PlayStation Vita alla prova del laboratorio

PlayStation Vita alla prova del laboratorio

Dopo alcuni test di laboratorio, siamo in grado di esprimere un giudizio definitivo sulla nuova console portatile di Sony. Destinata ai giocatori hardcore, può fare breccia in un mercato sempre più complesso e che riguarda ormai esigenze videoludiche così distanti tra loro?

di Andrea Bai, Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
SonyPlaystation
 

Hardcore gameplay

Oltre alle due levette analogiche, l'esperienza di gioco hardcore è permessa anche dai classici comandi di gioco PlayStation, che includono i tasti direzionali, i tasti di azione, il tasto L e il tasto R. Sulla parte superiore del dispositivo ci sono anche i pulsanti dorsali. Una menzione merita anche la croce direzionale, che si rivela estremamente precisa e adeguata al gioco hardcore soprattutto con i picchiaduro. Gli sviluppatori di Ultimate Marvel vs Capcom 3 e di Street Fighter X Tekken sicuramente ringrazieranno Sony per questo.

Gli speaker di PS Vita si trovano subito a lato dei due stick analogici, in una posizione che impedisce di coprirli con le mani e che quindi consente di continuare a usare in maniera ottimale il sistema e di avere l'esperienza sonora migliore. Chiaramente la console verrà usata spesso in ambienti affollati, per cui è preferibile l'utilizzo degli auricolari.

Sulla parte superiore troviamo anche il tasto di accensione, il controllo del volume, lo slot per le schede di memoria e quello multi-accessorio per possibili aggiunte che Sony potrebbe inserire sul mercato successivamente. Mentre nella parte inferiore abbiamo lo slot USB per la ricarica o il collegamento ad altri dispositivi come PS3 e PC, oltre che il jack per il microfono. Quest'ultimo viene impiegato da una delle applicazioni pre-installate, Party, ovvero l'applicazione della chat funzionante anche fra giochi diversi.

PS Vita è dotata anche di fotocamera anteriore e posteriore, che permetteranno agli sviluppatori di ideare delle nuove soluzioni di realtà aumentata. Tra i giochi di lancio Table Football e lo stesso Wipeout 2048 fanno uso delle fotocamere. Il secondo, ad esempio, scatta una foto del giocatore che poi viene usata come avatar durante le corse vere e proprie.

PS Vita, nella versione dotata di modulo 3G, permette poi di restare costantemente connessi. Si possono condividere e confrontare in ogni momento i Trofei conquistati, restare aggiornati sullo stato di gioco degli amici tramite "LiveArea" e competere con qualsiasi tipo di giocatore grazie al servizio di rete PlayStation Network. Psn permette anche di connettersi e giocare contro utenti PS3 attraverso la funzionalità di gioco remoto multipiattaforma.

Near, inoltre, è una sorta di evoluzione di Foursquare: segnala al giocatore gli utenti che nel raggio di 4 chilometri stanno usando PlayStation Vita. Si possono quindi condividere oggetti di gioco e scoprire nuove sfide, oltre che lanciare sessioni di gioco multiplayer gestite tramite la connessione Bluetooth.

Un'altra funzione gradita dai cosiddetti giocatori hardcore è poi il cosiddetto Remote Play, già implementato nella precedente versione di PSP. Su PS Vita è, infatti, possibile giocare con i titoli per PlayStation 3 attraverso la funzione Vita Remote Play. Questa feature, infatti, come già succede con PSP di attuale generazione, consente di giocare i titoli PS3 sull'handheld o di accedere ad altri contenuti memorizzati sulla console domestica, oppure di navigare sulla Xross Media Bar della console domestica. Funziona su rete WiFi e anche su rete 3G, ma ovviamente per avere il minore lag possibile nello streaming delle immagini elaborate da PS3 occorre disporre di una connessione a internet valida. L'esperienza di gioco, dunque, nel caso della connettività 3G, può risultare poco fluida.

L'interfaccia di PS Vita consente di impostare alcuni parametri relativamente al Remote Play. Ad esempio, è possibile stabilire la qualità delle immagini, rendendole meno fedeli nel caso non si disponga di una connessione a internet reattiva al punto giusto. Si può cambiare, inoltre, la configurazione dei pulsanti, stabilendo le corrispondenze tra i pulsanti del gioco originale per PS3 e i pulsanti disponibili su PS Vita, scegliendo fra tre tipi di corrispondenze pre-impostate.

 
^