Il Mondo di Felinia, i fumettisti Sketch & Breakfast approdano nel mondo dei videogiochi

Il Mondo di Felinia, i fumettisti Sketch & Breakfast approdano nel mondo dei videogiochi

Abbiamo intervistato Simona Zulian e Andrea Ribaudo, meglio conosciuti come Sketch & Breakfast. Si tratta di due abilissimi fumettisti milanesi che hanno deciso di sfondare anche nel mondo dei videogiochi, con l'aiuto di uno dei tecnici che hanno curato Castlerama.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Videogames
 

Intervista

Gamemag: Vorrei innanzitutto capire come nasce l'idea di creare un videogioco sulla base dei vostri fumetti.

Sketch & Breakfast: Beh, a essere sinceri l'idea ci è stata proposta da Karim Benaddi, il nostro sviluppatore di fiducia della Tecworks, il quale ha conosciuto le nostre vignette su Facebbok e di cui ha subito colto e condiviso lo spirito gioviale e umoristico che ci contraddistingue. Poi, mi sembra quasi scontato dire che ogni autore venderebbe l'anima per poter creare un videogioco basato sui propri personaggi. Alla fine il nostro compito di autori creativi è di raccontare qualcosa e se si può farlo spaziando tra diversi mezzi di comunicazione credo si debba cogliere l'occasione al volo.

Gamemag: Come si è creato il sodalizio fra voi due e cosa lo mantiene ancora saldo?

Sketch & Breakfast: Il nostro sodalizio in termini "professionali" si è creato un po' per gioco e un po' per curiosità. Nel senso che entrambi nella nostra veste di fumettisti abbiamo sempre cercato la nostra via per poter esprimere il nostro potenziale, in particolare con fb si è venuta a creare una forte rete comunicativa che noi abbiamo provato a sfruttare per far circolare i nostri lavori e che siamo riusciti a fare molto meglio di quanto ci aspettassimo noi stessi. A mantenere saldo il sodalizio sono le nostre comuni passioni, per i fumetti, per i cartoni, per il caffé e per il cioccolato!

Gamemag: Quali saranno le caratteristiche principali del vostro videogioco?

Sketch & Breakfast: Il gioco sarà un platform arcade a scorrimento, con 5 livelli composti ognuno da 10 scene, in cui il personaggio principale, Felinia, dovrà superare degli ostacoli e abbattere degli improbabili nemici (o meglio, farli abbattere dai suoi inarrestabili gatti). Ci saranno degli elementi tipicamente Feliniani (al limite del demenziale) e scenette divertenti come dei balletti celebrativi ispirati a noti musicisti.

Gamemag: A quale tipo di pubblico sarà rivolto?

Sketch & Breakfast: Un tempo ti avrei risposto "ai nostri parenti" pensando che sarebbero gli unici disposti a pagare un nostro videogioco :D Ma a parte gli scherzi direi che possiamo puntare a diverse fasce di pubblico, a partire dai nostalgici, che potrebbero rivedere in questa dinamica di gioco il fulcro dei videogames che hanno fatto la storia, fino ad arrivare ai più giovani, in grado di cogliere quegli aspetti assurdi e buffi che una volta, proprio per il loro carattere così fuori dagli schemi, forse non sarebbero stati colti appieno. Non vorrei nemmeno dividere il pubblico in base al loro sesso perché se è vero che il protagonista è una ragazza non è necessario che un uomo non possa rispecchiarsi nel suo modo di essere e nel suo modo di fare. E poi il cibo è un collante che unisce tutti!

Gamemag: È geniale l'idea di rendere una donna la protagonista del videogioco. Perché questa scelta? A quale esigenza risponde?

Sketch & Breakfast: A dire la verità è stata una scelta piuttosto ovvia, dal nostro punto di vista, poiché il personaggio di Felinia ha tra le sue caratteristiche l'indole di sbugiardare un po' il ruolo della ragazza perfetta che la società ci impone sotto qualunque tipo di media. Persino nei videogiochi, la ragazza è sempre stata stereotipata in qualche modo, o era la bella ma indifesa principessa da salvare oppure era la protagonista stragnocca e cazzuta che non perdeva occasione per mettere in mostra le proprie bellezze. Felinia non vuole stravolgere il ruolo dei sessi, vuole semplicemente dimostrare che anche le ragazze possono essere protagoniste pur essendo ragazze comuni e con il loro bagaglio di difetti.

Gamemag: Come si fonderà lo stile dei vostri fumetti con le meccaniche di gioco che avete individuato per Il Mondo di Felinia?

Sketch & Breakfast: Le caratteristiche di Felinia sono una costante: la sua irriverenza, l'amore per il cibo e soprattutto l'estrema "felinità". Lo stile delle nostre vignette umoristico/demenziale ci ha portati a creare un universo fatto di pizze e salsicce viventi che rivendicano il loro diritto a non essere divorati dai golosissimi protagonisti del gioco. La trama ruota intorno a questo capovolgimento surreale, in particolare l'antagonista, la Pizza Perfetta creata proprio dalle mani di Felinia e Ribosio, rapirà e cucinerà a puntino il povero Ribosio, come si vede dalle vignette introduttive che aprono la partita, a meno che Felinia non riesca a salvarlo in tempo.

Gamemag: Quale sarà il modello di business? Cosa pensate del modello free-to-play?

Sketch & Breakfast: Tutti avranno la possibilità di "assaggiare" gratuitamente una fetta del Mondo di Felinia. Abbiamo pensato di dare la possibilità di scaricare ed accedere gratuitamente a tutto il primo livello, Food Land, con le sue 10 scene. Coloro che ameranno il nostro gioco, o semplicemente ne verranno incuriositi da non poterci dormire la notte, potranno sbloccare gli altri 4 livelli con il pagamento di pochissimi euro. E forse non dovrei dirlo, ma gli altri 4 livelli sono davvero fichi, facciamo una piccola anticipazione per invogliare a mettere da parte fin da subito i soldi per il download completo: oltre al primo livello (Food Land) in cui impariamo a conoscere le dinamiche di gioco e le possibilità di Felinia di sopravvivere agli attacchi di cibo vivente (e incazzato) ci sarà Sea Food, un ambiente che amiamo definire "alla marinara", Dark Roast, dai toni più tetri e cupi, passando per Sweet Fantasy, dove tutti vorremmo vivere e cioè in mezzo ai dolciumi per arrivare alla Cucina Infernale dove Felinia se la vedrà col boss dei boss! No, non Gordon Ramsey, ma la nostra antagonista, la Regina delle Pizze!

Gamemag: Avete già rilasciato un'app su Android? Quali sono le sue caratteristiche e che scopi avete con quest'app?

Sketch & Breakfast: Abbiamo rilasciato un calendario mestruale gratuito con piccole animazioni a fumetti, in realtà un'app molto semplice che ha riscosso un discreto successo e ci ha aiutato a capire diversi meccanismi di mercato delle app e ci ha motivato a muoverci verso progetti più complessi e ambiziosi.

Gamemag: I vostri fumetti, e in particolare il personaggio di Felinia, sono ispirati dalle attività di tutti i giorni. Quali sono le vostre fonti di ispirazione?

Sketch & Breakfast: Non so se posso dirlo senza provare un filo di vergogna, ma le ispirazioni principali arrivano proprio dall'alter ego in carne e ossa. Certo, la maggior parte delle situazioni e delle gag sono portate all'estremo e vengono esasperate per dare quel tocco di demenzialità che serve, ma il punto di partenza è davvero una ragazza che si fa tutte le pippe mentali di Felinia, che vede il mondo con quel tipo di prospettiva ironica e sarcastica e che si rapporta con le altre persone in modo non proprio platonico, diciamo così.

Gamemag: Qual è stata la scintilla che ha generato il successo che oggi avete?

Sketch & Breakfast: Sicuramente Felinia piace perché la maggior parte delle ragazze si rivede in lei. Certamente con le dovute distanze di sicurezza, ma, sebbene in misura diversa, ogni ragazza dotata di ironia e soprattutto autoironia riesce a vedere nei difetti di Felinia i propri difetti, che la società spesso e volentieri suggerisce di nascondere. Invece le nostre vignette raccontano che non c'è bisogno di mascherare i propri limiti e difetti, piuttosto bisogna essere bravi a riderci sopra e a saperli usare a proprio vantaggio... in qualunque modo.

Gamemag: La vostra fanpage su Facebook ha oltre 130 mila fan. Quanto è stata importante internet per veicolare il vostro successo?

Sketch & Breakfast: E' stato fondamentale. Non ci vergognamo a dire che senza Facebook probabilmente a quest'ora eravamo ancora a casa nostra a spedire curriculum e idee per progetti ed editori che non hanno interesse a scoprire nuovi talenti e soprattutto non hanno tempo per dare fiducia a chi non conoscono. Purtroppo il mondo del fumetto tradizionale non è molto aperto ai giovani esordienti, a meno che questi non abbiano saputo dimostrare la loro bravura e il loro talento con qualche pubblicazione all'estero, magari Francia o USA, allora è probabile che si venga presi in considerazione. Non vogliamo fargliene per forza una colpa, alla fine l'intero sistema culturale del nostro paese, soprattutto in questo ambito, non ha le basi e la visione aperta come i paesi sopracitati, però è anche vero che se non si prova a svecchiare un po' il mercato tradizionale non cambierà mai nulla. Facebook, i social network in generale e internet sopra ogni cosa hanno dato la possibilità ad autori esordienti come noi di farsi conoscere ma soprattutto di far conoscere il proprio lavoro. Poi non vuol dire che solo essere su internet garantisca la giusta visibilità, bisogna anche saper toccare i tasti giusti e sfruttare le piattaforme digitali nella maniera corretta. Noi siamo stati fortunati a sfruttare le caratteristiche di Facebook al meglio anche se forse un po' insconsciamente, poiché non siamo partiti con la volontà di diventare "famosi", ma solo con la voglia di divertirci e soprattutto far divertire.
0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^