Class-action contro EA per i malfunzionamenti di Battlefield 4

Class-action contro EA per i malfunzionamenti di Battlefield 4

Uno studio legale con sede a San Diego sta portando avanti una class-action contro Electronic Arts per presunte disinformazioni agli investitori riguardo a Battlefield 4.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 13:01 nel canale Videogames
Electronic ArtsBattlefield
 

Lo studio legale Robbins Geller Rudman & Dowd intende tutelare tutti coloro che hanno acquistato una copia di Battlefield 4 con una class-action lanciata nella giornata di ieri. Si sostiene che Electronic Arts abbia rilasciato dichiarazioni fuorvianti agli investitori in riferimento allo sviluppo di Battlefield 4.

Battlefield 4

EA, infatti, ha rivisto al rialzo le previsioni sui guadagni sulla base delle aspettative di vendita di Battlefield 4. In seguito all'annuncio delle nuove stime, il valore delle azioni della società è salito velocemente, per poi ridursi nel momento in cui si sono diffuse le notizie sui malfunzionamenti di Battlefield 4 a proposito della parte multiplayer.

"Questi reclami sono privi di fondamento", ha detto un portavoce di EA a GameSpot. "Ci difenderemo con tutti i mezzi a nostra disposizione, e siamo fiduciosi che la corte respingerà il reclamo nelle tempistiche previste".

Lo studio legale di Atlanta Holzer Holzer & Fistel LLC sta portando avanti un caso simile, sempre in riferimento a presunte dichiarazioni fuorvianti sullo sviluppo e il mantenimento del servizio che sta alla base di Battlefield 4. Ne abbiamo parlato in questa news. EA ha, inoltre, sospeso lo sviluppo delle prossime espansioni proprio per concentrarsi sui problemi attuali del multiplayer del gioco.

Insieme allo sviluppatore DICE, EA sta sfornando continuamente aggiornamenti per ristabilire il corretto funzionamento dei server di gioco, e nella giornata di ieri ha rilasciato una nuova patch per le versioni PS3, PS4 e Xbox 360 di Battlefield 4.

"Sappiamo che molti giocatori sono frustrati da questa situazione, e condividiamo il vostro malessere. Non ci fermeremo fin quando non rimedieremo agli errori", è stato il comunicato ufficiale di DICE.

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
montanaro7919 Dicembre 2013, 13:23 #1
Class-action contro EA per i malfunzionamenti di Battlefield 4, Sim City, NFS ... ecc ...

FIXED
ThePonz19 Dicembre 2013, 13:24 #2
tanto son già pronti in migliaia e migliaia per il preorder di bf5..
NighTGhosT19 Dicembre 2013, 14:01 #3


Una class action contro EA e' giusta a prescindere da BF4....
san80d19 Dicembre 2013, 14:06 #4
Originariamente inviato da: ThePonz
tanto son già pronti in migliaia e migliaia per il preorder di bf5..


quello sicuro... forse milioni
icoborg19 Dicembre 2013, 14:20 #5
Originariamente inviato da: NighTGhosT


Una class action contro EA e' giusta a prescindere da BF4....


a colazione, a lavoro, o mentre fai il bucato...una class action contro EA trova sempre il suo momento ideale..
Yin19 Dicembre 2013, 14:25 #6
mettiamoci anche fifa nel mucchio che a bug non si fa mancare nulla
gd350turbo19 Dicembre 2013, 15:33 #7
NEED FOR SPEED RIVALS !!!!!
hexaae19 Dicembre 2013, 17:50 #8
La vera battaglia da fare sarebbe non comprarla certa *****
NighTGhosT19 Dicembre 2013, 19:30 #9
Originariamente inviato da: hexaae
La vera battaglia da fare sarebbe non comprarla certa *****


Bhe......dipende.

Se trattasi di un gioco ONLINE.......in realta' c'e' un altro modo per "far sentire la propria voce"............ovvero NON GIOCARCI.

Qualsiasi gioco online multiplayer.......se non ci sono i multi - players......muore.

Poi....alla uscita successiva.......se la storia non cambia.....scaffale.
Cristiano®19 Dicembre 2013, 21:10 #10

La gente ha seri problemi

Cito: "Sappiamo che molti giocatori sono frustrati da questa situazione"
Rispondo: La gente È frustrata!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^