Recensione Mass Effect 3: l'ultima parola su uno dei giochi più attesi

Recensione Mass Effect 3: l'ultima parola su uno dei giochi più attesi

Dopo diverse ore di arduo "lavoro" ecco il nostro responso su quello che è uno dei giochi più attesi di questa stagione videoludica. All'interno trovate anche videoarticolo e gallery di screenshot catturati dalla versione PC di Mass Effect 3.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Gioco di ruolo?

Con Mass Effect, BioWare non vuole che i giocatori dedichino molto tempo all'aspetto numerico dell'esperienza ruolistica: insomma, non devono controllare pedissequamente se un'arma garantisce la sottrazione qualche punto di energie vitali in più all'interno di un complicato inventario. Con il secondo capitolo, di fatto, si è verificato uno spostamento da gioco di ruolo a sparatutto, che poi BioWare, supportata dalla fanbase di Mass Effect, ha confermato. Se si pensa ai confronti tra le caratteristiche di ciascun oggetto e alla possibilità di personalizzazione del personaggio, la base ruolistica di Mass Effect risulta carente, ma se si guarda al gioco dalla prospettiva di acquisizione del ruolo e alla capacità di modificare la storia allora Mass Effect è uno dei migliori giochi di ruolo in assoluto.

In un processo di ulteriore semplificazione BioWare ha inserito la modalità "Storia", che semplificherà ulteriormente i combattimenti e la componente di evoluzione e personalizzazione del personaggio. Questa modalità è pensata per coloro che si aspettano un livello di sfida contenuto e che preferiscono apprezzare soprattutto le sequenze cinematografiche. C'è poi la modalità "Azione" con rinnovato focus sui combattimenti, ma ovviamente non manca "Gioco di ruolo" per avere la classica struttura di Mass Effect. In realtà le tre diciture sottendono quelli che possono essere individuati come tre livelli di difficoltà differenti.

L'unica possibilità di personalizzazione del personaggio a livello numerico e di attributi (escludo al momento quindi la personalizzazione dell'aspetto di Shepard, già vista prima) riguarda la possibilità di incanalare punti negli alberi di abilità nel momento in cui si acquisisce un nuovo livello di esperienza. Infatti, quando si guadagnano punti esperienza da incanalare nei rispettivi alberi di abilità e si arriva al livello 4 per ogni abilità, il giocatore può decidere in quale tra due rami specializzarsi. Ad esempio può propendere per una magia più efficace nel raggio d'azione piuttosto che ottenere tempi di ricarica più rapidi.

Si nota un aumento di velocità nei combattimenti rispetto al capitolo precedente (circa il 10/15%), che si traduce principalmente in maggiore spettacolarità e fluidità delle immagini, piuttosto che in rinnovata difficoltà.

Shepard può adesso buttarsi a destra o a sinistra nell'obiettivo di schivare i proiettili e le abilità del nemico, può sporgersi oltre le coperture e sparare al di là di esse senza esporre parti del corpo. È stata rimossa, inoltre, la barra della fatica quando si corre, rendendo concitato questo movimento come lo è in un Gears of War. Ci sono novità anche nel sistema di combattimento corpo a corpo, con nuove animazioni e nuovi attacchi per ciascun personaggio che evidenziano l'efferatezza di questi attacchi.

C'è anche un miglioramento dell'intelligenza artificiale, visto che i nemici adesso sfruttano funzioni diverse e si coordinano con maggiore efficacia tra di loro. Riescono a individuare le parti della mappa in cui conviene concentrare gli attacchi e sanno difendersi a vicenda. Sono più furbi a sfruttare i momenti di difficoltà del giocatore o dei giocatori nel caso del co-op. Nemici con caratteristiche complementari, inoltre, procedono insieme: per esempio gli Husk, che riescono a demolire le coperture, vanno in giro coadiuvati da soldati in grado di garantire notevole fuoco di soppressione.

Per ogni tipo di avversario diverso bisogna individuare la strategia più efficace e muoversi di conseguenza sul campo di battaglia. Ci sono avversari molto forti dal punto di vista degli scudi, mentre altri hanno molte energie vitali e scudi deboli, alcuni possono essere vulnerabili a un tipo di attacco, altri ad un altro. Avversari come le Banshee, i Bruti, i Phantom, i Predatori sono molto ostici da sconfiggere, e bisogna sfruttare la squadra al meglio. Nell'ultima missione capita di dover affrontare anche diversi avversari forti insieme fino a due Banshee e cinque Bruti: insomma, preparatevi al meglio per l'ultima battaglia!

Quanto alle armi, adesso qualsiasi classe può usare qualsiasi tipo di arma. C'è però un limite al numero di armi trasportabili contemporaneamente per ogni classe ad eccezione del Soldato.

 
^