Battlefield V Open Beta disponibile: screen in 4K, video e dettagli

Battlefield V Open Beta disponibile: screen in 4K, video e dettagli

L'Open Beta ha aperto al pubblico il 6 settembre e andrà avanti fino all'11 dello stesso mese. Permette di provare due modalità di Battlefield V: Grand Operations e Tides of War

di pubblicata il , alle 17:01 nel canale Videogames
Electronic ArtsBattlefield
 

L'Open Beta di Battlefield V è adesso disponibile per tutti i giocatori che dispongono di un sistema di gioco PC, PS4 o Xbox One. Continuerà ad essere raggiungibile fino all'11 settembre, 7 am PT (16:00 CET). Perché un'Open Beta? "Come già fatto per le due Closed Alpha, l'Open Beta di Battlefield V ci permette di testare Battlefield V in un ambiente vivo con molti partecipanti", spiegano Electronic Arts e DICE. "Testiamo aspetti tecnici come la stabilità del server, i livelli di latenza e il matchmaking, oltre alla meccanica di gioco – bilanciamento armi, progressione e altri ingredienti che vogliamo ottimizzare per rendere il gioco il più divertente possibile. È anche un'opportunità per ricevere il feedback dei giocatori che partecipano". Due le modalità di gioco che si possono provare nell'Open Beta: Grand Operations e Tides of War.

Battlefield V

Grand Operations

Si gioca sulle terre innevate della Norvegia: precisamente la mappa si chiama Fiordo artico. Rispetto alle operazioni di Battlefield 1, in questo caso la battaglia si snoda su più giorni e racconta lo sforzo delle forze militari britanniche nel tentativo di penetrare nella costa norvegese presidiata dai tedeschi, ovviamente durante il secondo conflitto mondiale. Sono giorni di gioco, non giorni di 24 ore. Le Operazioni su vasta scala contengono diverse di queste giornate e ciascuna ha una modalità di gioco.

Durante la prima fase si gioca nottetempo, con tanto di aurora boreale come potete vedere negli screen in 4K che abbiamo scattato proprio dall'Open Beta e che si trovano nella gallery. Nel secondo giorno, invece, fa capolino la luce del sole e la mappa cambia completamente, sia graficamente che in termini di visibilità e quindi di gameplay.

I due giorni si contraddistinguono per due modalità di gioco fra di loro differenti. All'inizio si tratta di Forze aeree, incentrata su un gruppo di cannoni d'artiglieria che gli attaccanti devono distruggere e i difensori proteggere con tutte le loro forze. Gli attaccanti entrano in azione paracadutandosi da ondate di aeroplani e ogni attaccante decide quando e dove lanciarsi. Si tratta di uno dei tanti elementi che avvicinano Battlefield V ai recenti giochi di tipo Battle Royale: questa componente, infatti, introduce elementi strategici perché i giocatori possono monitorare la posizione del nemico dall'alto e scegliere il punto di atterraggio sulla traiettoria percorsa dall'aereo.

Poi, una volta a terra, chi attacca deve collaborare con la propria squadra per recuperare le bombe e distruggere le difese nemiche. Concentrarsi sull'obiettivo è essenziale per il successo dell'invasione. Rispetto alla Closed Alpha provata al GamesCom di Colonia (vedete il video in basso) ci sembra che il firing di alcune armi sia cambiato: sono meno precise e bisogna compensare il rinculo, il che richiede l'utilizzo di un buon mouse da gioco. Ottimo il sistema di respawn, perché si può seguire nella visuale in terza persona il compagno di squadra presso il quale si vuole fare il ritorno nel match per poter verificare cosa succede intorno a lui.

I difensori, invece, entrano in campo presso i cannoni d'artiglieria ancora integri. Per loro, la vittoria dipende dal modo in cui posizionano armi trainabili, fortificazioni o armi antiaeree. Devono adattarsi alle strategie nemiche e neutralizzarle: così facendo, gli attaccanti perderanno l'elemento sorpresa e il giorno seguente avranno molte più difficoltà.

Nel giorno successivo, invece, abbiamo la modalità di gioco Sfondamento, molto simile al classico Conquista di Battlefield. C'è anche Momento Decisivo: una specie di "tie break" in cui le due fazioni, quando sono in parità, devono affrontarsi in un ultimo scontro per determinare il vincitore. Durante il Momento decisivo, i giocatori sconfitti non possono rientrare in gioco e questo non fa che aumentare la tensione.

Nelle Grand Operations la quantità delle munizioni a disposizione e, in certi momenti di gioco, i ticket alla base delle possibilità di rientrare nel match, variano a seconda delle prestazioni nelle fasi precedenti. Si tratta dunque di una serie di battaglie a catena, dove i risultati conseguiti dai giocatori hanno effetto sul prosieguo della guerra sia come risorse a disposizione, che come veicoli utilizzabili.

Tides of War

In questa modalità (Venti di Guerra nella versione italiana), si affronta un viaggio lungo 10 capitoli tematici della Seconda Guerra Mondiale: in ogni capitolo i giocatori avranno a disposizione nuovi modi per giocare e potranno anche ottenere gli ultimi e migliori oggetti estetici a tema Battlefield V. Nell'Open Beta è possibile giocare il Capitolo evento Truppe d'assalto e completandone le sue sfide e ottenere la piastrina della beta di Venti di guerra. Truppe d'assalto è un'esclusiva dell'Open Beta e non ci sarà nel gioco finale, per cui successivamente non si avranno altre possibilità per recuperare questa piastrina.

Veicoli e rinforzi

Nell'Open Beta di Battlefield V ci sono cinque carri armati della Seconda Guerra Mondiale e sette velivoli. Per quanto riguarda i carri si tratta di Valentine Mk VIII, Churchill Mk VII, Churchill Gun Carrier, Panzer IV e Tiger I. Per gli aerei, invece, abbiamo: Spitfire Mk VA, Spitfire Mk VB, Blenheim Mk IF, Bf 109 G-2, Ju 87 Stuka B-2, Ju 87 Stuka B-1 e C47. Sulle mappe, inoltre, si trovano cannoni antiaerei e anticarro fissi e trainabili.

Il caposquadra della fazione che ha ottenuto un numero sufficiente di Punti Squadra, inoltre, potrà evocare uno fra due veicoli devastanti: il Churchill Crocodile inglese e lo Sturmtiger tedesco. Ci sono anche gli attacchi con razzo JB-2 e V-1, mentre un'altra novità alle meccaniche di gioco è costituita dal Lancio contenitore rifornimenti: si tratta di salute e munizioni lanciate sul campo di battaglia al costo di 7.500 punti requisizione.

Classi

Nell'Open Beta di Battlefield V sono disponibili le quattro classi principali: Assalto, Ricognitore, Medico e Supporto. Ogni ruolo di combattimento ha delle caratteristiche uniche. Se per esempio si è un Ricognitore, il ruolo di Cecchino darà il tratto Ritirata tattica, che permetterà di scattare più velocemente quando si ha pochissima salute. Il ruolo Medico da campo ha il tratto Rianimazione con siringa, che permette di rianimare i compagni di team (non solo quelli nella tua squadra) con la siringa.

Armi

La classe Supporto usa potenti mitragliatrici leggere come KE7, Bren e FG-42, ma anche il fucile a pompa M30 Drilling. I Medici dispongono dei mitra STEN, Suomi KP/31, MP40 e EMP. L'Assalto usa armi semiautomatiche come SMLE Turner, carabina M1A1 e Gewehr 43 o il fucile d'assalto StG 44. Il Ricognitore, invece, è dotato di alcuni fucili a otturatore scorrevole come Lee-Enfield No. 4 Mk I, ZH-29 o Kar98k. A questi vanno aggiunti armi da fianco, armi corpo a corpo, granate e gadget.

Grafica

Basato sull'ultima versione di Frostbite Engine, Battlefield V è una goduria per gli occhi. Lo abbiamo provato con una GeForce GTX 1080 Ti e siamo rimasti basiti nel verificare come il gioco riesca a girare a 60fps in 4K nella poligonalmente complessa mappa di Rotterdam. Curiosamente però non solo la versione DirectX 11 gira meglio della versione DirectX 12, ma quest'ultima presenta importanti problemi di stuttering, al punto da essere ingiocabile. Inoltre, il frame rate non migliora se si scende da 4K a 1080p, segno che c'è qualche problema alla base.

Questa versione non integra ancora il supporto al Ray Tracing tramite la tecnologia NVIDIA RTX (scontato, perché serve che Microsoft rilasci le nuove DirectX Ray Tracing per farla funzionare). Tantissime le opzioni grafiche a disposizione, come la possibilità di modificare il campo visivo fino a un'impostazione massima di 120 gradi. Disponibili anti-aliasing di tipo TAA e Occlusione Ambientale HBAO. L'utente può configurare la qualità delle texture, dell'illuminazione, delle Mesh, del terreno.

L'Open Beta di Battlefield V si può scaricare cliccando qui.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
thresher325307 Settembre 2018, 17:05 #1
Gira davvero a cazzo di cane ed é molto buggata. Spero sia solo questione di beta.
nickname8807 Settembre 2018, 17:25 #2
Originariamente inviato da: thresher3253
Gira davvero a cazzo di cane ed é molto buggata. Spero sia solo questione di beta.

Gira male ? Mi domanderei su che config ....
thresher325307 Settembre 2018, 17:29 #3
Ryzen 1700, 1080.
nickmot07 Settembre 2018, 17:57 #4
Originariamente inviato da: thresher3253
Gira davvero a cazzo di cane ed é molto buggata. Spero sia solo questione di beta.


Gira dignitosamente, ma si pianta spesso.

Però ci sono troppi effetti grafici e l'immagine risultante, per quanto bella, è maledettamente confusa.
Davvero difficile vedere i nemici per chi, come me, è al suo primo battlefield.
thresher325307 Settembre 2018, 18:01 #5
Originariamente inviato da: nickmot
Gira dignitosamente, ma si pianta spesso.

Però ci sono troppi effetti grafici e l'immagine risultante, per quanto bella, è maledettamente confusa.
Davvero difficile vedere i nemici per chi, come me, è al suo primo battlefield.
Non a me, per farlo andare a 60 fps ho dovuto disattivare tutti gli effetti e mettere tutto al minimo. DX12 disattivato.
Per intenderci, non é che di base ha un framerate basso, ma é molto instabile, con microfreeze che si presentano nei momenti di caricamento. Solo abbassando i dettagli gira abbastanza stabilmente.
I driver sono aggiornati e il gioco é installato su SSD.
UltimateBou07 Settembre 2018, 19:01 #6
Provato su Xbox one x e secondo me va a 50fps tutt'altro che stabili
UltimateBou07 Settembre 2018, 20:16 #7
Originariamente inviato da: thresher3253
Non a me, per farlo andare a 60 fps ho dovuto disattivare tutti gli effetti e mettere tutto al minimo. DX12 disattivato.
Per intenderci, non é che di base ha un framerate basso, ma é molto instabile, con microfreeze che si presentano nei momenti di caricamento. Solo abbassando i dettagli gira abbastanza stabilmente.
I driver sono aggiornati e il gioco é installato su SSD.


Anche bf1 andava meglio in dx11... Cmq su guru 3d ci sono i test della openbeta...
bagnino8907 Settembre 2018, 20:35 #8
Originariamente inviato da: UltimateBou
Anche bf1 andava meglio in dx11... Cmq su guru 3d ci sono i test della openbeta...


Mi sa che non è più una techdemo AMD approved

https://www.guru3d.com/articles_pag...k_review,4.html
UltimateBou07 Settembre 2018, 20:42 #9
Originariamente inviato da: bagnino89
Mi sa che non è più una techdemo AMD approved

https://www.guru3d.com/articles_pag...k_review,4.html


Restituite i trofei!!!
bagnino8907 Settembre 2018, 20:52 #10
Originariamente inviato da: UltimateBou
Restituite i trofei!!!


Tutta colpa del Ray Tracing, sennò...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^