Speciale videogiochi indipendenti

Speciale videogiochi indipendenti

Con questo piccolo speciale, Gamemag vi presenta una serie di titoli esclusivamente di origine indie, tra i quali potrete trovare giochi già usciti e pronti per essere giocati e altri ancora in corso di sviluppo sui quali vi consigliamo di mantenere un occhio di attenzione.

di Jonathan Russo pubblicato il nel canale Videogames
 

Frozen Synapse

Mode 7 Games. Già rilasciato

Frozen Synapse è un perfetto connubio di minimalismo e profondità di gioco. A un primo impatto la grafica scarna ed essenziale, con poche linee colorate a delineare le schermate di gioco, può lasciare molto perplessi. Negli anni dei super effetti grafici, delle texture iper dettagliate e delle schede video da fantascienza, una visuale 2d con qualche parete azzurrina e omini stilizzati privi di animazione possono sembrare una condanna inevitabile all’insuccesso. Ma la grafica spartana di Frozen Synapse nasconde un gameplay particolarmente articolato e una curva d’apprendimento che richiederà molta pazienza e sforzi.

Il titolo di Mode 7 Games è essenzialmente uno strategico a turni in cui i giocatori controllano delle squadre di soldati, muovendoli su mappe caratterizzate sostanzialmente da pareti (che fungono da copertura) in una guerra all’ultimo sangue. Se avete giocato Jagged Alliance, Laser Squad, Fallout Tactics o se avete in mente la parte di combattimento dei primi titoli X-Com, avrete già un’idea generale di cosa aspettarvi da Frozen Synapse. La particolarità, in questo caso, è che pur non contando sull’aspetto grafico, Fp punta invece sullo spessore e sulla tattica in senso stretto: a ogni omino della nostra squadra dovremo dare ordini scegliendo da una serie di pannelli.

Frozen Synapse

Dovremo indicare al nostro soldatino che percorso seguire, impostando waypoint possibilmente da una copertura all’altra; dovremo dire al nostro soldato se aprire il fuoco al primo segno di un nemico, o se mantenersi più concentrato sul movimento (c’è una bella differenza, perché nel primo caso il nostro uomo si muoverà più lentamente e sarà più suscettibile a imboscate). Dovremo stabilire l’orientamento dei nostri soldati, dando a ciascuno una zona da sorvegliare, e persino stabilire i tempi di reazione di ciascun uomo per fare in modo che si crei un concatenamento temporale tra le varie azioni. Dovremo anche, ovviamente, mantenere il controllo strategico della mappa perché le coperture sono fondamentali, cercando non solo di non farci circondare o sorprendere, ma anche di non subire un attacco brutale con armi pesanti (un colpo di lanciamissili è in grado di abbattere un muro intero, insieme a chiunque si nascondesse alle sue spalle).

Frozen Synapse

Le possibilità strategiche offerte da Frozen Synapse sono tante e possono in qualche modo rappresentare un mix tra giochi come Jagged Alliance e Rainbow Six; ovviamente lo stile minimale presuppone che chi si avvicina a questo titolo lo faccia proprio per l’interesse alla profondità del sistema di combattimento, e non tanto per i fronzoli accessori di cui Frozen Synpapse è del tutto privo. Ovviamente l’aspetto principale del gioco è quello multiplayer, solido e ben curato, con varie modalità di gioco.

E’ comunque presente anche una modalità single player costituita da un tutorial (assolutamente fondamentale!) e da una modalità campagna, entrambi piacevoli sia per il buon livello dell’intelligenza artificiale, sia per il tono non troppo serioso che si respira in tutto il gioco, in diretto contrasto con l’ansia che le partite multiplayer riescono a mettere al giocatore, quando da un angolo sbuca un soldato nemico e il nostro omino è girato dalla parte sbagliata…

 
^