Coronavirus: Sony e Facebook rinunciano alla GDC 2020

Coronavirus: Sony e Facebook rinunciano alla GDC 2020

Dopo E3 e PAX East, Sony diserterà anche la Game Developers Conference, seppure con motivazioni diverse. Anche Facebook ha preso una decisione del genere, "per preservare la salute dei nostri dipendenti"

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Videogames
SonyFacebook
 

Negli ultimi giorni Sony ha annunciato che non parteciperà né al PAX East di Boston né alla GDC di San Francisco. In entrambi i casi la motivazione è legata alle preoccupazioni sull'epidemia in corso di Coronavirus, COVID-19. Sony non è l'unica a rinunciare al famoso evento per gli sviluppatori, perché anche Facebook ha annunciato il suo disimpegno per l'edizione di quest'anno.

"Per preoccupazione per la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti, dei nostri partner di sviluppo e della comunità della GDC, Facebook non parteciperà all'edizione di quest'anno della Game Developer Conference a causa dell'evoluzione dei rischi per la salute pubblica legati al COVID-19" ha detto un portavoce di Facebook a GamesIndustry.biz. "Condivideremo comunque gli entusiasmanti annunci che avevamo programmato per la fiera e terremo comunque le riunioni previste per la GDC da remoto".

Game Developers Conference

Facebook si sta con ogni probabilità riferendo a Oculus, mentre Sony avrebbe potuto mostrare qualcosa dell'attesissimo The Last of Us Part II. "Abbiamo preso la difficile decisione di annullare la nostra partecipazione alla Game Developers Conference a causa delle crescenti preoccupazioni legate al COVID-19, noto anche come Coronavirus", ha affermato Sony in una nota sempre a GamesIndustry. "Abbiamo ritenuto che questa fosse l'opzione migliore in quanto la situazione legata al virus e alle limitazioni globali alla mobilità cambiano ogni giorno. Ci dispiace annullare la nostra partecipazione, ma la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti sono prioritarie. Non vediamo l'ora di partecipare alle prossime GDC".

Non ci sono annunci sulle due fiere nel loro complesso: nonostante queste defezioni, per il momento rimangono in programma. Il Coronavirus ha provocato finora 2.627 vittime a livello mondiale. E ha già incrociato il mondo della tecnologia quando ha provocato la cancellazione del Mobile World Congress di Barcellona. L'emergenza sanitaria mondiale limita fortemente la capacità produttiva dell'industria cinese; le ripercussioni saranno evidenti tanto nel breve come nel medio periodo, soprattutto pensando al debutto di nuove tecnologie.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Notturnia24 Febbraio 2020, 16:19 #1
con una percentuale di mortalità simile a quello della Spagnola credo che facciano bene ad andarci con i piedi di piombo.. se la fermiamo subito passeremo per esagerati ma conterremo i morti.. se prendiamo sotto gamba il problema la cosa non sarà divertente..

il Giappone all'epoca registro una mortalità dello 0,4% limitando i viaggi contro il 20% della media mondiale che non fece nulla...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^