Gruppo pirata di videogiochi annuncia ritiro per misurare l'impatto sulle vendite

Gruppo pirata di videogiochi annuncia ritiro per misurare l'impatto sulle vendite

Il famoso gruppo cinese di pirateria informatica 3DM ha annunciato il suo ritiro dal mondo del cracking dei videogiochi. Per il momento si tratta di un anno sabbatico, ma potrebbe tramutarsi in qualcosa di maggiormente definitivo.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 15:21 nel canale Videogames
 

3DM ha annunciato che non crackerà i videogiochi single player almeno per un anno allo scopo di misurare l'impatto che oggi ha la pirateria sulle vendite internazionali di videogiochi. Dopo un meeting interno tenutosi nei primi giorni del nuovo anno, la leader del gruppo, che si fa chiamare Bird Sister, ha fatto sapere che a partire dal capodanno cinese (8 febbraio) non verranno più rilasciati crack per i giochi single player, e questo varrà almeno per un anno.

3DM è un gruppo diventato famoso soprattutto per i suoi crack a Grand Theft Auto V e Fifa 15, motivo per cui attira mensilmente sui suoi forum milioni di giocatori non disposti a spendere per giocare. Dunque la decisione del team adesso resa pubblica potrebbe avere un impatto notevole su tutta l'industria dei videogiochi.

3DM afferma che riesaminerà la situazione quando ci sarà un volume sufficiente di dati a proposito di quello che è il normale impatto sulle vendite in relazione all'attività di un gruppo di questo tipo. Già a gennaio 3DM aveva espresso le sue preoccupazioni sul futuro della pirateria dei videogiochi in relazione alla continua evoluzione delle tecnologie anti-pirateria.

Ci si riferisce soprattutto al sistema anti-tamper Denuvo sviluppato dalla software house austriaca Denuvo Software Solutions GmbH. Giochi come Fifa 16 e Just Cause 3, che usano proprio questo sistema anti-pirateria, non hanno ancora un crack, sebbene siano usciti ormai da diversi mesi. L'ultimo gioco di prima fascia che è stato crackato in meno di 30 giorni è Dragon Age Inquisition, il cui rilascio risale addirittura al 2014.

Il gruppo cinese è al lavoro da diversi mesi nel tentativo di violare l'ultima versione di Denuvo, ma dopo tanti sforzi ha deciso di gettare la spugna, perlomeno per il 2016. E allo stesso tempo verificare se la sua uscita dall'equazione possa effettivamente corrispondere a una crescita del mercato PC.

Ci si può lamentare, insomma, del fatto che le tecnologie anti-pirateria abbiano ormai raggiunto un livello di sofisticazione così solido senza essere invasive rispetto all'esperienza di gioco dell'utente? 3DM girerebbe la domanda in un altro senso: l'industria dei videogiochi può veramente progredire ancora senza il "supporto" della pirateria?

53 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
x_Master_x08 Febbraio 2016, 15:46 #1
Denuvo sembrerebbe infallibile ma non è così. Magari fosse così almeno le SH non avrebbero più scuse ( la pirateria è la più grossa scusa che tirano fuori quando una specie di conversione da console fatta con i piedi non vende milioni di copie... ) ma non lo è, resiste per il semplice fatto che i tool a 64 bit a disposizione dei reverser non sono all'altezza del compito, in pratica sono in uno stato "embrionale" se paragonati alla controparte a 32 Bit. E' stato così per Starforce, SecuROM etc. tutti sistemi che avrebbero dovuto abbattere definitivamente la pirateria, il ciclo si ripeterà con tempi più lunghi.
Bestio08 Febbraio 2016, 16:30 #2
Oramai la pirateria non conviene più... Perchè sbattersi tanto a scaricare un gioco da p2p, (ed eventuali patch) fare andare i crack, rischiare di beccarsi un virus, rinunciare al gioco online, quando basta aspettare qualche mese per comprare il gioco a pochi €, scaricarlo comodamente da Steam con tutte le patch e giocarci?
Vedo anche col mio gruppo di amici "smanettoni", fino a qualche anno fa piratavano tutti, oramai non pirata quasi più nessuno.

Ovviamente ci saranno sempre quelli che "io non pagherò mai per un giochino" e piratano a prescindere anche giochi da 1€, ma fortunatamente sono sempre meno.
Tipo un'amico che mi chiedeva dove avessi trovato un giochino mobile completo, che lui stava cercando da una settimana senza trovarlo... "semplice l'ho comprato, 0,79 centesimi" e lui ma l'hai comprato? Ma figurati se io spendo soldi per un giochino.!
Cioè una settimana di tempo perso in ricerche non valgono 80 centesimi??
RAMsterdam08 Febbraio 2016, 16:41 #3
Quello che riscontreremo assieme a 3dm sarà soltanto un aumento dei prezzi ai livelli delle console con giusto qualche copia venduta in più
skadex08 Febbraio 2016, 16:51 #4
A me invece interesserebbe analizzare cosa succederebbe nel lungo periodo se tutti i gruppi cracker smettessero e i giochi non fossero più piratabili.
In particolare sarei curioso di vedere l'andamento dei prezzi dei giochi imposti dalle software house.
Timewolf08 Febbraio 2016, 16:53 #5
Originariamente inviato da: skadex
A me invece interesserebbe analizzare cosa succederebbe nel lungo periodo se tutti i gruppi cracker smettessero e i giochi non fossero più piratabili.
In particolare sarei curioso di vedere l'andamento dei prezzi dei giochi imposti dalle software house.


La PS4 e la One sono (ad oggi, a parte alcune cose in brasile) ancora inviolate ed i prezzi sono sempre alti.
X-ray guru08 Febbraio 2016, 16:55 #6
Originariamente inviato da: Timewolf
La PS4 e la One sono (ad oggi, a parte alcune cose in brasile) ancora inviolate ed i prezzi sono sempre alti.


Esatto!
Senza lo spauracchio del crack, cartelli a gogò e prezzi sempre in ascesa.
fraussantin08 Febbraio 2016, 17:07 #7
Se volevano andare in vacanza potevsno dirlo e basta. Se le crack non le.fanno loro le faranno altri. Quindi statisticamente non conta una cippa
fraussantin08 Febbraio 2016, 17:09 #8
Originariamente inviato da: skadex
A me invece interesserebbe analizzare cosa succederebbe nel lungo periodo se tutti i gruppi cracker smettessero e i giochi non fossero più piratabili.
In particolare sarei curioso di vedere l'andamento dei prezzi dei giochi imposti dalle software house.


Se riescono ad elimitare la.pirateria e le key saranno tempi duri con la fine degli sconti a breve.



Ma con tutta la roba che abbiamo arretrata gli scaffali si riempirebbero.
Thalon08 Febbraio 2016, 17:25 #9
Ma poi chi mi dice che singoli membri del gruppo dotati delle necessarie conoscenze e di mezzi per crackare i giochi non decidano di costituire una crew con un nome diverso e continuare a fare quello che faceva prima sotto il nome di 3DM?
floc08 Febbraio 2016, 17:50 #10
loro si mettono in pausa, nessuno sviluppa piu' denuvo perche' non necessario, denuvo muore, loro tornano si riprendono la scena quando nel frattempo i tool anti denuvo sono maturati senza dover fare la corsa contro i loro dev.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^