Stermy: il pro-gamer più famoso d'Italia

Stermy: il pro-gamer più famoso d'Italia

Alessandro Avallone, meglio conosciuto come Stermy, è uno dei giocatori professionisti più apprezzati. Dopo aver conseguito diversi premi di caratura internazionale, è ormai in grado di sostenersi finanziariamente solo grazie al gaming. Conosciamolo insieme.

di Rosario Grasso, Alessandro Oteri pubblicato il nel canale Videogames
 

Chi è Stermy

Proseguiamo la nostra rassegna dei pro-gamer, dopo l’intervista a Lonewolf92, con Alessandro Avallone, meglio conosciuto come Stermy. Amato dalle donne, fortissimo con i videogiochi, ricchissimo o quasi, Stermy è ormai considerato ovunque come uno dei migliori videogiochi professionisti del mondo.

Stermy

Alessandro ha iniziato la sua carriera di giocatore nel 2001 quando ha deciso di partecipare ai World Cyber Games, nello specifico al torneo di Quake III Arena. Riesce a qualificarsi l’anno successivo per le finali in Corea del Sud, a soli 15 anni. Alessandro è stato uno dei giocatori più giovani in assoluto a ottenere una qualificazione così importante.

Nel 2003 Stermy era ormai uno dei giocatori professionisti di Quake III Arena più acclamati del mondo, nel momento in cui lo shooter id Software era considerato come un punto di riferimento inamovibile per quel genere.

Una volta esaurito il filone di Quake, Stermy decide di passare a Painkiller, un altro divertentissimo shooter, sviluppato stavolta da People Can Fly. Nel 2004 si piazza al secondo posto alla Electronic Sports World Cup in Francia, il che lo consacra come uno dei migliori giocatori di Painkiller in assoluto.

Stermy

Ma è il CPL World Tour del 2005 che lo rende definitivamente una star internazionale, quando ottiene il terzo posto nell’evento finale del campionato. Per questo piazzamento riceve un premio di 70 mila dollari, ovvero uno dei premi più consistenti di sempre per un pro-gamer fino a quel momento, e gli dà visibilità internazionale.

Stermy nel 2006 partecipa anche al circuito World Series of Video Games, e nel 2006 si piazza al primo posto nell’evento inaugurale della serie, a Louisville, Kentucky. Stavolta, si gioca a Quake 4. Ma non si ferma lì, visto che riesce a ottenere anche la qualificazione alle finali dei due successivi eventi WSVG.

Ma l’abilità di Stermy non si ferma agli sparatutto in prima persona, visto che è un giocatore abilissimo anche con i titoli sportivi, oltre che con gli strategici come Starcraft II. È infatti lui il primo giocatore professionista a competere in Fifa alle Championship Gaming Series (CGS), gareggiando con il team San Francisco Optx per due stagioni. Come capitano della squadra, Stermy conduce il team a un ragguardevole secondo posto nelle finali mondiali CGS del 2008, vincendo ben 150 mila dollari.

Stermy

Dal 2009 a oggi Stermy si è specializzato prevalentemente in Quake Live, piazzandosi nei primi tre posti al relativo torneo del QuakeCon negli anni dal 2009 al 2011, e vincendo i Dreamhack Summer e Winter nel 2011 con il suo team.

Stermy oggiha 27 anni e vive in un piccolo paesino vicino Genova, Andora. È un atleta di talento e ha addirittura pensato di diventare un calciatore professionista prima di scegliere definitivamente la strada del gaming. Ecco cosa ha da dirci.

 
^