de Blob 2: l'invasione dei colori sulle console HD

de Blob 2: l'invasione dei colori sulle console HD

De Blob 2 è il seguito di un accattivante e colorato platform uscito su Wii. Il team Blue Tongue, questa volta, fiducioso e consapevole della bontà del proprio lavoro, ha deciso di esportare le avventure del gommoso Blob, anche sulle console in HD. Il risultato? Un piacevole platform, in grado di conquistare i giocatori più giovani, ma capace anche di rappresentare un buon diversivo per l’utenza adulta.

di Stefano Carnevali pubblicato il nel canale Videogames
 

Gameplay: Coloriamo il mondo!

Lo scopo di Blob sarà quello di ricolorare l’arcipelago tropicale ingrigito dal Compagno Nero e la sua perfida Inkt Corporation. Il cuore dell’avventura sarà giocato in scenari 3D dove, guidati dal fido Pinky, dovremo riportare le giuste tinte cromatiche. In soldoni: Blob, entrando nelle sorgenti naturali di colore, si carica di ‘vernice’ e, tramite il tocco fisico del suo rotolìo, sarà in grado di riportare il colore sulle isole. Il tutto da fare entro un tempo limite.

Continuando a colorare, il mondo attorno a noi tornerà a fiorire: gli alberi ricresceranno, gli abitanti e i turisti torneranno vitali (il Compagno Nero, privandoli dei loro colori li aveva trasformati in Grigioni, una sorta di inoffensivi zombie), i veicoli riprenderanno a transitare e scopriremo sempre più tran-sformatori che, attivati, modificheranno sensibilmente lo scenario, consentendoci di proseguire verso un nuovo settore di gioco.

L’intera dinamica del gioco prosegue attraverso piccole sotto-quest (con salti e rotolii coloranti, risveglia un certo numero di grigioni, colora con determinate tinte alcuni edifici, salva un certo numero di alberi, distruggi le installazioni della Inkt…). Le quest sono molte, ma non si discostano mai molto dall’andamento ‘tipico’ del gioco. Ma poco importa, perché si tratta sempre di attività brevi e piuttosto godibili e divertenti.

L’avversario principale, durante il completamento delle sessioni in 3D, è il tempo. Ma in realtà non correremo quasi mai il rischio di esaurirlo per davvero, visto che moltissimi obiettivi, una volta raggiunti, sbloccano minuti bonus.

Ed è qui che si presenta il limite più grave del prodotto di Blue Tongue. De Blob 2, infatti, è un gioco facile. Oltre al tempo davvero difficile da far scadere, bisogna anche dire come, sebbene si disponga di un numero di vite limitato, i continue siano infiniti. E, comunque, non si muore nemmeno molto di frequente. Il gioco, insomma, scorre via rapido e senza intoppi. Il rischio, quindi, è di non trovare sfida e, perciò, di perdere mordente.

De Blob 2 tradisce il fatto di essere stato concepito come un prodotto appetibile anche per i giocatori più giovani. E questo è un fattore a cui il giocatore smaliziato dovrà badare, in sede d’acquisto: con De Blob 2 si porterà a casa uno svago ben confezionato e tutto sommato divertente. Ma con un livello di sfida molto basso.

Quello che più irriterà, però, sarà l’eccessiva tutela riservata al giocatore. A differenza della maggior parte dei platform pensati anche per il pubblico più giovane, in de Blob 2, il giocatore non si deve mai fermare a pensare come procedere. Non ci sono differenti vie per raggiungere gli obiettivi, né ci sono piccoli enigmi da risolvere per capire come arrivare a fine livello: Pinky, infatti, si intrometterà sempre. Dicendovi esattamente cosa fare e quando farlo. Potrebbe trattarsi di una risposta alle critiche mosse al primo de Blob, colpevole, per alcuni, di passaggi a vuoto, dove gli obiettivi non risultavano chiari. Sinceramente, però, gli aiuti offertici dal nostro compagno robotico, finiscono per ridurre le sessioni di gioco all’esecuzione di tecniche e operazioni divertenti ma obbligate.

Completando le sessioni in 3D, per chiudere definitivamente il livello, si affronteranno passaggi in 2D. Questi risultano, forse, essere la parte più divertente e ispirata del gioco. Nei livelli bidimensionali, de Blob 2 si trasforma in un riuscitissimo platform vecchia scuola, con dinamiche bilanciate, interessanti enigmi (da risolvere sfruttando la gravità, mescolando i colori e stando attenti al tempismo dei movimenti) e un fluire armonioso, che non stanca mai. Certo, anche in questo settore, la sfida diverrà più seria solo in prossimità della fine del gioco, ma il pacchetto 2D offerto da de Blob 2 convince in modo particolare.

Al termine dei livelli, prima di procedere verso una nuova macro-zona di gioco, verrà data al giocatore la possibilità di esplorare l’area appena completata, senza più il timer attivo. In questo modo, si potrà affrontare ogni sottosfida (e non sono poche) che il gioco offre. In cambio, si otterranno gli utili punti ispirazione, che consentiranno di migliorare i poteri e le capacità di Blob.

 
^