Genitori vs Figli: le due regole definitive sull'uso di Videogame e Social

Genitori vs Figli: le due regole definitive sull'uso di Videogame e Social

Segnaliamo un interessante canale per tutti coloro che vogliono approfondire il tema Videogiochi e Psicologia.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 15:31 nel canale Videogames
 

Mauro Lucchetta nasce come videogiocatore, vincendo nel 1998 e nel 2000 i campionati italiani di Gran Turismo. Nel 2005, poi, la sua tesi di Laurea ha riguardato la realtà virtuale e, successivamente, per 3 anni ha lavorato in Disney nella divisione Mobile e poi Gaming. Dal 2010 svolge l' attività di Psicologo formando le persone sull'utilizzo delle tecnologie e sulla preparazione mentale nello sport. Nel 2014-15 ha collaborato con una multigaming per la preparazione mentale dei player che sono poi andati a giocare ai mondiali al COD World Championship.

A tutti coloro che sono interessati al tema Videogiochi e Psicologia consigliamo il suo canale YouTube, che si chiama Psicologia FLY e che si concentra nello specifico sulla preparazione mentale nello sport e nel gaming. Il video che riportiamo in questa pagina è un ottimo modo per iniziare ad approcciarsi alle idee di Lucchetta, perché tratta un tema spinoso: genitori-figli-videogames. Nel video lo psicologo fornisce due efficaci metafore per il buon uso di Videogame e Social.

Lucchetta continuerà a pubblicare altri video sul tema del progaming con psico-interviste ai player, ai caster, etc. I primi contenuti sull'argomento si trovano nella playlist "PerFormare con il Gaming".

Abbiamo già affrontato il tema Videogiochi e Psicologia anche con l'Ordine degli Psicologi.

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bromden23 Dicembre 2015, 20:42 #1
Sostanzialmente, secondo Lucchetta;
-Ai genitori: aggiornatevi
-Ai giovani pippar...ehm virgulti: moderatevi in qualche modo
Mah, più facile a dirsi che a farsi, no?
Therinai24 Dicembre 2015, 00:30 #2
preparazione mentale dei player che sono poi andati a giocare ai mondiali al COD World Championship.

Gli piace vincere facile a questo. Perché non prova a "preparare" uno che fa pvp in Dark Souls?
Max_R24 Dicembre 2015, 00:38 #3
Quando sarò padre, mio figlio o i miei figli saranno obbligati a giocare ai giochi che dico io e finchè non scopriranno da loro i proxy qualsiasi servizio social sarà loro irraggiungibile, poi architetterò altro per bloccarli
homero24 Dicembre 2015, 00:49 #4
Concordo pienamente sul bloccare i social ai minori... Sono diventati troppo pericolosi e del tutto incontrollabili
homero24 Dicembre 2015, 00:49 #5
Concordo pienamente sul bloccare i social ai minori... Sono diventati troppo pericolosi e del tutto incontrollabili
stucci7924 Dicembre 2015, 12:00 #6
ahahahaha siete simpatici.

credete che i vostri figli a 16/17 anni si faranno bloccare da voi ?
poveri illusi.

esistono smartphone/accessi wifi free ecc. ecc.

Il sistema, come sempre non è VIETARE, ne otterrete il risultato contrario. Penso che sia corretto invece affiancare, insegnare, educare al corretto uso. Con pazienza e comprensione, seguire i propri figli day by day.

e comunque quando avrete figli ne riparleremo
Io la penso così
Max_R24 Dicembre 2015, 12:11 #7
Originariamente inviato da: stucci79
ahahahaha siete simpatici.

credete che i vostri figli a 16/17 anni si faranno bloccare da voi ?
poveri illusi.

esistono smartphone/accessi wifi free ecc. ecc.

Il sistema, come sempre non è VIETARE, ne otterrete il risultato contrario. Penso che sia corretto invece affiancare, insegnare, educare al corretto uso. Con pazienza e comprensione, seguire i propri figli day by day.

e comunque quando avrete figli ne riparleremo
Io la penso così


Sarei d'accordo non fosse che i genitori di mia morosa non le hanno mai vietato nulla e porcospino ora è veramente eccessiva Quindi nell'ironia intendevo dire che cercherò di tenerli semplicemente ignari dell'esistenza di simili finquanto possibile e poi si vedrà. Certo l'educazione verrà iniziata prima, a modo, ma rimanderò il più possibile la prova sul campo.
Lateo24 Dicembre 2015, 12:22 #8
@ Stucci79: condivido in pieno...
LukeIlBello25 Dicembre 2015, 01:29 #9
Originariamente inviato da: Max_R
Quando sarò padre, mio figlio o i miei figli saranno obbligati a giocare ai giochi che dico io e finchè non scopriranno da loro i proxy qualsiasi servizio social sarà loro irraggiungibile, poi architetterò altro per bloccarli


quoto
per quanto riguarda il pericolo navigazione da telefono, problema risolto:
si naviga solo da casa... d'altronde non mi pare che giriamo colla tv portatile o con la play4 (xbox) sul telefono...
ergo certi passatempi possono tranquillamente essere svolti dal pc domestico.. tipo appunto i social...
Eress25 Dicembre 2015, 17:33 #10
Lucchetta ha detto delle banalità, cose che chiunque potrebbe dire, accontentando tutti e nessuno. I social sono già una calamità di per se stessi e lo sono anche per gli adulti, figuriamoci per i ragazzi. Come videogiocare molte ore al giorno.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^