppo, col vantaggio di poter essere più focalizzati sui prodotti che sviluppiamo, piuttosto che sulla gestione aziendale e sul reperimento delle risorse necessarie a progetti complessi come Assetto Corsa, e quelli che seguiranno. Con l'obiettivo e l'impegno di continuare a stupire e appagare i fan di "AC".

Avevamo già intervistato Massarutto in una precedente occasione.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
mihos23 Gennaio 2017, 18:47 #1
Queste acquisizioni lasciano sempre un po' di amaro..
omihalcon23 Gennaio 2017, 20:31 #2
Concordo, vuol dire che non hanno più carne al fuoco.
Il problema è che ha ancora diversi difetti non a livello di motore simulativo, a me piace e l' ultima versione va bene, però con dalla 0.80 quando l' ho comprato su steam alla 1.114 sono cambiate molte cose e la campagna single player iniziale non è stata né aggiornata con nuovi modelli ma nemmeno gli eventi che sono completamente sbilanciati, in alcune gare si riesce a completare solo archievement di argento perché l' IA è fatta con i piedi. A me piace giocarci ma anche vincere senza imbrogli, sudando si ma l' IA o va troppo piano o va troppo forte, si parte dall' ultima fila se vanno forte come il giocatore e non solo ti fanno girare perché hanno fisica diversa il gioco diventa frustrante e ti passa la voglia.
Poi Assetti da rifare e incongruenze tra gli stessi assetti uguali ma caricati su piste diverse con le misure degli angoli che sono per affari loro.


Io poi mi aspettavo con i DLC auto ma anche piste ufficiali, con le jappo niente, con le porsche niente, in una ci stava benissimo o Suzuka con il pack tedesco Hockenheim.
E palla al balzo un pack di muscle car con laguna seca.

Invece niente, solo auto, ma non la penso così solo io on-line non vedo server con solo porsche, Ferrari non ho un server non accessibile tranne se con password, evidentemente molti si sono stufati come me e hanno smesso di prendere gli ultimi DLC.
mmorselli24 Gennaio 2017, 10:12 #3
Magari è la volta che riescono a terminare l'interfaccia VR e a supportare nativamente il VIVE (oggi funziona, ma con ReVive). È un peccato perché tra i giochi di guida è uno di quelli che rende meglio in VR, ma questa sensazione di "lasciato a metà" è deprimente. Continuerò a supportarli comprando tutti i DLC come ho sempre fatto, ma intanto gioco a project cars, gioco inferiore, ma almeno completo e non frustrante
mrk-cj9424 Gennaio 2017, 22:36 #4
il marchio porsche è esclusiva EA da quel dì..
perfino la serie GT non è ancora riuscito ad ottenerlo..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^