Studio Project Cars: 'nessuna console può renderizzare contenuti VR a 180fps, ma Mad Box lo farà'

Studio Project Cars: 'nessuna console può renderizzare contenuti VR a 180fps, ma Mad Box lo farà'

Slightly Mad Studios ha rivelato di essere al lavoro su un nuovo hardware dedicato alla realtà virtuale. Il che è inaspettato, trattandosi di una software house da sempre impegnata esclusivamente nel settore delle simulazioni automobilistiche

di pubblicata il , alle 18:41 nel canale Videogames
 

Il CEO di Slightly Mad Studios Ian Bell, guru delle simulazioni automobilistiche che ha contribuito allo sviluppo di serie importanti come GTR, Need for Speed Shift e Project Cars, ha rivelato che lo studio britannico è al lavoro su una nuova console dedicata alla realtà virtuale. Si chiama Mad Box ed "è la console più potente mai realizzata, è letteralmente matta! Vuoi 4K a 60fps? Vuoi un motore grafico gratuito su cui sviluppare i tuoi giochi? Avrai tutto questo con Mad Box!"

Un annuncio certamente sopra le righe, che ha creato molto scetticismo sulla rete. Anche perché Slightly Mad Studios non ha esperienza nell'hardware, dopo che negli ultimi anni si è concentrata, peraltro con successo, sui due Project Cars. I quali annoverano un'implementazione VR molto ben fatta e apprezzata dalla community di appassionati di simulazione di guida, ma il nuovo progetto sembra andare oltre la guida e abbracciare il gaming a più ampio respiro, oltretutto con velleità di competizione rispetto alle console.

Project Cars 2

Secondo Bell, nessuna console esistente è in grado di renderizzare contenuti a 180 fps, necessari per far funzionare un visore che opera a 90 Hz per occhio, con un dettaglio visivo di nuova generazione. Come noto, i sistemi VR si basano su visuali stereoscopiche, rendendo necessario il doppio rendering per ciascun fotogramma trasmesso al visore, il che porta il carico di lavoro che la macchina deve gestire a 180 frame al secondo. Teoricamente già HTC Vive e Oculus Rift funzionano a questi refresh rate, ma la distinzione tra il passato e ciò che sarà in grado di offrire Mad Box sembra riguardare l'appunto fatto da Bell circa il "dettaglio visivo di nuova generazione".

Un lancio, dunque, abbastanza fumoso, anche perché lo stesso Bell ha ammesso che la nuova console non sarà disponibile prima di tre anni a un prezzo "next-gen standard plus". "Ci aspettiamo che gli sviluppatori tengano conto della potenza e degli accordi economicamente vantaggiosi che mettiamo a disposizione con la nostra proposta", ha detto Bell ad Ars Technica. Il noto sito di tecnologia ha sentito lo sviluppatore inglese per alcuni chiarimenti a proposito dell'annuncio confusionario fatto tramite Twitter, soprattutto per quanto riguarda il frame rate e le attuali prestazioni di HTC Vive e Oculus Rift, che già funzionano a 90 Hz, mentre nel primo messaggio di Bell non sembrava così. "L'industria ha bisogno di una certa concorrenza", chiosa Bell, che sembra puntare soprattutto sulla fornitura in via gratuita del loro motore grafico.

Per quanto riguarda le opzioni di connessione, Bell ha detto ad Ars che verranno contemplate "le novità più recenti in fatto di connettività. Siamo in trattativa con alcuni fornitori di visori VR non connessi (wireless)". Ma ha anche parlato di Virtual Link, la nuova connessione che sfrutta la modalità alternata USB-C che, oltre al trasferimento USB 2.0 e USB 3.1, permette di inviare anche segnali DisplayPort, HDMI, MHL e flussi audio/video ad alta risoluzione, anche in VR.

È necessario che Slightly Mad Studios definisca meglio il suo progetto Mad Box prima di poter dare un giudizio. Quel che è ceerto è che l'ultimo tentativo di fondere console gaming e PC gaming è stato fatto da Valve con le Steam Machine: quell'iniziativa della fine del 2015, come ben noto, non raggiunse mai una seconda generazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
sintopatataelettronica03 Gennaio 2019, 19:35 #1
Boh.

Considerato che nemmeno PC ultrapompati con schede video da 2000 euro riescono a far andare fluidamente i giochi di ultima generazione in 4k non dico a 180 fps.. ma manco a più di 60...

boh
VashXP03 Gennaio 2019, 19:52 #2
bhe 90 non è un granché, avrei preferito minimo un 120FPS per occhio.
randorama03 Gennaio 2019, 21:39 #3
six00703 Gennaio 2019, 22:27 #4
prezzo "next-gen standard plus"


...scappellamento a destra.
RatInACage03 Gennaio 2019, 22:40 #5
...probabilmente ci andrà giù di brutto col foveated render
Varg8704 Gennaio 2019, 00:50 #6
Originariamente inviato da: randorama


Ottima segnalazione. Mi iscrivo e lo leggerò con calma.
Dalle prime battute sembrerebbe il ritorno di Alphawinux.
sintopatataelettronica04 Gennaio 2019, 01:55 #7
Originariamente inviato da: Varg87
Dalle prime battute sembrerebbe il ritorno di Alphawinux.


Alphawinux NEVER DIES!!!
pocce9004 Gennaio 2019, 09:19 #8
3 anni e mezzo sono una eternità in questo campo
Titanox204 Gennaio 2019, 10:58 #9
se è fatto bene come i loro giochi siamo apposto
batou8304 Gennaio 2019, 12:18 #10
Sento puzza di steam machine...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^