Un attacco DDoS mette in ginocchio Dota 2 The International 2015

Un attacco DDoS mette in ginocchio Dota 2 The International 2015

Il torneo ufficiale di Valve ha subito una piccola battuta d'arresto nei match del martedì per via di un attacco DDoS portato ai server di gioco. Valve dovrà cercare di correre ai ripari per la finale della giornata di sabato

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:41 nel canale Videogames
 

The International, il gargantuesco torneo annuale di Dota 2 con sedici squadre ed un montepremi di oltre 18 milioni di dollari, ha subito una battuta d'arresto nel corso della giornata di martedì quando un attacco DDoS ha colpito i server di gioco. Dota 2 necessita di una connessione ad Internet, caratteristica che lo rende vulnerabile a questo tipo di attacchi.

I presentatori dell'evento hanno confermato che l'attacco DDoS è stata la ragione per la quale si è dovuti ricorrere alla sospensione del gioco. In particolare l'attacco ha danneggiato il primo match del martedì, che vedeva contrapposti i team Evil Geniuses e Complexity Gaming. Il disservizio è durato per un paio d'ore.

Non è la prima volta che i tornei di Dota 2 si trovano vittima di un attacco DDoS, sebbene nessuno di questi sia mai riuscito a compromettere i match del torneo ufficiale di Valve. Lo scorso anno, inoltre, è stata rilasciata una patch che aiutasse a proteggere le sessioni del torneo da eventuali vulnerabilità DDoS.

La vicenda solleva qualche interrogativo sul perché Valve non riesca a trovare un modo per proteggere le partite e il loro streaming video da episodi come questi, ad esempio con la realizzazione di una versione del gioco da usarsi solo durante i tornei ufficiali e che non richieda l'appoggio ai server di gioco.

E' tuttavia possibile che l'accaduto spinga Valve a trovare delle contromisure sia per le edizioni future del torneo ma anche in vista della finale che si terrà nel corso della giornata di sabato. Per ulteriori informazioni su The International, vi rimandiamo a questa notizia.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^