Videogiochi: cosa aspettarsi dal 2012 - Prima parte

Videogiochi: cosa aspettarsi dal 2012 - Prima parte

I titoli più importanti dell'anno appena entrato. Le caratteristiche, i dettagli tecnici e le aspettative sui 32 videogiochi più promettenti tra quelli che saranno rilasciati nel 2012. Si parla, tra gli altri, di BioShock Infinite, Diablo III, Hitman Absolution, Syndicate, Mass Effect 3, Prey 2, Risen 2, Halo 4.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
Diablo
 

Syndicate (PC, PS3, 360)

Il nuovo Syndicate è una re-immaginazione del gioco originale. Se quest'ultimo era un gioco di strategia con visuale isometrica in cui i giocatori dovevano gestire un team di soldati con caratteristiche cyborg, adesso Syndicate diventa uno sparatutto in prima persona contestualizzato in uno scenario coinvolgente.

Ci troviamo nel 2069, quando il mondo sviluppato è diviso in regioni controllate da megacorporazioni conosciute come Syndicate. Queste megacorporazioni hanno rivoluzionato il modo con cui i clienti interagiscono con il mondo digitale: non è più richiesto un dispositivo per accedere a questo tipo di contenuti, ma ciò è diventato possibile grazie a un chip neurale. Grazie al chip i clienti possono usufruire dei servizi medici, bancari, assicurativi, educativi e di svago. Le megarcorporazioni così acquisiscono controllo completo sui loro clienti e sui loro comportamenti. A causa dello scarso controllo politico, tutto questo si trasforma in un mondo senza regole dove la guerra è business.

Alla base della strategia dei Syndicate ci sono gli Agenti, operatori di sicurezza bio-ingegnerizzati e con capacità migliorate tramite chip. Loro sono superiori a tutti gli altri e possono controllare i nemici, le armi e gli ambienti che li circondano, il che li rende le più pericolose e mortali armi tecnologiche del mondo.

Starbreeze si è preoccupata principalmente di ricreare in maniera affascinante l'atmosfera fantascientica, caratterizzandola con una palette cromatica che ricordi il gioco originale. Il giocatore avrà a che fare con una serie di tecnologie come localizzazione satellitare, GPS, geocaching. Si potrà vedere attraverso i muri e violare il mondo digitale e i nemici con una serie di meccaniche di hacking potenziabili.

La modalità più interessante dello shooter di Starbreeze, e che maggiormente lo avvicina al gioco originale, è il co-op per quattro giocatori. Se si gioca in questa modalità vengono modificati alcuni equilibri di gioco, visto che il tutto si adatterà alla presenza di diversi agenti con caratteristiche peculiari, introducendo nuovi puzzle e spunti per il combattimento.

Sarà possibile scegliere tra diverse classi, ognuna caratterizzata da armi ed equipaggiamento differenti, ma soprattutto da poteri di breach che cambiano contestualmente alla situazione e al tipo di nemico. Alcuni dei nemici sono, ad esempio, in grado di ripristinare lo scudo protettivo di cui sono dotati: solamente se i quattro giocatori li attaccano contemporaneamente con il potere di breach si potranno abbattere definitivamente.

 
^