Videogiochi: cosa aspettarsi dal 2012 - Seconda parte

Videogiochi: cosa aspettarsi dal 2012 - Seconda parte

Continuiamo il nostro percorso fra i titoli più attesi del 2012 con questa seconda e ultima parte. Analizziamo, tra gli altri, Aliens Colonial Marines, Grand Theft Auto V, The Last Guardian, Max Payne 3, Guild Wars 2 e Tomb Raider.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Grand Theft Auto
 

Aliens Colonial Marines (PC, PS3, 360, Wii U)

Duke Nukem Forever, Brothers in Arms Furious 4, Borderlands 2 e questo Aliens Colonial Marines. Insomma, il team di Randy Pitchford, Gearbox Software, si sta dando molto da fare nell'ultimo periodo, anche se non tutti questi progetti sono di qualità cristallina. Quasi sicuramente lo sarà Aliens Colonial Marines, che ha destato le attenzioni della critica del settore allo scorso E3. Insieme all'antefatto di Alien, Prometheus, che uscirà al cinema nell'estate, Aliens Colonial Marines è teoricamente in grado di riportare alla ribalta uno dei brand più amati da chi predilige le opere di intrattenimento incentrate sulla tensione.

Aliens Colonial Marines è ambientato 11 mesi dopo i fatti di Alien 3, ma somiglia a un seguito di Aliens per le ambientazioni e i personaggi. Gearbox Software ha lavorato molto in sede di ricerca per costruire un motore grafico che trasmetta il feeling dell'universo Alien con le sue luci e le sue ombre.

È un gioco molto immersivo in cui si condivide l'esperienza di terrore con gli altri personaggi della squadra d'assalto, piuttosto che viverla da soli come negli altri giochi ispirati dalla licenza Alien. Gli scenari sono molto dettagliati e i soldati gestiti dall'IA gestiscono in maniera adeguata con loro, anche perché spesso il loro comportamento è scriptato. Tornano alcuni elementi classici della serie come i puntini rossi sull'HUD dell'arma che segnalano gli alieni, accompagnati dall'inconfondibile bip.

Gearbox Software intende ricreare un'atmosfera cinematografica di enorme tensione con interessanti giochi di luci nel passaggio tra gli scenari aperti e quelli chiusi. Il multiplayer co-op è regolato da un sistema di tipo drop in drop out, che consente a qualsiasi giocatore di entrare nella partita di un altro giocatore, rilevando immediatamente tutti i progressi fatti dal secondo.

Aliens Colonial Marines arriverà sui formati tradizionali, ma è in sviluppo anche la versione Wii U del gioco. Gearbox Software si dice molto felice di lavorare su questa piattaforma, che consentirà di avere nuove opportunità di interfacciamento.

 
^