Lego Batman 2: un altro 'mattoncino' apposto da Traveller's Tales

Lego Batman 2: un altro 'mattoncino' apposto da Traveller's Tales

Traveller’s Tales sforna l’ennesimo titolo ispirato al brand LEGO e i numeri continuano a dare ragione al team britannico. In questa seconda avventura dedicata al Cavaliere Oscuro si incontrano gli antagonisti di sempre e nuovi nemici, ma anche inediti alleati. Il gameplay permane invariato, ad eccezione di alcuni piccoli accorgimenti volti a rinnovare l’esperienza di gioco, mentre i dialoghi nelle cut-scene definiscono una trama più compiuta rispetto al passato.

di Davide Spotti pubblicato il nel canale Videogames
 

Una questione di mattoncini

Ve l’avevamo già anticipato nei mesi conclusivi dello scorso anno e, puntualmente, Traveller’s Tales ha mantenuto i suoi programmi. Si discute molto di questi tempi in merito all’innovazione e all’eccessivo “protrarsi” dei franchise, nel tentativo - spesso non particolarmente mascherato - di ottenere il miglior risultato possibile sul piano economico, con il minor investimento.

Anche per quanto riguarda la serie firmata LEGO i capitoli si sprecano, ma l’occasione di spaziare tra universi anche molto differenti tra loro (da Batman a Indiana Jones, passando per Jack Sparrow e Harry Potter, senza dimenticare Star Wars) e il continuativo supporto da parte dei fan, non può che rinfrancare le motivazioni di Warner e indurre alla produzione di nuovi episodi, a cadenze regolari.

E’ innegabile che i numeri parlino chiaro. Basti considerare che LEGO Batman 2, nella sua prima settimana di presenza sugli scaffali, è riuscito a raggiungere la vetta della classifica britannica e ad assicurarsi la leadership per l’intero mese di giugno sul mercato americano, battendo la concorrenza di Ghost Recon: Future Soldier, Diablo 3 e Max Payne 3. Insomma un marchio che esprime una garanzia, al punto tale che di recente Lucas Licensing ha deciso di rinnovare il proprio accordo con LEGO per altri dieci anni, permettendo non solo di valorizzare il versante dei giocattoli ma anche quello legato alla produzione di nuovi e futuri videogame.

Alla luce di queste analisi, e tenendo presente che LEGO Batman: The Videogame è riuscito a vendere ben 11 milioni di copie in tutto il mondo, è più che normale che Warner e Traveller’s Tales abbiano optato per una riproposizione, introducendo qualche novità di sostanza, senza rinnegare la sempreverde visione che ha reso così azzeccato questo brand.

Ecco allora l’ennesimo capitolo del franchise griffato LEGO, che ci riconduce nell’universo di Batman, sempre di scena a Gotham City e alle prese con la consueta follia senza freni del Joker, ma non solo.

 
^