Google deve rimborsare 19 milioni di dollari per gli acquisti in-app dei bambini

Google deve rimborsare 19 milioni di dollari per gli acquisti in-app dei bambini

Secondo la Federal Trade Commission, Google rende troppo facile fare degli acquisti in-app.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 10:01 nel canale Videogames
Google
 

La Ftc ha annunciato di aver raggiunto un accordo con Google a proposito della vertenza sugli acquisti in-app fatti dai bambini senza l'autorizzazione dei genitori. Google era sotto indagine fin dal 2011, quando ha iniziato a rendere possibili gli acquisti all'interno delle app che si trovano sull'Android Market. Secondo la Ftc, gli acquiti in-app sarebbero eccessivamente agevolati dalla struttura del market e delle app stesse.

Google Play

"Per milioni di famiglie americane smartphone e tablet sono parte integrante delle loro famiglie", dice Edith Ramirez, presidente della Ftc. "Vista la costante diffusione dei dispositivi mobile, è doveroso ricordare alle aziende che le misure di protezione nei confronti delle famiglie restano applicabili. I genitori non dovrebbero pagare per acquisti che non hanno autorizzato".

La commissione, inoltre, intima a Google di modificare le sue pratiche di fatturazione, in modo che gli acquirenti vengano opportunamente informati prima di dare il via a qualsiasi tipo di pagamento legato agli acquisti in-app. Inoltre, devono poter ritirare il loro consenso in qualsiasi momento.

"Siamo felici di metterci alle spalle questa faccenda, in modo da poterci ancora concentrare sulla crescita dei nostri servizi", ha detto un portavoce di Google, che ha anche rimarcato come la compagnia di Mountain View si sia già adeguata alle nuove direttive della Ftc.

Già a luglio Google aveva ricevuto una sanzione dell'Unione Europea, che ha imposto di rimuovere la dicitura "gratuito" per quelle app che presentano al loro interno degli acquisti da fare separatamente.

La Ftc, infine, aveva preso a gennaio una decisione similare nei confronti di Apple, la quale ha dovuto rimborsare 32,5 milioni di dollari ai genitori i cui figli avevano fatto acquisti in-app senza autorizzazione. Anche Amazon è sotto indagine, ma fino a oggi non ha raggiunto un accordo con la Ftc perché sostiene di avere applicato delle adeguate politiche per prevenire questo fenomeno sin dal lancio dei suoi servizi digitali.

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7708 Settembre 2014, 10:37 #1
Da una parte è giusto che l'acquisto non sia eccessivamente agevolato per evitare "incidenti".
Dall'altra però è pure un po' colpa di chi mette in mano il tasblet/smartphone ai bimbi.

Voglio dire, quando fai un acquisto ti viene richiesta una password.
No password no shopping.
Hulk910308 Settembre 2014, 10:47 #2
Originariamente inviato da: demon77
Da una parte è giusto che l'acquisto non sia eccessivamente agevolato per evitare "incidenti".
Dall'altra però è pure un po' colpa di chi mette in mano il tasblet/smartphone ai bimbi.

Voglio dire, quando fai un acquisto ti viene richiesta una password.
No password no shopping.


Ma infatti dovrebbe essere un dovere del genitore accertarsi che il proprio figlio non faccia cose "sbagliate", evidentemente vengono messi davanti ad un giochino basta che non rompono le pelotas...

Esistono miliardi di Parental Control ma capisco anche che l'ignoranza della vecchia generazione è grande in questo settore e nolente o volente è trasmessa pure alle nuove generazioni.

Vorrei proprio vedere se i genitori dessero una carta di credito ad un figlio che gli acquista migliaia di euro di oggetti per vedere se poi il negoziante o la banca emettono rimborso....
Epoc_MDM08 Settembre 2014, 10:57 #3
Certo che se i genitori disabilitano il password check per ogni acquisto e poi danno il device ai figli, la colpa di chi è?
deggial08 Settembre 2014, 11:10 #4
Concordo con chi dice che è colpa dei genitori... i modi per proteggersi dagli acquisti c'è (ovvero password dell'account).

Comunque, 19 milioni di $ probabilmente Google li sta fatturando nel tempo che io ci metto a scrivere questo messaggio, quindi anche per farsi buona pubblicità, li rimborserà senza troppi problemi.
hrossi08 Settembre 2014, 12:38 #5
E' un po' assurdo però, sarebbe come multare tutte le banche perchè i genitori lasciano le carte di credito in un luogo accessibile ai figli che quindi possono usarle, diciamo sul pc di casa, senza autorizzazione.
Colpa delle banche? Dei siti di e-commerce? Del fornitore della linea dati?

Hermes
Bivvoz08 Settembre 2014, 13:22 #6
Il tablet che usa mio figlio non solo ha la password per gli acquisti in app, ma ha anche il wifi spento e c'è la password per attivarlo.

Il problema non è solo i soldi che potrebbero spendere, il problema più grosso sono i contenuti a cui potrebbero aver accesso.
FA.Picard08 Settembre 2014, 15:13 #7
solo io metto in modalità aereo il tablet prima di darlo a mio figlio?
ziozetti08 Settembre 2014, 15:31 #8
Originariamente inviato da: FA.Picard
solo io metto in modalità aereo il tablet prima di darlo a mio figlio?

Temo che sia un espediente poco sicuro a meno di figli particolarmente come la mia grande.
Bivvoz08 Settembre 2014, 16:40 #9
Originariamente inviato da: ziozetti
Temo che sia un espediente poco sicuro a meno di figli particolarmente come la mia grande.


Ci sono app che bloccano l'attivazione del wifi con password.
Il kindle ha il controllo genitori integrato, permette di mettere una password e scegliere cosa bloccare (browser, installazione di app, attivazione wifi, ecc.)
ziozetti08 Settembre 2014, 17:01 #10
Originariamente inviato da: Bivvoz
Ci sono app che bloccano l'attivazione del wifi con password.
Il kindle ha il controllo genitori integrato, permette di mettere una password e scegliere cosa bloccare (browser, installazione di app, attivazione wifi, ecc.)

Io sono più per le soluzioni analogiche: spezzo le ditine!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^