Oculus promuove una nuova causa nei confronti di ZeniMax

Oculus promuove una nuova causa nei confronti di ZeniMax

La società ritiene che il verdetto dello scorso anno sia privo di idonei fondamenti probatori, e che il risarcimento ottenuto da ZeniMax sia sproporzionato.

di Davide Spotti pubblicata il , alle 17:31 nel canale Videogames
Oculus RiftFacebook
 

Oculus ha presentato una mozione per richiedere l’apertura di un nuovo procedimento nei confronti di ZeniMax, in seguito alla disputa legale che si era conclusa lo scorso anno. Come alcuni di voi ricorderanno, molte delle accuse rivolte nei confronti dell’azienda fondata da Palmer Luckey e Brendan Iribe erano state respinte, ma la società era stata comunque condannata a pagare 500 milioni di dollari a ZeniMax per il presunto furto della tecnologia alla base di Oculus Rift.

"Il cuore della causa riguardava il presunto furto di segreti commerciali ai danni di ZeniMax, e la giuria su questo si è espressa a nostro favore", scriveva Oculus all’epoca della sentenza. "Siamo delusi da alcuni aspetti della sentenza di oggi, ma questo non vuole dire che ci fermeremo. I prodotti Oculus sono costruiti con tecnologia Oculus, e il nostro impegno a lungo termine per migliorare i dispositivi di realtà virtuale rimane lo stesso. La squadra continuerà a lavorare al fine di trasformare il modo di interagire e comunicare. Non vediamo l'ora di depositare il nostro appello, ma anche di metterci il contenzioso alle spalle". ZeniMax si era rivolta al tribunale nel 2014, poco dopo l’acquisizione di Oculus VR da parte di Facebook per 2 miliardi di dollari.

Come viene riportato da UploadVR, Oculus ha intenzione di intentare un nuovo giudizio, nella convinzione che il precedente verdetto sia privo degli idonei fondamenti probatori. In secondo luogo ritiene che l’ammontare complessivo del risarcimento ottenuto da ZeniMax sia sproporzionato rispetto alla fattispecie considerata. Se verrà accolto, il nuovo procedimento potrebbe includere accuse di falsa denominazione, violazione di copyright e violazione contrattuale.

Nome immagine

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
jepessen14 Aprile 2017, 18:01 #1
Continuate pure a scannarvi, HTC Vive e Sony VR nel frattempo ringraziano e vanno avanti...
slide196516 Aprile 2017, 23:40 #2
ZeniMax si era rivolta al tribunale nel 2014, poco dopo l’acquisizione di Oculus VR da parte di Facebook per 2 miliardi di dollari.

Ma tu guarda che coincidenza......e ovviamente in tutta questa manovra di palese sabotaggio industriale , il signor Facebook non c'entra nulla vero ?

Dicono che a pensar male a volte ci si prende ....
Uakko17 Aprile 2017, 21:09 #3
"condannata a pagare 500 milioni di dollari a ZeniMax per il presunto furto della tecnologia alla base di Oculus Rift."

Da quando in qua si viene condannati per la presunzione di un reato?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^