American McGee torna con un seguito spirituale di Alice

American McGee torna con un seguito spirituale di Alice

Annunciato ufficialmente American McGee's Grimm, serie di videogiochi che ricalcano lo stile visivo che il game designer impiegò con Alice.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 08:32 nel canale Videogames
 
GameTap ha annunciato ufficialmente American McGee's Grimm. Si tratta di un gioco composto da 24 episodi realizzato con la collaborazione di American McGee. La serie debutterà sulla piattaforma online nella primavera del 2008.

Grimm sarà basato sulla stessa impostazione di Alice: dunque si tratterà sostanzialmente di rivisitazioni delle classiche fiabe dei fratelli Grimm in chiave splatter. Tra le storie dei fratelli Grimm che faranno parte del gioco di McGee annoveriamo Rapunzel, Rumpelstiltskin, Cappuccetto Rosso, Biancaneve.

Il gameplay sarà incentrato sull'esplorazione e sullo svolgimento di quest. Grande attenzione sarà riposta nella riproduzione poligonale dei personaggi e nei dialoghi. I combattimenti si basano sulla nozione che "le parole sono armi". Tra un episodio e l'altro verrà creata quella tensione necessaria a mantenere alto l'interesse dei giocatori.

"La mia interpretazione delle fiabe classiche fornirà ai giocatori un nuova prospettiva su queste storie", dichiara American McGee. "I capitoli saranno tradotti negli episodi che forniremo con GameTap". Ricardo Sanchez di GameTap spiega: "American McGee è uno degli autori di videogiochi più conosciuti e le storie dei fratelli Grimm sono perfette per le modalità di distribuzione di GameTap. American sta così sfruttando al massimo il potenziale dei videogiochi ad episodi. Aggiungendo questo titoli a quelli che abbiamo già in catalogo dimostriamo il nostro impegno verso questo tipo di prodotti".

American McGee ha riscosso la popolarità per la sua collaborazione con id Software, per la quale si è occupato del design dei livelli di giochi del calibro di Doom II, Quake e Quake II. Nel 1998 è passato a Electronic Arts, con la quale ha realizzato Alice. Quest'ultimo gioco ottenne un grande successo grazie soprattutto alla geniale commistione tra l'ingenuità del personaggio e il tocco splatter che un grande genio quale American McGee seppe conferirgli. Alice, lo ricordiamo, fu uno dei primi prodotti a sfruttare il motore grafico di riferimento dell'epoca, vale a dire quello di Quake III Arena.

In seguito ad Alice, la carriera di McGee si è fortemente ridimensionata, a causa degli insuccessi di Scrapland e Bad Day L.A., anche se entrambi i prodotti erano basati su idee certamente originali.

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ponch8431 Maggio 2007, 09:13 #1
Era ora che American tornasse alla ribalta. L'ultimo Scrapland non era malvagio però era sicuramente una spanna più basso di Alice. Speriamo che questi nuovi titoli siano all'altezza
lowenz31 Maggio 2007, 09:46 #2
American McGee, un genio assoluto!
Crux_MM31 Maggio 2007, 10:01 #3
Siiiiii!
Potrò uccidere quellla dannata Biancaneve!
HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH!
il mic31 Maggio 2007, 12:11 #4
alice è stato uno dei miei giochi preferiti soprattutto quando sono riuscito a trovare la traduzione dei sottotitoli in italiano

per il tempo aveva una grafica molto elaborata
lo metterei al primo posto dei sparattutto non convenzionali
Il Creativo31 Maggio 2007, 13:51 #5
Bello Alice, mi ha fatto divertire un casino e Scrapland non è poi così male, invece in Bad Day LA forse non è piaciuta molto l'idea del Cel Shading ma tuttosommato era originale... a quanto pare presto torneremo a fare strage di fiabe
bollicina3131 Maggio 2007, 18:15 #6
Si american è un grande nel suo lavoro ma non 1 mito quando era in Id soft. si rivelò subito un grande ma ben presto lo superarono e lo accantonarono, dicimo che parte bene e poi si rovina , magari è la mancanza di uno staff che meglio gestisca le sue idee....
scusate il giro di parole ma non sapevo come spiegarmi
JohnPetrucci31 Maggio 2007, 18:52 #7
Originariamente inviato da: il mic
alice è stato uno dei miei giochi preferiti soprattutto quando sono riuscito a trovare la traduzione dei sottotitoli in italiano

per il tempo aveva una grafica molto elaborata
lo metterei al primo posto dei sparattutto non convenzionali


Originariamente inviato da: Il Creativo
Bello Alice, mi ha fatto divertire un casino e Scrapland non è poi così male, invece in Bad Day LA forse non è piaciuta molto l'idea del Cel Shading ma tuttosommato era originale... a quanto pare presto torneremo a fare strage di fiabe

Quoto entrambi.
WiredNikij01 Giugno 2007, 16:59 #8
American McGee's Alice è il mio gioco preferito in assoluto! Che goduria, una splendida notizia! :-)
pictor04 Giugno 2007, 17:45 #9
In AMA penso di aver visto il level design più suggestivo di tutti i giochi che ho mai provato (tanti e vari ) .... forse al pari potrebbe esserci ShadowMan.

Mi innamorai del gioco da subito; si vedeva il tocco di genio e dell'inventiva.
Il gusto dark si sposava perfettamente con una fiaba controversa e perversa come Alice, dove ci sono tracce e ispirazioni da uso di droghe (funghetti allucinogeni, acidi, narghilè a decoro di un TRIP vero e proprio), tendenze pedofile (Carroll era, con gli adulti, introverso, preferendo la compagnia di bambini. Scrisse Alice per la sua bambina preferita: Alice Liddell ... che avesse gusti pedofili poi non è comunque certo), follìa e delirio esistenziale (due capitoli affascinanti in antropologia che Carroll ci mostra e riassume nella scena del Cappellaio e la Lepre Marzolina .... stupendi ), oniricità e disagio da incubo ovunque.
Con l'aggiunta di gore e cattiveria a volontà, pozioni e mutazioni demoniaco-kafkiane (quasi), mescolato a innocenza, infantilità e creatività oltre i limiti.

Un gran bel gioco veramente....

Dovevano fare anche lo stesso col Mago di Oz..... ma non s'è più sentito niente.

In compenso stanno facendo un film sull' Alice di McGee, e in contemporanea Marilyn Manson sta girando, ispirato al gioco (e alle bozze di soundtrack che MM avrebbe dovuto fare per il gioco...mi pare) parallelamente un lungometraggio su Carroll e la stesura di Alice in un lugubre castello spiritato.....
Promette tecniche di regia nuove e spaventose e addirittura al limite della legalità (signora censura le forbici le ha affilate?).
E mi aspetto molto.... qualcosa ai livelli dei film di Rob Zombie

Comunque tra 2 film e 1 gioco c'è da leccarsi i baffi!

Speriamo che McGee non abbia esaurito la vena creativa...... ScrapLand non è riuscito a mantenere il mio interesse per più di un'ora

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^