Lost, il primo film per Oculus Rift

Lost, il primo film per Oculus Rift

Si chiama Lost, ed è stato prodotto da Story Studio, il nuovo team di produzione interno a Oculus VR che si occuperà della realizzazione di film per la realtà virtuale.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 12:01 nel canale Videogames
Oculus Rift
 

Il cortometraggio di pochi minuti è stato presentato durante il Sundance Film Festival, la rassegna dedicata al cinema indipendente che si svolge ogni gennaio a Park City, nello stato dello Utah.

Lost è il primo cortometraggio dello Story Studio, la nuova unità di produzione cinematografica di Oculus VR rivelata per la prima volta proprio a Park City. Si tratta della prima esperienza cinematografica completa per il noto visore di realtà virtuale, precisamente per l'incarnazione Crescent Bay, la più leggera e la più maneggevole.

Lost

Lo spettatore segue le vicende dalla prospettiva in prima persona: può girare lo sguardo ma non può interagire direttamente con gli eventi che si verificano intorno a lui e non può muoversi. Ci sono i titoli d'inizio, accompagnati dalla musica, esattamente come in un tradizionale film, mentre lo spettatore è immerso in un bosco.

La storia di Lost è molto semplice, mentre lo stile registico ricorda quello del corto L'ombrello blu della Pixar. Sia Lost che L'ombrello blu, infatti, sono diretti dal regista Saschka Unseld. Naturalmente, la principale differenza riguarda il livello di coinvolgimento, molto più profondo nel caso della realtà virtuale.

Lost racconta i tentativi di una mano meccanica di ritrovare il suo proprietario, un robot che vaga per il bosco. Una semplicità che riporta alla memoria lo stile di alcuni vecchi cortometraggi della Pixar, e il loro fascino. In questa fase, Oculus non ha infatti bisogno di realizzare lunghi film di due ore per dimostrare il potenziale della sua tecnologia in termini di immersione e interattività.

Nonostante non ci si possa muovere liberamente, infatti, alcuni eventi della storia dipendono dal comportamento dello spettatore. La mano del robot, ad esempio, non si aprirà se lo spettatore non guarderà in quella direzione, mentre una lucciola si muoverà in modo da spingerlo a guardare in un certo punto.

Lost è ancora un esperimento. È già emotivo e coinvolgente, ma il regista Unseld e Oculus VR si aspettano di raggiungere risultati ancora migliori con i film per Oculus Rift, principalmente per quanto riguarda l'immersività.

Oculus Story Studio pubblicherà, infatti, altre quattro esperienze cinematografiche per la realtà virtuale entro la fine dell'anno. Bullfighter porterà lo spettatore nel cuore di una corrida, mentre Henry sarà una commedia che vedrà un riccio come protagonista. E ci sarà anche il prossimo progetto di Unseld, chiamato Dear Angelica.

Oculus ha utilizzato il Sundance Film Festival per invogliare altri registi a creare le proprie esperienze cinematografiche in realtà virtuale. Insomma, sembra tutto pronto, manca solo una cosa: la versione consumer di Oculus Rift!

Introducing Oculus Story Studio from Story Studio on Vimeo.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ciocia27 Gennaio 2015, 17:32 #1
Attendo l'oculus più di ogni altro gioco. C'e' bisogno di innovazione nel campo videoludico/multimediale, il mercato stagna ( e mi annoia ) oramai da parecchi anni.
al13528 Gennaio 2015, 09:22 #2
Originariamente inviato da: ciocia
Attendo l'oculus più di ogni altro gioco. C'e' bisogno di innovazione nel campo videoludico/multimediale, il mercato stagna ( e mi annoia ) oramai da parecchi anni.


stessa cosa per me... ci fossero giochi belli poi... se ne salvano pochissimi e non è che si puo fare sempre la stessa cosa.
incrociamo le dita
Darkon28 Gennaio 2015, 12:52 #3
Ora non vorrei darvi una delusione ma realisticamente ci vorranno anni prima che Oculus possa anche solo essere utilizzabile a livello consumer.

Anche a voler essere estremamente ottimisti prima di avere giochi interessanti per una piattaforma del genere IMHO prima dei prossimi 5 anni sarà ben difficile.

Francamente il mondo è ormai in preda all'hype per cui ogni volta che viene fuori anche solo un vago prototipo di CPU futuristiche, nuovi device ecc... ecc... la gente inizia a impazzire pur di averle salvo poi che una buona parte non vedrà mai la luce, la restante parte fallisce quasi sempre in pochissimo tempo e solo una percentuale risicatissima riesce a sfondare.

Oculus? Sulla carta è una gran cosa e i prototipi sembrano promettenti ma è ancora a una fase talmente per pochi e sperimentale che farsi prendere dall'hype o parlare di vere e proprie produzioni mi sa tanto di pubblicità creata ad arte per sondare il terreno anche perché questo ipotetico film chi se lo guarda?
qboy29 Gennaio 2015, 15:52 #4
gta + oculus =
Dinofly20 Febbraio 2015, 23:22 #5
Originariamente inviato da: Darkon
Ora non vorrei darvi una delusione ma realisticamente ci vorranno anni prima che Oculus possa anche solo essere utilizzabile a livello consumer.

Anche a voler essere estremamente ottimisti prima di avere giochi interessanti per una piattaforma del genere IMHO prima dei prossimi 5 anni sarà ben difficile.

Francamente il mondo è ormai in preda all'hype per cui ogni volta che viene fuori anche solo un vago prototipo di CPU futuristiche, nuovi device ecc... ecc... la gente inizia a impazzire pur di averle salvo poi che una buona parte non vedrà mai la luce, la restante parte fallisce quasi sempre in pochissimo tempo e solo una percentuale risicatissima riesce a sfondare.

Oculus? Sulla carta è una gran cosa e i prototipi sembrano promettenti ma è ancora a una fase talmente per pochi e sperimentale che farsi prendere dall'hype o parlare di vere e proprie produzioni mi sa tanto di pubblicità creata ad arte per sondare il terreno anche perché questo ipotetico film chi se lo guarda?

Forse nessuno ti ha detto che il "il prototipo sperimentale" è in giro da due anni, e ne hanno già spediti più di 200k.
Ormai ne stanno uscendo come funghi, oculus ha un vatnaggio da first mover non da poco, ma deve uscire il prossimo anno al massimo se non vuole essere bruciato sul tempo.
http://www.businessinsider.com/ocul...4-4?IR=T#!I0Ras

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^