Autore A Way Out: le console sono una palla al piede perché ferme a 5 anni fa

Autore A Way Out: le console sono una palla al piede perché ferme a 5 anni fa

Nonostante i rapporti commerciali del suo editore e distributore, Electronic Arts, con i produttori di console, nello specifico PS4, Josef Fares non ha avuto peli sulla lingua nella sua ultima intervista a Engadget

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 11:01 nel canale Videogames
Electronic Arts
 

A Way Out è stato uno dei giochi in assoluto più acclamati al recente E3 grazie alle promesse fatte in termini di innovazione. Si tratta di un progetto molto particolare, portato avanti dal team svedese Hazelight Studios sotto l'egida di Electronic Arts, perché vuole raccontare la storia in una maniera inedita, con un nuovo tipo di gioco co-op in split screen.

A Way Out

Stanno facendo discutere molto le dichiarazioni di Josef Fares, co-autore di A Way Out e fondatore di Hazelight, concesse a Engadget a margine dell'E3. "Volete che vi dica la verità? Questa macchina non è così potente come pensate!" ha detto Fares facendo riferimento alla PS4 su cui girava il gioco. "È come un PC di 5 anni fa. Se le console fossero potenti come i PC più moderni avremo giochi completamente diversi. La maggior parte del tempo degli sviluppatori oggi si perde per cercare di far girare i giochi sulle console".

Dichiarazioni certamente atipiche per quello che resta un partner di Electronic Arts, nonostante a Way Out sia nato come un progetto indipendente. Per questo motivo incontra una serie di difficoltà nella produzione, come, appunto, lo sviluppo multi-piattaforma o, ancora, il motion capture. Pochi giochi indie, infatti, possono vantare animazioni in motion capture, ma da questo punto di vista A Way Out costituirà un'eccezione. Fermo restando che la produzione mantiene l'approccio artigianale, con lo stesso Fares che ha prestato le sue movenze a uno dei protagonisti, Leo.

Josef Fares

Josef Fares

In precedenza, Hazelight ha collaborato con Starbreeze allo sviluppo della toccante avventura Brothers: A Tale of Two Sons. La storia di A Way Out ha inizio all’interno di un carcere e seguirà le vicende di Leo e Vincent, due galeotti intenzionati ad evadere. I due uomini si conoscono appena, ma dovranno fidarsi l’uno dell’altro per riuscire a scappare dalla struttura dove si trovano rinchiusi. Il tratto caratteristico dell’esperienza si lega alle dinamiche cooperative, dal momento che gli eventi andranno condivisi con un amico, davanti allo stesso televisore oppure online.

In determinate situazioni di gioco l’azione su schermo viene suddivisa a metà e ciascun giocatore può vivere gli eventi da una prospettiva peculiare Una scelta senza precedenti riguarda le tempistiche e i ritmi incrociati della narrazione. In specifiche fasi uno dei due giocatori potrà muoversi a piacimento per lo scenario, mentre l’altro sarà coinvolto in una scena d’intermezzo.

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
[?]23 Giugno 2017, 11:17 #1
"Volete che vi dica la verità? Questa macchina non è così potente come pensate!" ha detto Fares facendo riferimento alla PS4 su cui girava il gioco. "È come un PC di 5 anni fa. Se le console fossero potenti come i PC più moderni avremo giochi completamente diversi. La maggior parte del tempo degli sviluppatori oggi si perde per cercare di far girare i giochi sulle console".


Un genio... ha scoperto quello che tutti sanno, ma d'altro con quella faccia
zappy23 Giugno 2017, 11:21 #2
Originariamente inviato da: [?]
Un genio... ha scoperto quello che tutti sanno, ma d'altro con quella faccia

d'altra parte le console sono un monoblocco, i pc possono essere diversissimi uno dall'altro sotto tutti i punti di vista.
ovvio che sulle console si vada a step di evoluzione e che per alcuni anni debbano restare sempre quelle. Altrimenti di dovrebbe cambiare console x ogni gioco nuovo che si compra.
Maxt7523 Giugno 2017, 11:41 #3
Il mercato si assesta da solo. Non c'è nessuna novità in queste dichiarazioni. Comunque sia, troppo spesso si perdono di vista i giochi. Personalmente mi fa sorridere sia una console ferma a 10 anni fa (5 la tollero ancora) ma anche un PC aggiornato di anno in anno alla ricerca esclusiva e mai appagata al 100% della miglior grafica esistente.
xxxyyy23 Giugno 2017, 12:21 #4
Concordo pienamente. Aggiungo anche che non ci sono più le mezze stagioni.
Stoccolma aspettami!
jepessen23 Giugno 2017, 13:18 #5
Lo faceva uscire solo su PC ed era piu' contento... che magari e' convinto pure che tutti i giocatori hanno SLI di 1080...
tony7323 Giugno 2017, 13:21 #6
Finalmente qualcuno DEL SETTORE parla chiaro! Non ne potevo più di questi "insabbiamenti" dettati dal mercato. Adesso aspetto qualche coraggioso sviluppatore che ammetta che i giochi PC sono, volutamente, castrati e difettati ad HOC
Thehacker6623 Giugno 2017, 15:59 #7
Il problema è che con questa dichiarazione non cambierà nulla. Ormai mi sono abituato alla situazione, visto che i giochi (come i film) vengono pompati solo nei trailer per ingannare la gente non mi dispiace più comprare i giochi a prezzi bassissimi, andando sui vari siti di key o aspettando che calino naturalmente, allora sì che il prezzo pagato sarà equo rispetto alla qualità finale del prodotto.
ambaradan7423 Giugno 2017, 16:25 #8
E certo !
Molto meglio cambiare la scheda video ogni 6 mesi
astaroth223 Giugno 2017, 17:05 #9
Sarà, ma la pirateria sulle ultime console é nulla, ragion per cui il mondo delle console batte cassa . Un buon motivo per continuare a sviluppare giochi su hardware nato vecchio. Poi se il gioco tira lo si distribuisce anche per pc, perché in tal caso "convertire" é una parola grossa.
Thehacker6623 Giugno 2017, 17:07 #10
Originariamente inviato da: ambaradan74
E certo !
Molto meglio cambiare la scheda video ogni 6 mesi


Guarda io l'ultima scheda video l'ho cambiata con il passaggio al pc nuovo, durato quasi otto anni. Nella metà del tempo abbiamo visto tre iterazioni di playstation e di xbox, io fossi in te starei zitto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^